Lingua   

Rigurgito antifascista

99 Posse


Lingua: Italiano

Guarda il video


99 Posse, Rigurgito antifascista.


Altri video...


Ti può interessare anche...

Stop The Terror
(Luca Zulù Persico)
Stalingrado-We don't need new antifa song
(Al Mukawama)
Perché mai parlarvi di pace?
(Ivan Della Mea)


[1993]
Persico-Jovine-Messina
da "Curre curre guagliò"
curre curre guagliò

stiticfn

Non sapremmo dire se questa famosa canzone dei 99 Posse sia o meno una delle "dimenticanze" di questo sito. Canzone contro la guerra? Di temi di questo sito ne abborda parecchi, certo; ma soprattutto è una canzone antifascista, violentemente antifascista, inequivocabilmente antifascista. Come si sa, in questo sito c'è di tutto, e spesso il contrario di tutto. Ci sono anche, in numero esiguo ma comunque rappresentate, alcune canzoni di fascisti. Bisogna sempre confrontarsi con l'avversario, e non abbiamo mai paura di farlo; ma periodicamente è bene anche ricordare, e ricordare forte e chiaro, da quale parte si sta qui dentro. Non crediamo che esista canzone migliore per farlo, anche se nel testo ci sono spari e spranghe. Gli stessi spari e le stesse spranghe adoperate da quei signorini per cercare di impedire cortei studenteschi, per dare fuoco a centri sociali, e soprattutto per aggredire immigrati durante i pogrom razzisti ben attizzati dalla "cronaca" di regime. Allora ci vuole, sì, un bel rigurgito, di quelli duri. Per ribadire e per non abbassare la guardia. [CCG/AWS Staff]
Fichettini inamidati tutti turgidi e induriti
vanno per la strada tutti fieri ed impettiti
si sentono virili atletici e puristi
sono merda secca al sole luridi fascisti

Domenica allo stadio tutti a sfogare
frustrazioni accumulate in settimane ad obbedire
obbedire ad un potere strumentale al capitale
sissignore mi dispiace ho fatto molto male

Cala la notte e messe a posto le cartelle
reggono i calzoni con due comode bretelle
rasano la testa l’anfibio bene in mostra
coltello nella tasca e incomincia poi la giostra

Drogato negro, frocio comunista pervertito
terrone punk’ a bestia sadomaso travestito
è inutile nasconderti sarai individuato
e nel cuore della notte sarai sprangato

20 a 1 è la tua forza fascio infame
ti nascondi ed alle spalle mi colpisci con le lame
non ti fai vedere in faccia non serve a niente
con la tua puzza di merda ti distinguo tra la gente

C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Stai a sentire verme schifoso
tu non mi campi a lungo ti mando a riposo
c’è una sola violenza che posso accettare
lotta di classe contropotere

Violenza dettata da necessità
necessità oggettiva quella di poter campà’
Campare liberato dal lavoro salariato
ma la tua violenza l’ho già spiegato
è l’azione più eclatante miserabile e impotente
di chi non può far niente disprezzato dalla gente

C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Sei il braccio armato del padronato
che ti succhia fino all’osso e poi sei sei licenziato
miserabile servo dei servi di potere
tu questo lo sai bene e ti fa incazzare

Vuoto come un cesso non ti sai organizzare
vigliacco depresso ed incominci a picchiare
dite rivoluzione fottutissimi vermi
ma siete solo servi dei servi dei servi

Servi dei servi dei servi
nulla può smentire la parola dei bastardi
generati come automi o peggio bene di consumo
sistematicamente MERDA

Per chi vende immagini ricicla stereotipi
a reti unificate per la brava gente
l’informazione di regime non vede e non sente niente
non si parla di chi è picchiato bruciato
mentre il fascista oggi è guardia dello stato

In nome di un valore finto uccide per istinto
come bestie feroci accecate dalla tua idiozia
99 POSSE e ZOU antifascismo militante
senza tregua la sola costante

In culo a quella gente che pensa incoerentemente
per questo chi mi ascolta non mi darà ascolto
l’unico fascista buono è il fascista morto

C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

Dico non mi provocare dico non mi provocare
dico stammi lontano dico vattene a cacare
dico se mi incontri per la strada incomincia a scappare
tieni bene a mente dico non dimenticare

Tocca i compagni e sò’ cazzi da cacare
mi puoi fare l’agguato mi puoi sprangare
ma i compagni sono tanti ti verranno a cercare
in massa di giorno per fartela pagare

E allora non si scappa non c’è niente da fare
la rabbia dei compagni non la si può fermare
come non si può fermare il proprio stesso respirare
lottare e respirare perché è quello che siamo

Respiri per non morire
lotti per continuare a campare
La lotta continua va avanti si evolve
e dopo tanti anni di infamie e di vergogne
sarete ricacciati per sempre nelle fogne

C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista

inviata da CCG/AWS Staff - 15/4/2009 - 01:29




Lingua: Francese

Version française – La Nausée antifasciste – Marco Valdo M.I. – 2010

Nous ne saurions dire si cette fameuse chanson des 99 Posse est une des « oubliées » de ce site Chanson contre la Guerre ? Des thèmes de ce site, elle en aborde plusieurs, mais c'est surtout une chanson antifasciste, violemment antifasciste, irrévocablement antifasciste. Comme on sait, dans ce site, il y a de tout et souvent, le contraire de tout. Il y a même, en nombre restreint, mais quand même représentées, quelques chansons fascistes. Il faut toujours se confronter avec l'adversaire et nous n'avons jamais peur de le faire, mais périodiquement, il est bien aussi de rappeler et de rappeler fort et clair de quel côté nous nous situons ici. Nous ne pensons pas qu'il existe une chanson meilleure pour le faire, même si dans le texte il y a des coups de feu et des matraquages. Les mêmes coups de feu et les même matraquages adoptées par ces petits messieurs pour chercher à empêcher les manifestations étudiantes, incendier les centres sociaux et surtout pour agresser les immigrés durant leurs pogroms racistes bien attisés par la « presse » du régime. Alors, il faut une beau renvoi, un de ces durs. Pour insister et pour ne pas abaisser la garde.[CCG/AWS Staff]
LA NAUSÉE ANTIFASCISTE

De petits poseurs amidonnés gonflés et durcis
Vont par les rues tout fiers et plastronnants
Ils se sentent virils athlétiques et puristes
Ce sont de sinistres fascistes, merde sèche au soleil.

Tous dimanche au stade exhalent
Leurs frustrations accumulées dans la semaine et obéissent
Obéissent à un pouvoir instrumenté par le capital
Parfaitement, je suis désolé si ça te fait très mal

La nuit tombe et rangés les cartables
Ils remontent leurs pantalons avec deux bretelles
Rasent leur tête, la botte bien en évidence
Couteau en poche et de suite commence la ronde.

Drogué noir, homo communiste pervers
Bouseux punk, sadomaso travesti
Il est inutile de te cacher, tu seras démasqué
Et au cœur de la nuit, éclaté à la barre de fer

Vingt contre un, c'est ta force, fasciste infâme
Tu te caches et par derrière tu me frappes au couteau
Tu ne te montres jamais de face, mais ça ne sert à rien
Avec ton odeur de merde, je te repère dans la foule.

J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue
J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue

Écoute ver répugnant
Tu ne feras pas de vieux os, je t'envoie à la retraite
Il y a une seule violence que je peux accepter
La lutte de classe contre le pouvoir.

Violence dictée par la nécessité
Nécessité objective celle de pouvoir vivre
Vivre libéré du travail salarié.
Mais ta violence, je te l'ai déjà expliqué
Est l'acte le plus misérable et le plus impuissant
De celui qui ne peut rien d'autre que mépriser les gens.

J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue
J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue

Tu es le bras armé du patronat
Qui te suce jusqu'à l'os et te licencies
Esclave misérable des esclaves du pouvoir
Tu le sais bien et ça te met en colère

Vide comme un pot, tu ne sais pas t'organiser
Lâche déprimé et tu commences à frapper
Vous dites révolution bande de foutus vers
Mais vous êtes seulement des esclaves des esclaves des esclaves

Esclaves des esclaves des esclaves
Rien ne peut rétracter la parole des bâtards
Générés comme des automates ou pire bien de consommation
Systématiquement MERDE.

Pour celui qui vend des images, recycle des stéréotypes
Aux chaînes unifiées pour les braves gens.
L'information du régime ne voit et n'entend rien
On ne parle pas de celui qui est frappé, brûlé
Tandis qu'aujourd’hui, le fasciste est le garde du régime.

Au nom d'une valeur fausse, il tue par instinct
Comme des bêtes féroces assoiffées de ton idiotie
99 Posse et Zou antifascisme militant
Sans trêve notre seule constante.

Dans le cul à ces gens qui pensent de façon incohérente
Pour cela, qui m'écoute ne m'écoutera pas
L'unique bon fasciste est le fasciste mort.

J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue
J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue

Je te dis ne me provoque pas, ne me provoque pas
Je te dis reste à l'écart, va-t-en chier
Je te dis si tu me croises dans la rue commence à fuir
Mets le bien dans ta tête je te le dis n'oublie pas.

Touche aux camarades et c'est le branle-bas
Tu peux me piéger, tu peux me matraquer
Mais mes camarades sont nombreux, ils te chercheront
En masse de jour pour te le faire payer.

Alors ne t'enfuis pas, il n'y a rien à faire
On ne peut arrêter la rage de mes camarades

Respire pour ne pas mourir
Lutte pour continuer à vivre
La lutte continue, avance, évolue
Et après tant d'années d'infamies et de hontes
Vous serez repoussés pour toujours dans les égouts.

J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue
J'ai la nausée antifasciste
Si je vois un point noir, je tire à vue

inviata da Marco Valdo M.I. - 14/6/2010 - 10:33


Chiedo venia, ma senza alcuna intenzione polemica, ma non senza una sana "vis destruens" e approfittando del buon senso del Venturi, che spero non me ne voglia, di mostrare le mie perplessita' inerenti a questo brano. So bene che a
voi non fara' piacere ma quello che kantianamente si puo' definire come "imperativo categorico" me lo impone :

"Fichettini inamidati tutti turgidi e induriti
vanno per la strada tutti fieri ed impettiti
si sentono virili atletici e puristi"
sono merda secca al sole luridi fascisti

Non è mica colpa nostra se lor signori si sentono deboli, impotenti e frustrati tanto da esternare rancore verso chi non lo è', la gente comune... ma rimane sempre un problema loro.

"Domenica allo stadio tutti a sfogare
frustrazioni accumulate in settimane ad obbedire
obbedire ad un potere strumentale al capitale
sissignore mi dispiace ho fatto molto male"

Non sono molto esperto in materia, non avendo mai messo piede in uno stadio e non avendo mai fatto un gol fin' ora... ma anche i tifosi del Livorno cosa vanno a fare allo stadio da essere cosi diversi da quelli della Lazio ?
A dire il vero a me pare che costoro, facendosi pubblicizza
re dalle major discografiche e le loro produzioni sono in bella mostra nei supermercati e centri commerciali vari, senza dimenticare che un certo canale musicale internazionale di nome "Mtv" tesse loro le lodi : si veda qui, non obbediscono "ad un potere strumentale al capitale" ? Non mi pare che questo accadda lo stesso per gruppi che si chiamano "Hobbit" o "Ultima Frontiera" ma con la frase finale "sissignore mi dispiace ho fatto molto male" mi ritengo qui soddisfatto.

"Cala la notte e messe a posto le cartelle
reggono i calzoni con due comode bretelle
rasano la testa l’anfibio bene in mostra
coltello nella tasca e incomincia poi la giostra"

Non ho mai visto camerati o amici miei di destra portare
sempre cartelle o calzoni con bretelle. Si saranno confusi
con la moda anni '90 ? Quale giostra, quella che si trova ai giardinetti pubblici per bambini ? Ne sono evidentemente
assidui frequentatori...

"Drogato negro, frocio comunista pervertito
terrone punk’ a bestia sadomaso travestito
è inutile nasconderti sarai individuato
e nel cuore della notte sarai sprangato"

Ma questa non è concorrenza sleale ???

"20 a 1 è la tua forza fascio infame
ti nascondi ed alle spalle mi colpisci con le lame
non ti fai vedere in faccia non serve a niente
con la tua puzza di merda ti distinguo tra la gente"

Non con le lame, ma alcuno compagnucci lasciano i loro ricordini esplosivi nelle sedi forzanoviste come a Roma e a Pavia senza neanche lasciarci la firma. Sara' che cio' che altrove si chiama "vigliaccheria" loro chiamano "virtu'".
Io invece distinguo il mittente per la puzza di cannabis.

"C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista
C’ho un rigurgito antifascista
se vedo un punto nero ci sparo a vista"

A parte che i "riugurgiti" portano a garvi complicazioni come malnutrizione e la polmonite ab ingestis... io conosco la stessa medesima frase ma una con rima finale diversa :

Se vedo un punto rosso
sparo a piu' non posso

"Stai a sentire verme schifoso
tu non mi campi a lungo ti mando a riposo
c’è una sola violenza che posso accettare
lotta di classe contropotere"

Ma guardate un po', uno che è figlio di professori universitari all' Orientale di Napoli, certamente non di proletari... mi viene a parlare di "lotta di classe e contropotere". Questo mostra che "nostra signora dell 'ipocrisia" di gucciniana memoria è sempre attuale.

Violenza dettata da necessità
necessità oggettiva quella di poter campà’
Campare liberato dal lavoro salariato
ma la tua violenza l’ho già spiegato
è l’azione più eclatante miserabile e impotente
di chi non può far niente disprezzato dalla gente

Mi sa che costui campa bene con il corposo stipendio dei genitori...

"Sei il braccio armato del padronato
che ti succhia fino all’osso e poi sei sei licenziato
miserabile servo dei servi di potere
tu questo lo sai bene e ti fa incazzare

Vuoto come un cesso non ti sai organizzare
vigliacco depresso ed incominci a picchiare
dite rivoluzione fottutissimi vermi
ma siete solo servi dei servi dei servi

Servi dei servi dei servi
nulla può smentire la parola dei bastardi
generati come automi o peggio bene di consumo
sistematicamente MERDA"

Rispondo a queste sincere parole piene di apertura e di dialogo con questa canzone


Per rimanere in tema di "automi o peggio bene di consumo" :

http://www.youtube.com/watch?v=tq90Ujq1QRc

Il bue che da del cornuto all' asino ?

"Per chi vende immagini ricicla stereotipi
a reti unificate per la brava gente
l’informazione di regime non vede e non sente niente
non si parla di chi è picchiato bruciato
mentre il fascista oggi è guardia dello stato"

Costoro non hanno mai domandato a chi come Stefano Recchioni
e Alberto Giaquinto, due giovani missini freddati dagli sbirri negli anni '70, di cosa si sentissero guardia ?
Di questo stato "democrtico e antifascista nato dalla resistenza" ?

" E allora non si scappa non c’è niente da fare
la rabbia dei compagni non la si può fermare
come non si può fermare il proprio stesso respirare
lottare e respirare perché è quello che siamo"

Di certo non scappiamo noi, come certi signori che si chiamano Cesare Battisti o Oreste Scalzone...

Respiri per non morire
lotti per continuare a campare
La lotta continua va avanti si evolve
e dopo tanti anni di infamie e di vergogne
sarete ricacciati per sempre nelle fogne

Se non sbaglio i 99 posse si sono sciolti ufficialmente il 4 gennaio 2005 e secondo certe voci gia' nel 2001. Noi no !

Tanti saluti e se volete "venirmi in tanti a cercare" vi faccio sapere dove, come e quando. Tanti saluti a vossia !

Don Curzio Nitoglia - 15/4/2009 - 17:45


Lungi da me contrastare gli “imperativi categorici”, kantiani o meno, di chicchessia. Ognuno sente la propria coazione a rispondere, e risponde ovviamente dalla propria parte. Del resto Don Curzio avrà capito alla perfezione che questo è un sito di parte, ed anche che una delle sue caratteristiche è proprio quella di restare indiscutibilmente di parte senza per questo dare l'ostracismo ad altre parti. E questa è senz'altro una canzone molto di parte (come ce ne sono tante altre) alla quale Don Curzio ha dato una risposta di parte; non mi aspettavo nulla di diverso, è una cosa voluta dalla logica. Ma, del resto, preferisco e preferiamo di gran lunga delle parti ben definite all'attuale guazzabuglio dove non si riconosce più niente, e dove l'omologazione e la standardizzazione più terribili regnano indisturbate.

Detto questo, vado (e vago) un po' a caso per la lunga risposta di Don Curzio. Il discorso sull' “aspetto dell'avversario”, innanzitutto. Esistono dovunque degli stereotipi, inutile negarlo; in fondo ognuno vede “l'altro” come lo vuol vedere, scordandosi che esistono comunisti coi capelli rasati a zero e fascisti coi capelli lunghi fino al sedere (per restare proprio in uno stereotipo tra i più comuni). Ma qui siamo in un ambito ben preciso, quello di una canzone diretta ad un certo ambiente; e lo stereotipo è praticamente d'obbligo. Nelle canzoni di destra, del resto, il “komunista” (anzi: la “zecca”), viene dipinto sovente con altrettanti stereotipi. Stiamo giustappunto parlando di canzoni, che non sono e non vogliono essere trattati di sociologia. Per quel che mi riguarda personalmente, da odiatore delle divise quale sono, mi è capitato almeno una volta di entrare in un centro sociale (che frequento spesso) vestito di tutto punto, in giacca e cravatta. Nutro un rifiuto totale verso tutto ciò che è “segno di riconoscimento esteriore”, ambisco casomai ad essere riconosciuto per quello che penso, che dico e che scrivo. In linea di massima, penso di essere riuscito, nella mia vita, ad essere abbastanza inconfondibile. Per il resto, date le mie dimensioni fisiche oltremodo ragguardevoli, se trovo una maglietta che mi sta (taglia XXL) poco m'importa se ci sia sopra il Che Guevara o la Madonna di Lourdes. Meglio che non ci sia nulla.

Per quel che riguarda il pallone, pur essendo tifoso di una data squadra di calcio trovo interessanti, attualmente, tutte le tifoserie, il loro modo di esprimersi e le forme di opposizione al sistema che mettono in atto. Gli atti di “pubblicizzazione” sono in massima parte forme di autofinanziamento che non intendo negare a nessuno: se MTV ritiene di tessere le lodi di qualcuno piuttosto che di un altro, quell'altro si dia da fare. Qui entra in campo soltanto la qualità della musica e delle canzoni proposte: può darsi semplicemente che quelle degli “Hobbit” e degli “Ultima Frontiera” facciano piuttosto schifo, che siano banali musicalmente o testualmente, che non valga la pena pubblicizzarle al di fuori di un certo ambito. In effetti è una cosa che imputo spesso alla “musica alternativa”: lo scimmiottamento pedissequo di tonalità e stilemi della musica e delle canzoni dell'altra parte, senza proporre nulla di realmente originale. Purtroppo, in un sistema in cui il capitale è il metro di ogni cosa, al capitale bisogna sempre rapportarsi per andare avanti. Il grande cantautore, poeta e musicista anarchico Léo Ferré disse a un giornalista che lo accusava di “fare soldi con le sue canzoni”: “Vedi, la differenza tra me, il signor Ford o il signor Fiat è che loro sfruttano gli operai, e ci fanno i soldi. Io scrivo canzoni, e ci faccio i soldi. A te dispiace? A me no!”

Non parlerei poi di “concorrenza sleale”, quanto di chiarezza. Mi sto qui riferendo alla strofa “Drogato, negro, frocio comunista” eccetera. Pur avendo inserito questa canzone di persona, sono ben lungi dall'essere un “fan” delle spranghe, così come quando inserisco una canzone di ispirazione religiosa sono ben lungi dall'essere un “fan” della religione. Se parlo di chiarezza, quindi, cerco di esprimerla e la esigo negli altri. Per me, un “compagno” che aspetta un “camerata” fuori dalla porta e lo colpisce con una spranga, è in primis un imbecille. Se ne provoca la morte, è un assassino. Vorrei quindi chiedere a Don Curzio come giudica il “camerata” che fa altrettanto con un “compagno”. Come giudica i “camerati” che aggrediscono l'immigrato, o che assaltano il bar dei rumeni, o che fanno perdere un occhio al ragazzo senegalese colpevole di “avere un'auto troppo vecchia” (episodio accaduto l'altro ieri a Roma), oppure in generale che seminano odio verso il “diverso”, verso l'altro. Io, qui, non distinguo nessun “mittente”, distinguo soltanto l'umanità e l'intelligenza dalla disumanità e dall'idiozia. Le quali non hanno nessun colore. Per quanto riguarda la puzza di cannabis, questo posso anche capirlo perché la cocaina di cui sono strafatti moltissimi “camerati” è inodore. Cocaina che, peraltro, rappresentava uno dei principali introiti della Banda della Magliana, la quale -come è noto- aveva certi rapportini stretti stretti con l'estremismo di destra. Senza contare che dei bei razzoni se li fanno spesso anche a Casa Pound.

Non sono a conoscenza della provenienza sociale degli ex 99 Posse. Al centro sociale da me frequentato (il CPA Firenze Sud, per la cronaca) ci sono figli di gente che lavora, disoccupati, operai, precari. I gruppi musicali che vi suonano più spesso (Malasuerte ecc.) sono formati da ragazzi di quartiere. Peraltro, conoscendone la qualità e la passione, auguro ai Malasuerte e ad altri di avere lo stesso successo commerciale dei 99 Posse e di fare un bel po' di quattrini: se li meriterebbero, e ciò permetterebbe loro di tirare avanti un po' meglio che con gli stipendi da magazziniere -nel migliore dei casi- o con i lavoretti saltuari al nero. Non mi “sturba” però se il 99 Posse è figlio di un professore universitario, così come non mi sturba se il fascista è figlio di un operaio o di un disoccupato. I figli sono fortunatamente quasi sempre diversi dai padri, ad esempio tale Francesco d'Assisi, figlio di un ricchissimo mercante di stoffe.

Se poi il figlio del professore universitario scrive una canzone del genere, Don Curzio dovrebbe anche considerare a chi si rivolge. Lui può essere “ben piazzato”, ma davanti a sé, tra il pubblico, ha precari, lavoratori con stipendi da fame, disoccupati, storie difficili. I 99 Posse vengono dalla realtà napoletana, e con questo ho detto tutto. Se gli ascoltatori, o “fruitori” che dir si voglia, si riconoscono nelle parole scritte dal figlio del professore universitario, va benissimo: chissenefrega di chi ha scritto date parole, l'importante è che abbiano un valore reale per chi le ascolta, e che servano a fargli prendere coscienza.

Infine, una parte che mi preme molto. Consiglierei a Don Curzio di lasciare stare Cesare Battisti e Oreste Scalzone, specialmente il secondo. Lo stesso Oreste Scalzone che si prese addosso una panca lanciatagli dal terzo piano di una facoltà occupata dai “camerati”, riportandone danni fisici permanenti. Lo stesso Oreste Scalzone non accusato mai di nessun fatto di sangue, ma incarcerato e costretto all'esilio da un “teorema” inventato dagli apparati dello Stato e messo in atto da un giudice, tale Calogero, che risultava peraltro appartenente al Partito Comunista Italiano. Lo stesso Oreste Scalzone che, in questo caso come Battisti, non è scappato con simpatiche e generose protezioni da parte dei servizi segreti, di certi ambienti politici e militari, di “deviazioni” e deviazioncine varie.

Consiglierei a Don Curzio, visto che i suoi “non scappano”, di dirmi invece che cosa hanno fatto, e come lo hanno fatto, personcine come i camerati Delfo Zorzi (ora cittadino giapponese), come Stefano Delle Chiaie, come Sandro Saccucci, come Mario Tuti. Suvvia, sarebbe questo il vostro “non scappare”?... Di fronte alla prospettiva di finire in galera, spesso per sempre (dato che, a differenza di Oreste Scalzone, tutti questi camerati che ho nominato sono stati condannati per reati che vanno dalla strage al duplice omicidio, dai tentativi di golpe alla formazione di bande paramilitari), tutti, e dico tutti, scappano. “Compagni” e “camerati”. E, dal loro punto di vista, fanno benissimo perché la galera è uno schifo di merda. Casomai, ripeto, bisogna considerare il modo in cui sono scappati. Oreste Scalzone è stato aiutato da un attore, Gian Maria Volonté per la cronaca. Delfo Zorzi è stato invece aiutato da qualche compiacente amichetto nello Stato. Ora vive tranquillo nel quartiere di Aoyama, a Tokyo; si fa chiamare “Hagen Roi” (resa giapponese del tedesco “Haken-Kreuz”, cioè croce uncinata, svastica) e fa l'imprenditore di successo. Oreste Scalzone, da quando è libero, continua a non avere un soldo come prima. C'è pur sempre qualche differenza tra il fascista che scappa e il comunista che scappa, no? E Roberto Fiore, l'amico di Don Curzio? O lui, a suo tempo, quando invece di fare il segretario di Forza Nuova faceva il caporione dei NAR, non è scappato in quel di Londra, trovandovi sicuro rifugio e facendoci i regolari bei soldoni? E Andrea Ghira, quello del delitto del Circeo (un'azione tipicamente rivoluzionaria), che ha fatto? Non è per caso scappato, probabilmente anche lui a Londra? Come dire a Don Curzio: “Il bue dà di cornuto all'asino”...

Concludo con una considerazione. Un conto è lo scioglimento di un gruppo musicale, un altro è quello di una formazione o di un progetto politico. Voler paragonare lo scioglimento dei 99 Posse a quello (non avvenuto) di Forza Nuova o di un qualsiasi altro gruppo sarebbe come paragonare lo scioglimento dei Beatles a quello del Partito Comunista Sovietico. Si sono sciolti i 99 Posse, non i centri sociali, non la cultura antagonista che esprimono. Per dei 99 Posse che si sono sciolti ci sono altri cento gruppi che si sono formati, magari non altrettanto noti, ma chi se ne importa. Neppure voi vi siete sciolti? E ci credo. Impossibile che vi sciogliate, quando ricevete fior di soldi persino con il finanziamento pubblico.

Ad ogni modo Don Curzio dorma sonni tranquilli: nessuno lo verrà a cercare con intenti bellicosi. Ci mancherebbe altro. Su questo sito potrebbe anche pubblicare il suo indirizzo privato e il numero di telefono, come faccio tranquillamente io da anni (lo ricordo per l'ennesima volta: Riccardo Venturi, I-50142, Via dell'Argingrosso 65/C Firenze; telefono fisso 055-9060723, cellulare 339-4723095; autobus n° 9 dalla stazione centrale di S. Maria Novella; automobile Citroën Saxo grigia metallizzata, anno di fabbricazione 1998, targata AW 582 YL). Don Curzio ci faccia sapere altrettanto, e s'andrà magari a discutere in santa pace senza spranghe e senza inutile, imbecille e ridicola violenza.

Riccardo Venturi - 15/4/2009 - 19:51


Per me non sono dei camerati, ma bensi' dei criminali. Sai, preferisco usare un' altro termine a quello di "diverso", che di per se crea gia' un distacco fra me ed un soggetto in questione, che è quello di "prossimo". Il razzismo è all' antitesi dell' insegnamento del cristianesimo e della sua etica fondata sull' amore e sulla carita', sopratutto nei confronti di chi ha bisogno. Quindi da coloro che compiono simili atti ne prendo doverosamente le distanze. Ma il razzismo dei tempi d' oggi è frutto di un' altro male che è quella societa' utopica e livellatrice definita come "multiculturale" e "multietnica" che, imposta dall' alto, porta alle conseguenze le quali tu hai molto ben evidenziato. Perdonami Riccardo, ma agli pseudorivoluzionari che fanno i radical chic e che da figli di papa' si lamentano del sistema che, apposta di mettergli i bastoni fra le ruote al contrario li foraggia e li sovvenziona, non consento di farmi da maestri. Uso a riguardo le parole di quel "frocio/ komunista" (che non me ne voglia da lassu') di Pier Paolo Pasolini che valgono proprio per i 99 posse e simili :

"Basta ai giovani contestatori staccarsi dalla cultura, ed eccoli optare per l'azione e l'utilitarismo, rassegnarsi alla situazione in cui il sistema si ingegna ad integrarli. Questa è la radice del problema: usano contro il neo-capitalismo armi che in realtà portano il suo marchio di fabbrica, e sono quindi destinate soltanto a rafforzare il suo dominio. Essi credono di spezzare il cerchio, e invece non fanno altro che rinsaldarlo." (da Saggi sulla politica e sulla società, a cura di Walter Siti e Silvia De Laude, Mondadori)

Con questo torno alle mie preghiere salutandovi con la speranza che il futuro faccia diminuire odi e rancori.

Don Curzio Nitoglia - 15/4/2009 - 23:30


Attribuire il razzismo dei tempi di oggi all'azione di “quella società utopica e livellatrice definita come multiculturale e multietnica imposta dall'alto” dovrebbe significare aver ben presenti le modalità storiche ed economiche con le quali tale imposizione si è venuta a creare. Tale imposizione è in gran parte figlia del colonialismo e dell'imperialismo capitalista euro-americano, basato sullo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, che ha costretto popoli interi prima a vivere sotto il saccheggio continuo di ogni sua risorsa umana e materiale, e poi li ha costretti a migrare in massa. A questo non si è sottratta nessuna forma “politica” assunta dal capitalismo, ivi compreso, ovviamente, il fascismo. La “società multiculturale e multietnica” è un'imposizione della fame e della schiavitù, non un'utopia. Ora come ora, quindi, chi la ha creata deve accettarne le conseguenze e non rinserrarsi in “purezze” o roba del genere, in chiusure che verranno comunque scardinate, lo si voglia o meno. Io non nutro nessuna visione falsamente idilliaca della società multiculturale/multietnica: la accetto semplicemente come un dato di fatto, perché già avvenuta. Qualsiasi tentativo di opporvisi significherebbe ora come ora voler rimettere indietro le lancette dell'orologio: tentativo destinato inesorabilmente a fallire. Se si vuole davvero difendere la propria cultura e la propria identità, lo si deve fare accettando di averne di diverse sul proprio pianerottolo di casa. Mettendole a confronto senza alcun pregiudizio, positivo o negativo. Rifiutando ogni forma di razzismo, ivi compreso quella, subdola assai, del pietismo. Dando la possibilità a chiunque di vivere dovunque una vita degna e negli aspetti culturali che predilige.

In questa pagina Don Curzio sembra scagliarsi contro i 99 Posse, “rei” di essere “figli di papà” o roba del genere. Detto fra noi, a me dei 99 Posse non me ne può frega' de meno. Sono stati un gruppo che ha fatto musica e canzoni. Me ne frega invece molto delle componenti sociali cui si rivolgono, tra le quali la dose di figli di papà o di “radical chic” è drasticamente bassa; ma, forse, Don Curzio continua ad avere un'immagine drammaticamente stereotipata. Cosa che io, invece, cerco di non fare, rendendomi perfettamente conto che tra chi si definisce “fascista” nelle società metropolitane esiste una fortissima componente proletaria; anche per questo mi interessano le tifoserie calcistiche, ivi comprese quelle “di destra”, e le loro dinamiche. Senza nessuna demonizzazione. Ricorrere ai soliti luoghi comuni del “figlio di papà” e alla solita citazione da Pasolini, ora come ora non significa assolutamente niente. Pasolini è morto nel '75 e non dev'essere considerato un vate. È stato un intellettuale controverso che ha visto delle cose giuste, ed altrettante non le ha viste affatto o si è rifiutato di vederle. Ora siamo nel 2009, e il concetto di “popolo” è andato nella cantina della storia. Non esistono più “figli di papà” o “figli del popolo”, esiste una massa globale che ha al suo interno tutte le mescolanze e le condivisioni di questo mondo. Farne un problema di “genitori” non è neppure reazionarismo: è cecità totale di fronte all'evolversi della società globale. In definitiva, io accetto benissimo il reazionarismo come componente della società, e vi trovo anche degli spunti assai interessanti e degni del massimo rispetto, pur non condividendoli: quel che non accetto sono le bende sugli occhi ed il trincerarsi in luoghi comuni. Dai quali, peraltro, non era esente neppure Pier Paolo Pasolini (ed il brano riportato da Don Curzio ne è un esempio perfetto). A Don Curzio, per leggere bene questa società, consiglierei piuttosto di ricorrere alla “Società dello spettacolo” di Guy Débord. E' il libriccino più importante del XX secolo e di questo scorcio di XXI, costa pochi spiccioli ed è stato scritto da uno che era andato ben oltre i chiacchiericci sui “figli di papà”. Se poi volesse leggersi anche il “Manifesto contro il lavoro” del Gruppo Krisis, sarebbe ancor meglio. Altro che Pasolini! Il futuro farà diminuire odi e rancori soltanto quando, per dirla almeno una volta con Carletto da Treviri, si otterrà il superamento dell'esistente. Saluti!

Riccardo Venturi - 16/4/2009 - 03:33


Leggo su La Stampa di oggi che quelli di Casa Pound hanno messo su una piccola tendopoli in Abruzzo, a Poggio Picenze, per aiutare i terremotati...
Molto bene, dico, chiunque dia seriamente una mano è il benvenuto, penso... E poi, chi sono io per giudicare, che non ho mosso un dito se non per donare qualche euro?
E chi se ne frega dei "me ne frego" tatuati su alcuni di questi "angeli neri"... Chi se ne importa della bandiera con la celtica che campeggia sul campo (e dove vuoi che campeggi una bandiera se non al campeggio?)... Chi se ne impippa del look non proprio da "fascisti del terzo millennio" di questi baldi giovanottoni... danno una mano, tutto qui...

Poi però mi chiedo... ma non avevano detto che, per non intasare e dequalificare i soccorsi, soltanto alcune specifiche realtà di volontariato organizzato, particolarmente addestrate ed attrezzate, erano chiamate a garantire l'assistenza ai terremotati? Che titoli hanno questi di Casa Pound per essere lì? Chi li ha chiamati? Perchè sono lì così ben riconoscibili, invece di partecipare all'interno delle organizzazioni accreditate? «Ma perché il Comune ha affidato la gestione dell’emergenza a un gruppo di estremisti? Siamo nell’Abruzzo di Silone e della Resistenza… è uno schiaffo alla memoria», dice qualcuno del posto...

Mah, sarà vera solidarietà o la solita propaganda di sdoganamento, nel caso specifico, anche un po' sciacalla?

Ultimo interrogativo... Massimo Carletti, il capo dei volontari di Casa Pound in Abruzzo ha dichiarato al giornalista Ferruccio Sansa quanto segue: «Noi siamo i fascisti del Terzo Millennio, non ci riconosciamo nella destra di oggi, siamo un movimento di estremo centro alto»...

"Estremo centro alto"? Cosa avrà voluto dire?

Alessandro - 20/4/2009 - 08:16


Uhm, questa notiziola mi inquieta più della tendopoli... chissà che libri si leggeranno domani a Poggio Picenze...

Casapound Arezzo: Libri come mattoni per ricostruire l'Abruzzo

Casapound Italia, in collaborazione con la società editrice Barbarossa, raccoglie libri per la creazione di una biblioteca comunale a Poggio Picenze, comune a 15 km da L'Aquila colpito pesantemente dal terremoto.
La biblioteca sarà intitolata al grande poeta americano Ezra Pound ed i libri potranno essere donati in ogni sede di Casapound Italia.
Ad Arezzo la raccolta è attiva presso la Libreria Spazio Lacerba, in Via San Lorentino 51.
Si raccomanda la donazione unicamente di libri nuovi o usati in ottimo stato.
"La ricostruzione passa anche attraverso i nostri libri."

[Chissà se prendono anche l'intero catalogo di "Sensibili alle Foglie"?, ndr]

Alessandro - 20/4/2009 - 12:14


Cosa abbia voluto dire, non lo so; so solo che questo sito, da oggi, cessa di essere un'occasione di propaganda per Forza Nuova. Penso che chi ha orecchie per intendere, abbia inteso. Discussioni sì; ma alla prossima paginata di notiziuole su chi c'è o chi non c'è in Abruzzo, comincio a fare l'admin cattivo. E assicuro che mi riesce benissimo.

In Abruzzo c'è Forza Nuova, c'è Casapound, ci sono gli Anarchici (al campo 51, per essere precisi), c'è il PD, c'è l'Esercito della Salvezza, le Figlie di Maria, il Partito Marxista Leninista Maoista Polpottiano, l'Unione Condominiale Nichilista, il Club Kropotkin, Calimero il Pulcino Nero e anche qualcun altro in più. Tutti quanti sono lì per dare una mano. E anche per portare un po' d'acqua al loro mulino. Casualmente, poi, e non lo si direbbe, ci sono anche i terremotati. Volevo gentilmente ricordarlo.

Questo sito non è un bollettino di propaganda per nessuno in salsa terremotata. La mano e l'aiuto vanno bene. Farsi belli e cercare occasione di "visibilità" sulla pelle della gente e sulle macerie delle case, invece, è semplicemente indecente. Lo dico a don Curzio che posta paginate forzanoviane come lo direi a un comunista che postasse paginate della sua parte. Questa cosa non si deve ripetere. Va bene ogni tipo di discussione, ma chiunque, e ribadisco chiunque, preghi il suo dio il giorno quando m'accorgessi d'un eccessivo approfittarsi di una disponibilità che ben pochi altri accorderebbero.

Traduzione in spagnolo: con juicio.

Saluti.

Riccardo Venturi - 20/4/2009 - 17:28


Io vorrei capire solo cosa c' entrino Silone e La Resistenza con la tragedia in atto e le sue vittime...
Sotto le macerie è finita gente di ogni colore politico, razza o credo diversi. Ma se anche cosi non fosse non vedo la ragione del rievocare nostalgismi di ogni tipo o vecchi rancori, sopratutto di fronte ad una tragedia simile che dovrebbe vedere tutti uniti. E' una questione di maturita' oltre che d' intelligenza e buon senso. Spero che siate d' accordo.

Don Curzio - 20/4/2009 - 22:01


Non so cosa c'entrino, ma il mio discorso è totalmente diverso. Forse sarà anche perché, facendo servizio sanitario volontario dalla bellezza di 31 anni (26 gennaio 1978 per la precisione), mi è capitato di vederne di tutti i colori fra tragedie, disgrazie, catastrofi, attentati (ero in servizio sia per la strage del rapido 904 sia per quella di via dei Georgofili), violenze e compagnia bella. Chi vuole andare a dare una mano, se ce n'è reale bisogno, ci vada come essere umano e basta, e non come adepto a questa o quella setta politica e/o religiosa. Tutti siano pienamente mescolati e, soprattutto, irriconoscibili. Pur nella mia antireligiosità, riconosco che gli antichi "fratelli" della compagnia della Misericordia di Firenze avevano visto giusto: quando si recavano a soccorrere un malato o un ferito, si calavano un cappuccio sulla testa. Chi veniva soccorso non doveva sapere chi lo soccorreva, se era un nobile o l'ultimo dei popolani. Se era un amico o un nemico della propria famiglia. Nell'aiutare chi soffre non solo dovremmo essere tutti uguali, ma nulla si dovrebbe sapere di noi. Via bandiere, stemmi, gagliardetti e altri ammennicoli. Saluti.

Riccardo Venturi - 20/4/2009 - 22:52


Mi chiedo, vabbè che è un prete e ci avrà, come tutti, la sua brava deformazione professionale, ma Don Nitoglia, invece di continuare ad elargirci le sue prediche e i suoi sermoni (mica ha scambiato 'sto sito per un pulpito?), ma perchè non ci posta qualche bella canzone in tema con le CCG? Alle messe, anche a quelle che celebra lui, non dovrebbero mancare le canzoni di pace... basta che non sia "Al ciel, al ciel, al ciel andrò a vederla un dì..." o "Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla..." o cose cariogene del genere...

Suvvia, un piccolo sforzo! Don Curzio Nitoglia che contribuisce con una canzone contro la guerra, bella, chiara, originale, ben postata, che gli admins sono contenti che non devono pensarci e lavorarci troppo su o, tanto meno, rispondere e/o precisare 10 volte o, tanto peggio, cassare...

Don Curzio Nitoglia che finalmente contribuisce alla crescita e non all'intaso di questo bel sito... Ce la fa?!?

Alessandro - 21/4/2009 - 15:02


Approvo senz'altro il commento di Alessandro!

Riccardo Venturi - 21/4/2009 - 15:48


la prima volta che ho ascoltato questa canzone ero in manifestazione a Milano. E come tutti i quattordicenni con le magliette rosse che protestano contro i tagli alla scuola pubblica, mi sono esaltato, cantando insieme ai compagni "ho un rigurgito antifascista..."
Qualche anno dopo, sentendo la stessa canzone cantata da mia sorella, quattordicenne, mi sono bloccato, disgustato.
Possibile che l'odio e la violenza fascista vadano combattuti con altro odio e violenza? No, non credo siano questi i mezzi e speravo di non trovare mai questa canzone sul più bel sito di canzoni della rete. Secondo me, quanto scritto dai 99 posse è inaccettabile per uno che si definisce antifascista, perchè la violenza (politica) e l'odio (politico) sono caratteristiche intrinseche del fascista. Saluti!!

matteo88 - 22/4/2009 - 16:35


Caro Matteo, uno degli intenti principali di questo sito è proprio quello, come dire, di "stimolare". I suoi detrattori (ce ne sono, ce ne sono!) dicono che stimola...certe funzioni fisiologiche (:-PP); e infatti abbiamo appositamente creato pure un apposito percorso. Scherzi a parte, ti vorrei far presente che in quello che definisci (e te ne ringraziamo) "il più bel sito di canzoni della rete" vi sono canzoni altrettanto o anche più violente di questa; proprio perché, in sé, "Canzoni contro la guerra" è un sito assai vasto, multiforme, che non è soltanto contro la guerra in tutte le sue forme ed il militarismo, ma attorno a tutto ciò che attiene alla violenza (ad esempio, ed è un caso che mi piace sottolineare, quella del lavoro o quella sulle donne). Ci sono canzoni che si situano direttamente "contro"; ve ne sono altrettante che, proponendo una sorta di "viaggio" dentro la violenza, fatta e subita, aiutano a meglio precisare come ci si intende situare al cospetto di una cosa che, lo si voglia o meno, esiste.

A tale riguardo vorrei porti una questione. Sicuramente saprai che in questo sito sono presenti moltissime canzoni sulla guerra civile spagnola del 1936-39, scatenata da un gruppo di militari fascisti clericali. In massima parte si tratta di canzoni di lotta situate in un preciso contesto di guerra; in una parola, di canzoni nella guerra. Prendi ad esempio questa e dimmi: leggine il testo (è facile, anche se è in spagnolo) e vedrai che, al confronto, "Rigurgito antifascista" è una canzoncina dello Zecchino d'Oro. Oppure prendi quasi tutte quelle inserite nel percorso sulla repressione, leggile (ed ascoltale) bene. Oppure ancora, "studiati" La vie s'écoule, la vie s'enfuit. Altro che 99 Posse, qui c'è di mezzo Raoul Vaneigem.

"Canzoni Contro la Guerra" non ha mai avuto nessun falso "scrupolo" nell'inserire queste canzoni, né lo avrà mai. Diverse di esse, e lo sappiamo benissimo, possono generare delle reazioni come la tua; ma, sin dall'inizio, questo sito non si è mai proposto come qualcosa di strettamente "pacifista". La canzone che meglio esprime questa cosa è forse una di Ivan Della Mea, Perché mai parlarvi di pace?; ti consiglio di leggere anche quel che scrissi a suo tempo, presente sulla pagina in questione. E, tanto che ci sei, dai un'occhiata anche al Postribolo, la "postfazione" che scrissi in occasione della chiusura della primitiva raccolta delle CCG sui newsgroup e sulle mailing list, nell'aprile del 2003 (quando questo sito esisteva già, ma da pochi giorni). Si tratta, in un certo modo, dei testi "fondanti" di questo sito (ed il fatto che li abbia redatti io è del tutto secondario: si tratta, specie nel secondo caso, di testi nati da discussioni).

"Perché mai parlarci di pace?", si chiedeva Della Mea nel 1969. Un sito "contro la guerra" che parlasse soltanto di "pace" e di "non-violenza" sarebbe senz'altro molto coerente e puro, ma non sarebbe in realtà contro un bel nulla. Sarebbe una raccolta di canzoni rigorosamente su un dato argomento, ma si trasformerebbe in qualcosa di squisitamente autoreferenziale, senza nessuna incidenza, un "cofanetto-strenna" per così dire. Niente di attivo, una gabbia. Scegliendo sin dall'inizio di non stare in quella gabbia sappiamo di provocare, in molti, problemi, "sturbi", accuse di "incoerenza" e quant'altro; ci siamo abituati. E proprio per questo, ultimamente, abbiamo deciso di violare anche la gabbia ideologica, andando a spulciare (con estrema attenzione sì, ma senza preclusioni) in quel che si è detto e si dice dall'altra parte, da quella dei fascisti "DOC", certificati. Figurati: questo basterebbe a diversa gente a definirci tout court un "sito fascista" e non ho alcun dubbio che alcuni lo facciano; e li lasciamo fare. Nel vasto pacchetto di libertà assolute proposte da questo sito è compresa anche quella di considerarlo come si vuole.

Lo sai cosa sarebbe questo sito, senza persino "Rigurgito antifascista"? Sarebbe un fortino assediato, una specie di Fortezza Bastiani con davanti dei Tartari che non arrivano mai. E' bene farli arrivare, invece, ed affrontarli. Io posso senz'altro capire la tua reazione al riascolto di "Rigurgito antifascista", ed anche la tua reazione nel vederla qui dentro; ma ti invito a non rinchiuderti neppure in definizioni un po' troppo semplicistiche, come quella sulle "caratteristiche intrinseche del fascista". La violenza politica e l'odio politico sono storia, e qui si fa principalmente storia e memoria. Con l'ausilio (alcuni dicono: il pretesto) delle canzoni, certo, ma tutta la storia umana è stata accompagnata dalla sua musica e dalle sue canzoni. Sono cose che esisteranno sempre, e non tenerne conto sarebbe fare come gli struzzi.

Sarebbe stato comodo, anzi comodissimo, limitarci al "pacifismo": andare oltre, e molto oltre è invece scomodissimo. Lo abbiamo fatto senza ripensamenti né pentimenti, ed anche con la coscienza di sbagliare almeno una volta al giorno. Su questo ti inviterei a riflettere seriamente: in rete siamo definiti, giustamente, dei mediattivisti; ed essere attivi significa esporsi (in primis alle critiche). Senza esposizione non si è nulla, e non si è "contro" nulla: si è semplicemente dei portatori di hobby. Beh, questo sito può essere tante e tante cose, ma non è un hobby. La sua ambizione estrema sarebbe quella di essere un rigurgito di martellate su molte, su troppe coscienze addormentate.

Sono quelle, ad esempio, di chi basandosi sui tuoi stessi ragionamenti ha fatto sì che l' "opposizione" in questo paese fosse esplicitata dal "Partito Democratico"; può essere che qualcosa di simile a "Rigurgito antifascista", da ragazzo la abbia cantata anche Walter Veltroni. O Massimo D'Alema che lanciava le molotov a 17 anni, e che oggi rivendica orgogliosamente la decisione di andare a bombardare la ex Jugoslavia. Stiamo attenti ai rifiuti "a priori" e a crescere troppo: va a finire che, alla fine del cerchio, ci si rende conto che s'aveva almeno un bel po' di ragione quando si aveva 14 anni.

Saluti!

Riccardo Venturi - 22/4/2009 - 18:42


Caro Riccardo,
il mio commento non intendeva contestare tutte quelle canzoni non propriamente “pacifiste” e “non violente” di questo sito. Premetto che detesto le armi e la violenza in sé e non disdegno l’etichetta di “pacifista”, anche se con le etichette si sbaglia sempre (c’è chi dice che Di Pietro è un comunista e chi dice che Bertinotti non è comunista…). Tuttavia, detto questo, non sarò certo io a condannare le resistenze armate al fascismo (guerra di spagna, resistenza italiana…) o “la guerra agli oppressor” degli anarchici di Lugano, né tantomeno l’occupazione delle fabbriche, il maggio francese, la bomba contro l’ingiustizia di Guccini…e tante altre forme di lotta che nel corso della storia sono state tanto fondamentali quanto (talvolta) fallimentari.

Il mio commento riguardava la canzone dei 99 posse, che a sua volta si riferisce al problema dei cosiddetti neofascisti italiani. Deploro la dose di violenza che c’è in tale canzone, al di là dei volgarismi. Per esempio, si contesta la “vigliaccheria” fascista, come a dire che se attaccassero in rapporto 1 a 1, frontalmente e senza lame sarebbero rispettabili. Espressioni come “sparo a vista”, “il fascista morto”, “incomincia a scappare”, “in massa di giorno per fartela pagare”, esulano di gran lunga dai valori della Resistenza italiana al fascismo (“Perchè la resistenza è un fatto solidale, vuol dire fratellanza, significa aiutare”). Anzi mi ricordano molto di più lo stile delle squadracce del ventennio. Forse era questo che avrei dovuto scrivere, invece dell’“odio politico” come “caratteristica intrinseca del fascista”, che, ammetto l’errore, era una definizione semplicistica.
Non si tratta di addormentare le coscienze, ma di un altro modo di rapportarsi all’avversario politico diverso dalla retorica veltroniana del “vogliamoci bene”, diverso dalla violenza di chi gli avversari vorrebbe eliminarli fisicamente.
Anche perché, credo, il problema di oggi in Italia non sia l’1% di forza nuova, ma il 60% del pdl, che mi piace spiegare con le parole dei Ramblers “oggi contessa ha cambiato sistema…la sua arma più forte è comprarti”.

Buona vita!

matteo88 - 27/4/2009 - 12:41


Uhm, credo che il problema vero in Italia, adesso, non sia né l'1% di Forza Nuova e neppure il 60% del PD con la Elle, come lo chiama uno che conosco. Credo invece che sia il trionfo del PU (Pensiero Unico); ma su questo ne avremo a riparlare senz'altro!

Saluti!

Riccardo Venturi - 27/4/2009 - 15:44




Lingua: Inglese

Enough is enough (Chumbawamba)
1994
Anarchy

ho provato più volte a inserire questa canzone dei chumbawamba come canzone autonoma, (anche oggi), secondo il principio che se ha diritto di albergo in questo sito rigurgito antifascista, allora anche Enough is enough, che ben meno violenta è di Rigurgito antifascista. Sono pienamente d'accordo con quanto scritto da matteo88, e questa canzone più volte cassata, ci ricorda di non abbassare la guardia contro vecchi e nuovi fascismi, il verso più violento è "Give the fascist man a gunshot" che niente ha di diverso da "se vedo un punto nero ci sparo a vista". Io la inserisco anche qui, decidete voi se darle una dignità autonoma, cancellarla del tutto o metterla qui in appendice
Enough is Enough (Kick it Over)

Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Enough is enough is enough
Give the fascist man a gunshot
Enough is enough is enough
Give the fascist man a gunshot
You know Vienna, under heavy manners
What's going on? What the hell is going on?
We all sit waiting, waiting, for the tide to turn
The history lesson that we forgot to learn
Smoother words, smoother words
Nicer suits, nicer suits
Don't be fooled, they're still wearing jackboots
The words get tired when you hear them every day
The Nazis changed but they never went away
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Enough is enough is enough
Give the fascist man a gunshot
Enough is enough is enough
Give the fascist man a gunshot
We got bored and tired, it wasn't hip anymore
They were playing our tune but it was clearing the dance floor
How many of us does it take to change a light-bulb?
Answer: it's easier to stay in the dark
So here we go again, same idea, different song
Where have all the anti-fascists gone?
The words get tired when you hear them every day
The Nazis changed but they never went away
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
Remember to kick it over, remember to kick it over
Open your eyes, time to wake up
Enough is enough is enough is enough
(repeats) Open your eyes, time to wake up
Open your eyes, give the fascist man a gunshot
Enough is enough is enough is enough
(repeats)
Remember to kick it over, remember to kick it over
Remember
Where have all the anti-fascists gone?
Remember to kick it over, remember to kick it over
Where have all the anti-fascists gone?
Remember to kick it over, remember to kick it over
Remember
Remember to kick it over, remember to kick it over
(repeats)

inviata da DonQuijote82 - 26/8/2011 - 19:01


Senza stare a voler riaprire tutta la polemica, consiglio di riascoltare - in quell'album ineguagliabile che era "Curre curre guagliò" Rigurgito (TV Version) in cui dei frammenti di telegiornale riportano la notizia della violenza gratuita e bestiale di alcuni skinhead. Non dimentichiamoci che "Rigurgito antifascista" fu scritta come risposta a quell'episodio.

Lorenzo - 26/8/2011 - 23:08


VELLETRI, 6/6/2013: AGGREDITI DAI FASCISTI DI CASAPOUND I 99 POSSE

ozulu


Comunicato del Partito Comunista dei Lavoratori, 7 giugno 2013

VENTI A UNO E' LA TUA FORZA FASCIO INFAME - SOLIDARIETA' A LUCA PERSICO

Il PCL esprime la propria solidarietà al compagno Luca Persico aggredito da alcuni vermi fascisti ieri a Velletri.

Luca Persico meglio conosciuto come "o zulù" voce del gruppo 99 POSSE, questa sera è stato aggredito da circa una ventina di fascisti di Casapound, le sue condizioni non sono gravi a lui e al fonico tutta la nostra solidarietà, ricordiamo che Casapound è appoggiata da : Pdl, Fratelli d'Italia, Lega Nord e da altre maleodoranti pantegane circolanti in quel tombino chiamato Parlamento Italiano.

Comunicato 99 posse:

Chi ci mette la faccia si assume i suoi rischi e noi ce la mettiamo ovunque da venti anni. Anche a Velletri stasera, quando in due - Zulù e un nostro fonico - vengono aggrediti da venti fascisti che colpiscono e scappano, appena notano che all'ingresso del locale qualcuno si è accorto di quanto sta accadendo e si muove in soccorso degli aggrediti. Purtroppo le ferite riportate, per quanto non gravi, hanno impedito che si tenesse il live set previsto al pub Passo Carrabile.

Venti a uno è la tua forza fascio infame, e anche stasera hai tenuto fede alla tua natura di vigliacco. Non abbiamo sporto denuncia perché crediamo che l'antifascismo non si pratichi in quei tribunali che assolvono gli assassini di Stefano Cucchi e comminano 100 anni di carcere a 10 compagn* per qualche vetrina rotta a Genova. La lotta continua, a testa alta come sempre, sputandovi in faccia il nostro odio!

Da La Repubblica

Velletri, aggrediti i 99 Posse
"Noi, picchiati dai neofascisti"


L'episodio sarebbe accaduto nella piazza antistante il pub "Il passo carrabile" prima di un'esibizione. "Erano in venti con simboli di estrema destra, cinture e altri oggetti contundenti". Il racconto su Facebook, la band non sporgerà denuncia

Velletri. Ore 22.30. Pub "Il passo carrabile". Sta per iniziare il concerto di Luca Persico, "O' Zulù", il cantante dei 99 Posse. Un gruppo di persone però si avvicina e scatta la violenza. "Siamo stati aggrediti dai neofascisti" raccontano la voce e un fonico della band in un comunicato stampa pubblicato questa mattina sulla pagina Facebook del gruppo.

"Subito dopo aver parcheggiato nella piazza antistante il pub, sono stati aggrediti con cinture e altri oggetti atti a offendere da un gruppo di una ventina di persone che esponevano simboli di estrema destra. La pronta reazione e l'intervento della sicurezza del locale hanno fatto sì che gli aggressori si dessero rapidamente alla fuga, impedendo che l'episodio avesse conseguenze più gravi delle contusioni, dei tagli e delle abrasioni superficiali riportate dai nostri compagni, che hanno rifiutato di essere trasportati in ospedale" scrivono i 99 Posse che comunque non sporgeranno denuncia alle forze dell'ordine.

"Erano venti contro due - spiegano ancora - Sono vigliacchi, capaci di farsi forza solo in branco e in schiacciante superiorità numerica. Purtroppo la serata non ha potuto avere luogo e ci scusiamo con i presenti che erano venuti ad assistere allo spettacolo" dicono.

"E' un fatto grave - commenta la band militante che ha composto canzoni come "Rigurgito antifascista" - che si inserisce in una sempre più preoccupante recrudescenza dell'estremismo fascista in Europa e in Italia. Il 5 Giugno a Parigi, nei pressi della centralissima Saint-Lazare - ricordano - è morto in seguito alle percosse ricevute da tre naziskin Clément Méric, studente della facoltà di Scienze Politiche di appena 18 anni. Nella notte dello stesso 5 giugno una molotov è stata lanciata contro il portone del centro sociale Astra 19 nel cuore del Tufello a Roma, al piano terra di una casa popolare abitata da decine di persone (nel giorno in cui ricorreva un anno dalla morte di Carla Verbano, mamma di Valerio, il militante comunista ucciso il 22 febbraio del 1980 da un commando di tre neofascisti, ndr). Anche in questo caso, chiara la matrice fascista, nel clima avvelenato della campagna elettorale per le Comunali a Roma" concludono Zulù e i suoi che hanno ricevuto già la solidarietà virtuale di centinaia di fan.

(07 giugno 2013)

Ahmed il Lavavetri - 7/6/2013 - 11:38


Rispondo a Don...."Non ho mai visto nessun camerato o mio amico di destra andare in giro con le bretelle...sono forse rimasti agli anni '90?" La canzone è del '93...Una deficenza cronica di questo grado solo un fascismo può mostrarla...

Se la merda fosse oro, Forza Nuova che tesoro...

Emanuele - 17/7/2016 - 20:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org