Lingua   

Tammurriata del lavoro nero

Bisca


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

La bomba intelligente
(Bisca)
Facendo la storia/Making history
(99 Posse)
La nostalgia e la memoria
(Assalti Frontali)


Sull'aria della tradizionale Tammurriata nera, una...versione opportunamente aggiornata ai tempi nuovi ad opera di Bisca 99 Posse. Originariamente proposta come appendice alla Tammurriata originale, ma abbiamo pensato che per il suo contenuto meritasse una pagina autonoma anche in modo da essere inserita nell'apposito percorso. La abbiamo quindi autonomamente distinta nel titolo. [CCG/AWS Staff].

[1993]
La bomba intelligente

Bisca La bomba intelligente

Testo di Dario Jacobelli

Originariamente attribuita ai Bisca 99 Posse, la canzone è dei soli Bisca, dal disco "La bomba intelligente", poi reinterpretata insieme ai 99 Posse nell'album "Incredibile Opposizione Tour" del 1994

biscanovan
E nat’ nu lavoro è nat’ nir’
‘e a feccia ‘o pigl’ ‘n gir’
Sissignore ‘o pigl’ ‘n gir’
1234………..5678

‘I nun capisc’ e vvote ch’ succed’
E chell’ ca se vede nun se crede
Nun se crede nun se crè
È nat’ nu lavoro è nat’ nir’
‘e a feccia ‘o pigl’ ‘n gir’
sissignore ‘o pigl’ ‘n gir’
se ‘na ‘mprission’ se
se ‘a tolleranza se
a Giuglian’ a Baia Domizia
a Villa Literno a Casandrin’
chill’ o fatto è nir’ nir’
nir’ nir’ comm’a cche

Succede int’ e campagne chist’affare
‘e nuov’ caporal’ se ne veden’ a migliar’
e se ne veden’ a migliar’
‘e vote basta sul’ na soffiata
e ‘o nir’ se ritrova dint’ a cella carcerat’
se na ‘mprission’ se
se ‘a tolleranza se
capuzziell’ e criminal’
vecchi arnes’ e capural
dint’ e terre ‘e Baia Domizia
fann’ e gall’ ‘ncopp’ a munnezz’

Guaglio damm’ o permess’
statt zitt’ e nun fa o fess’
ca sinnò c’o fogl e via
tuorn ampress’ a casa toia
che vulit’ brigadiè
i’ faticav’ int’o’ cantier
quatt nir’ senza permess’
si te va buon’ sinò è ‘o stess’
l’ata sera a piazza Dante
‘a panza mia era vacant’
si nun’ era p’o contrabband’
i’ mo già stev’ ‘o campusant’
so’ tornat’a piazza Dante
so’ passat’ 40 ann’
dint’ a piazza nuovament’
ati nir’ miez’ a gent’
nun so figl’ e nu marins
nun so asciut’ a chissachi
so’ venut’ piss piss do paese de rais
so’ modern’ emigrant’
scis ‘a nuov’ bastiment’
so’ sfruttat’ tutt’ quant’
dint’ o vecchio continent’

E’ nat’ nu lavor’ e’ nat’ nir’
e a feccia ‘o pigl’n gir’
sissignore ‘o pigl’n gir’
e’ nat’ int’ e campagne
e’ nat’ ‘miezz’ a via
e’ nat’ int’e cantier’
int’e famiglie da borghesia

E’ signore pusillipine
tenen’e colf filippine
mentre ‘ncoppa via Petrarca
tutt’ chell’ e ‘llati part’
american’ espress’ damm’ ‘o dollar’ che vaco ‘e press’
ca sinnò ven’ a polis’ e mett’ e man addò vo iss

E’ nat’ nu lavor’ e’ nat’ nir’
e a feccia ‘o pigl’n gir’
sissignore ‘o pigl’n gir’
e’ nat’ int’ e campagne
e’ nat’ ‘miezz’ a via
e’ nat’ int’e cantier’
int’e famiglie da borghesia

Si ce pienz’ è semp’o stess’
stu sistema è proprio ‘o cess’
mafia ‘ndrangheta e camorra
ca controlla sta vergogna
per la legge è tutt’ uguale
vai a finì a puggiuriale
ma si è nir’ o malament’
tutt’ è semp’ chiù evident’
so turnat’ a Piazza Dante
sò passat’ 40 ann’
dint’ a piazza nuovament’
ati nir’ ‘miez’ a gent’
nun so figli ‘e nu marins
nun so asciut’ a chissachì
so venut’ piss’ piss’
do paese de rais
so modern’ emigrant’
scis’ a nuov’ bastiment’
so sfruttat’ tutt’ quant’
dint’ o vecchio continent’
‘e signore pusillipine
tenen’ e colf filippine
mentr’ ‘ncoppa ‘a via Tetrarca
tutt’ chell ‘e ‘llati part’

E’ nat’ nu lavor’ e’ nat’ nir’
e a feccia ‘o pigl’n gir’
sissignore ‘o pigl’n gir’
e’ nat’ int’ e campagne
e’ nat’ ‘miezz’ a via
e’ nat’ int’e cantier’
int’e famiglie da borghesia

inviata da Donquijote82 + CCG/AWS Staff - 5/4/2009 - 19:18


Si chiamava Patrice Ngafeu Tchakounte…

A Torino, nel cuore di Borgo San Paolo (quartiere un tempo – molto tempo fa - resistente ed ‎operaio, quello di Dante Di Nanni e del ‎‎grande sciopero del 1962) c’è un ‎grande mercato rionale, quello di corso Racconigi.‎
Oltre all’interminabile sequela dei banchi all’aperto, da diversi anni c’è pure un mercato al coperto ‎ospitato nelle strutture dell’ex Züst Ambrosetti.‎
Il mercato di corso Racconigi è secondo soltanto a quello leggendario di Porta Palazzo e quindi ‎potete immaginarvi che brulichìo di gente via sia fin dalle prime ore del mattino, specie il sabato.‎
A brulicare dall’alba al tramonto, con il loro corredo di carrelli, muletti, furgoni e camion (che, con ‎poche eccezioni, sono sempre vecchi trabiccoli scassati, rumorosi ed inquinanti), sono sempre di ‎meno gli italiani e sempre di più gli stranieri, maghrebini e romeni in testa…‎
Alcuni di loro sono anche riusciti a comprarseli i banchi, ma i più sgobbano – spessissimo in nero – ‎per padroni italiani che, magari dopo una vita di lavoro, per lo più sono oggi occupatissimi a ‎contare e ad investire i soldi guadagnati evadendo grandemente il fisco (trovatemi un mercataro che ‎faccia uno scontrino che uno, e non parlo di coltivatori diretti) e col sudore dei loro collaboratori ‎sfruttati e malpagati.‎

Sabato 24 settembre 2011, ore 6,30, corso Racconigi, angolo via Vigone, davanti all’ingresso del ‎mercato coperto, al numero 51…‎



Un ragazzo di 27 anni, Patrice Ngafeu Tchakounte, originario del Camerun e studente in medicina a ‎Torino, sta percorrendo in Vespa quel tratto di strada al centro del mercato rionale quando, ‎all’improvviso, cade e muore… Una vita e tanti sogni spezzati in quello che, a prima vista, potrebbe ‎essere nient’altro che un banale incidente, come ne accadono tanti ogni giorno in una metropoli ‎come Torino…‎
Solo che Patrice forse non è caduto da solo, forse ha trovato sulla sua traiettoria un mezzo, sbucato ‎sulla strada all’improvviso, che lui non è riuscito ad evitare. Patrice è esanime sull’asfalto, in un ‎lago di sangue; qualcuno chiama i soccorsi ma per lui è già troppo tardi… Intanto, mentre Patrice ‎muore, tutti sono spariti da quell’angolo del mercato che fino a qualche secondo prima brulicava di ‎operatori intenti ad allestire i banchi… Nessuno è stato, nessuno ha visto, nessuno sa… Forse il ‎povero Patrice è stato disarcionato (dai coltelli di un muletto in movimento?) oppure è caduto per ‎evitare l’impatto con un mezzo manovrato senza grande scrupolo per la sicurezza altrui da qualcuno ‎che ha preferito sparire, facilmente perché straniero e/o perché intento a faticare in nero…‎



E’ passato quasi un anno dalla morte di Patrice Ngafeu Tchakounte… Il mercato continua a ‎svegliarsi alle 4, alle 5 del mattino con il suo solito brulichìo di gente, i soliti a faticare in nero, i ‎soliti a contare i soldi….‎
Sono di certo in molti ad aver visto e a sapere ma continua a non esserci giustizia per Patrice, morto ‎nel fiore della sua stagione mentre forse stava pensando a quale specialità iscriversi dopo la laurea ‎in medicina… I suoi amici hanno dovuto fare una colletta per poter rimpatriare la salma in ‎Camerun… Di Patrice Ngafeu Tchakounte resta in corso Racconigi uno striscione a lui dedicato ed ‎i messaggi lasciati da chi l’ha conosciuto e gli ha voluto bene.‎

E’ passato quasi un anno e non c’è nessun responsabile per la morte di Patrice…‎
D’altra parte, in fondo, non è morto che un nero, ammazzato, forse, da un altro che in nero ci ‎lavorava…

Dead End - 14/8/2012 - 09:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org