Lingua   

Confini

Fabio Bello
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Benvenuti in Italia
(Fonetica)
Ma la guerra no!!!
(Fabio Bello)
(R)esistere
(Fabio Bello)


La canzone prese spunto da alcuni giorni d'estate passati in Jugoslavia pochi mesi prima dello scoppio del conflitto del 1992, giorni in cui si coglievano già segnali dell'odio a venire.

Il testo credo sia comunque fruibile indipendentemente da una collocazione storico-geo-temporale, libero a personali suggestioni.

Dedicata a don Tonino Bello e ad Alex Langer.
I pettirossi volano troppo lontani:
un confine loro non sanno neanche cos’è
Rivolgi dietro alla collina lo sguardo:
la tua casa, una linea, cippi senza un perché.
Anche una nuvola si può fermare e star lì.

RIT. Cosa farai quando verrà la guerra?
Mica puoi vivere su un’altra terra…
Cosa farai quando verrà la guerra?
Come farai?

Stretti, abbracciati, così uguali e diversi:
dagli sguardi beati capiresti di più;
grida a rotoloni lungo il prato inclinato,
nei dialetti confusi, e poi frenarsi laggiù.
Anche un gioco si può fermare e star lì. [RIT.]

E suoni sordi trasportati dal vento
sembrano parole di malinconia;
fanno spavento quegli idiomi stranieri,
oggi come ieri segni di discrasia.
Anche un canto si può fermare e star lì. [RIT.]

Ma giunge il giorno che risali il sentiero,
poche cose in spalla, troppe cose d’addio:
tu guardavi il confine per capire chi eri
ma un confine confonde quel ch’è tuo e quel ch’è mio.
Anche una fuga si può fermare. Stai lì.

inviata da Fabio Bello - 23/3/2009 - 00:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org