Lingua   

Cantiamo una canzone di pura verità

La Cantarana
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

J’etais encore petit garçon
(La Cantarana)
La bataille de Salabertrand
(La Cantarana)
Le voici donc revenu mon ami de grenade
(La Cantarana)


Una canzone tratta dal cosiddetto "Cahier Tron", un quaderno di canzoni raccolte da tal Enrico Tron della borgata Roberso di Massello, in val Germanasca, nel 1898, e trascritte dai cantori de La Cantarana.
Si tratta di un quaderno di cm. 14x21, contenente 143 canti.
Sul frontespizio, la scritta "Tron Enrico / l'anno 1898 / Roberso"
Alcune canzoni sono in francese, altre in piemontese ad altre in italiano. Una di queste, catalogata al n. 75, l'ho trovata molto belle e divertente... Inizia con il verso "Cantiamo una canzone di pura verità" e se la prende - ed è cosa buona e giusta - con i ricchi ed i preti, affamatori del popolo...
Cantiamo una canzone di pura verità
Il povero in prigione il ricco in libertà
Il povero in prigione il ricco in libertà

In questo mondo tristo il ricco ha gran piacer
Il povero è mal visto nessun lo può veder
Il povero è mal visto nessun lo può veder

Il ricco vive e gode e sta’ allegramente
Il povero si rode e vive nel tormento
Il povero si rode e vive nel tormento

Il ricco in allegria e sempre va così
Il povero in agonia e muore tutti i dì !
Il povero in agonia e muore tutti i dì !

Il ricco al refetorio a bevere e mangiare
Il povero al purgatorio misero a tribolar
Il povero al purgatorio misero a tribolar

Il ricco a passeggiare andarsi a divertir
Il povero a sudare con lagrime e sospir

Il ricco a la frescura con donne a solazzar;
Il povero in tortura nei campi a lavorar

Il ricco che signora ha buoni marenghin. ;
Il povero che lavora è privo d’un quattrin.

Fra il misero mortale si vede praticar,
Un’ingiustizia eguale giammai si può trovar.

Il ricco signorando buon vino e buon cappon
Il povero lavorando un po’ di polenton.

E la polenta sazia il povero con piacer
E anche somma grazie di ben poterne aver

Il ricco è onorato perché possiede il pan
Il povero sprezzato e canta come un can

E pur il poverello dovrebbe aver l’onor
Perché lui solo è quello che sparge gran sudor

Se non fosse il mendico che tende a lavorar
Come farebbe il ricco ricchezze a cumular ?

Se il ricco ha dei tesori e ha dei marenghin,
Gli ha dai gran sudori che sparge il poverin.

Il povero lui stenta con tanto lavorar
Non ha tanta polenta potersi satollar

Il povero col lavoro ne cava pan per sé
Ricava gran tesoro e da ricchezze ai Re

L’artista e il contadino lor son due compagnon
Che dan il buon destino a tutti sti riccon

Il ricco si fa forte e vuole comandar
Ma quando vien la morte finisce di parlar

Finisce il suo gran vanto finisce il suo agir
E giù nel Campo Santo il ricco va a morir

Se vuoi vedere il vanto che han sti gran riccon
Andiam al Campo Santo e lì vedrem chi son

Il ricco ha gran desio di farsi superior
Eppur in faccia a Dio siam tutti peccator.

E siam tutti mortali e questo si può dir
Che siam tutti eguali al nascere e morir

Iddio ci crea tutti l’istinto natural
E dona a belli e brutti un’anima immortal

Ci mette in questo mondo con nostra libertà
Perché operiam a fondo la santa carità.

Il povero in mala sorte gli tocca a tribolar
Ma poi dopo la morte finisce di penar.

Perché chi è tribolato nel mondo con dolor
Verrà ben più premiato in cielo col Signor

Coraggio, o poveretti pazienza nel soffrir
Che anche certi preti ci fanno un male agir

Se muore un signorino gli fanno gran funzion
Se muore un poverino si lascia in abbandon

E poi van predicando la Fede ed il Vangel
E van tutti insegnando che siam tutti fratel ?

Ogni anima immortale in faccia al Creator
Non ha sostanza eguale a quella del Signor.

Morendo un poveretto perché non può pagar
Si lascia il meschinetto così a disonorar !

Che dite, Sacerdoti, di questo maltrattar,
Vi sembra essere devoti e giusti nell’operar ?

All’orché voi sarete il faccia al Creator
Cosa risponderete di questo vostro error.

Il Giudice Eterno a voi si volterà
E tutti giù all’inferno egli vi manderà

Sarete ben costretti di stare in dannazion
Perche ai poveretti gli fate distinzion.

inviata da Alessandro - 23/1/2009 - 10:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org