Lingua   

Almirante

Roberto Benigni


Lingua: Italiano (Toscano)

Guarda il video


Roberto Benigni, Almirante (recitata).


Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Tramonta o sole
(Dodi Moscati)
Valle Giulia
(Paolo Pietrangeli)
Con la falce e col martello
(anonimo)


[1975]
Testo di Roberto Benigni



benigni giovane


Ora, se si va a leggere su Wikipedia, il nome completo di Roberto Benigni (Roberto Remigio Benigni) è seguito dalla dicitura “OMR” (Ordine al Merito della Repubblica). Benigni è quello che vince gli Oscar, che abbraccia e bacia i presidenti, che vede il suo “La vita è bella” in proiezione privata assieme al papa, che legge e rilegge Dante, che legge persino la Bibbia alle maratone televisive. Non c'è che dire: bella carriera. Si dia alla precedente espressione l'accezione che le si vuol dare.

Per me, Roberto Benigni è stato per un certo periodo l'anima della Toscana, in tutte le sue componenti. Quella becera, certo, ma anche quella cupa, tragica. Quella carogna, ma anche quella più profondamente e inaspettatamente tenera. Le sapeva interpretare e esprimere tutte quante, il Benigni di “Berlinguer ti voglio bene”, di “Televacca” (o “Onda Libera” che dir si voglia), di certe sue canzonacce. Mi piaceva il Benigni degli anni '70, e dimolto. Mi piaceva, e da queste parti tutti ci si riconosceva in lui. Poi lo hanno preso; da una parte il nazionalpopolare, dall'altra lo star system. Una bella carriera, appunto. Gli hanno intitolato un asteroide. È stato proposto per il premio Nobel assieme a Bob Dylan. È stato proposto come senatore a vita (da Clemente Mastella). Ciao Roberto, sinceramente, per me, ti puoi anche levare dai coglioni insieme a Dante, ché tanto non ti riuscirà mai di leggerlo come faceva Carmelo Bene. Rasségnati, e fatti tutti i film idolatrati che vuoi assieme a quella specie di pesce lesso che hai sposato.

Questa pagina, con questa poesia recitata (che è anche una canzone) è invece dedicata a Benigni Roberto senza “OMR”, al Benigni che ho amato e che continuo ad amare. Dev'essere, se non proprio morto, emigrato chissà dove; al suo posto, ora, c'è uno che gli somiglia -sembra- come una goccia d'acqua, come Johnny Stecchino. Ma non è lui. “Nun ci somigghia pi' niente”. È il Benigni Roberto da Vergaio, quello vero, questo. È il Benigni di un 1975, di un periodo in cui il “grande italiano” Giorgio Almirante incitava allo scontro fisico. Di un periodo in cui ammazzavano Franco Serantini. Di un periodo in cui i fascisti non dovevano parlare, cascasse il mondo su un pero. È il Benigni carogna, senza mezzi termini, senza fraintendimenti. Quello di ora, quello che ha preso il suo posto, se vincesse un altro Oscar oppure dopo una leggiutina di Dante o della Bibbia assieme alla Carfagna, abbraccerebbe senza problemi i nipotini di Almirante che sono al governo, ché lui abbraccia tutti. Meglio avesse abbracciato di meno, e che fosse rimasto quello che era. Quello del "senti biondino". [RV]
Maledetta l'ora
il giorno il secondo, toh,
in cui du' merdaioli
ti misero al mondo.

Maledetta l'ora
il giorno e l'annata
che la tu' mamma ti dette
la su' prima poppata.

Maledetta l'ora buia
ancor di più la notte cupa
che un finocchio ti convinse
a esser figlio della lupa

Se dovessi maledirti
poi non saprei come finirla,
maledetto sia quel giorno
che ti fecero balilla.

Maledetta l'ora
e tutto il calendario
in cui mille finocchi
ti fecero segretario.

Maledetta la persona,
che stesse sempre male,
che ti parlò per la prima volta
della Destra Nazionale.

S'aprisse la porta,
senza tu te ne sia accorto,
entrassero le mogli
di ogni partigiano morto.

Poi t'aprissero la bocca
e da maggio a carnevale
ti facessero be' le cose
e cantar l'Internazionale.

Poi arrivasse, come si chiama,
Terracini, no, Paietta, Natta e Ingrao
ti cacassero sugl'occhi
mentre cantan Bella Ciao.

Alla fine vanno via,
finalmente sei contento,
ma ti piscia addosso Lama
mentre canta Fischia il vento.

Ti venisse un colpo,
ti venisse un accidente,
gli uomini son tutti uguali,
ma te tu sei differente.

Ti scoppiasse la vescica (tum!),
ti scoppiassero i coglion (tum tum!)
ti scoppiassero in un mese
trentatré rivoluzioni.

Ti venisse la febbre,
ti venisse un ascesso,
ti scoppiassero in culo
tutte le bombe che tu ha' messo.

Ti chiavassero la moglie (ah!)
tutti i morti delle guerre,
e ti nascesse un figliolo
che assomiglia a Berlinguerre.

inviata da Ahmed il Lavavetri - 13/1/2009 - 01:16




Lingua: Francese

Version française – Almirante – Marco Valdo M.I. – 2009

Pour résumer les chapitres précédents : L'Italie avait connu vingt ans d'un régime assez douteux, dont les relents méphitiques avaient empoisonné le monde entier et failli le faire crever. De ce magma en putréfaction, on vit ressurgir, parmi bien d'autres qu'on avait épargnés, Giorgio Almirante qui recréa ( dès 1946) le parti fasciste – officiellement interdit – sous le nom de Mouvement Social Italien. Mêmes méthodes, mêmes odeurs. Mêmes prétentions, mêmes ambitions. L'objectif d'Almirante était de faire renaître l'Italie fasciste, de réimplanter les semences de la bête immonde. L'affaire allait bon train déjà. Nous étions en 1972. Almirante rebâtissait l'avenir du fascisme. Du M.S.I., on passa à l'Alliance Nationale et comme pour paraphraser le divin marquis, on conclura : « Italiens encore un effort pour réinstaurer le régime... »
Roberto Benigni, jeune artiste toscan, crachait toute sa colère contre Almirante et tout ce qu'il représentait. C'était en 1972. Pour le reste, voir le commentaire de Riccardo Venturi... Nous sommes en 2009.
Moi aussi, j'aimais beaucoup Benigni.
Allons donc relire « Non Mollare » publié à Florence le 12 avril 1925 et ses principes essentiels. Résumons : ne jamais se commettre avec le régime ou avec ses affidés.
Ainsi Parlait Marco Valdo M.I.

Petite note explicative : Les personnages cités : Terracini, Pajetta, Natta, Ingrao, Lama et Berlinguer étaient tous des responsables en vue du Parti Communiste Italien.
Fils de la lupa – jeune fasciste, équivalent du louveteau chez les scouts; Ballila : idem, scout fasciste.
ALMIRANTE

Maudite soit l'heure,
Le jour, la seconde
Où deux emmerdeurs
Te mirent au monde.

Maudite, l'heure soit,
Le jour et l'année
Où ta mamma te donna
Ta première tétée.

Maudite soit l'heure de la nuit
Et plus encore la nuit de sabbat
Où un crétin te convainquit
D'être un fils de la lupa.

Si fallait te maudire
Je ne saurais comment en finir
Maudit soit ce jour-là
qui te fit ballila.

Maudite soit l'heure
de cette année calendaire
où mille crétins de malheur
te firent secrétaire.

Maudite la personne de choix
Qu'elle se sente toujours mal
Qui pour la première fois te parla
De la Droite Nationale.

La porte s'ouvrira.
Sans que tu t'en aperçoives encor
Entrèront les femmes et les amis
de tous les partisans morts.

Ils t'ouvriront la bouche
Et de mai au carnaval
Ils te feront sous la douche
Chanter l'Internationale.

Puis viendra; comment s'appelle-t-il ?
Terracini, non, Pajetta, Natta ou Ingrao
Qui te chiera sur les cils
Tout en chantant Bella Ciao.

À la fin, il s'en ira
Et te voilà content
Mais te pisse dessus Lama
Tout en chantant Siffle le vent.

Un malheur frappera ton ego
Ce sera un accident
Les hommes sont tous égaux
Mais toi, tu es différent.

Ta vessie éclatera (boum !)
Tes couilles éclateront (poum ! Poum !)
En un mois t'éclateront
Trente-trois révolutions.

Que la fièvre te prenne !
Qu'un abcès te tienne !
Que dans ton cul explosent
Toutes les bombes que tu poses !

Tous les morts des guerres
Sauteront ta moukère
et un fils te naîtra
Qui à Berlinguer ressemblera !

inviata da Marco Valdo M.I. - 13/1/2009 - 22:27





La versione greca di Riccardo Venturi (5 luglio 2009) con una dedica speciale a Gian Piero Testa e ai combattenti antifascisti greci.

Poiché la sora Assunta se l'è presa tanto per la filastrocca scritta 37 anni fa da Roberto Benigni noi la spargiamo per il mondo, per quanto possibile. Ecco qui una traduzione fedele in greco moderno, letta dal suo autore, con una dedica speciale a tutti i combattenti antifascisti greci e a Gian Piero Testa.

Attenzione: "Video rimosso per un reclamo di violazione di copyright da parte di Roberto Benigni".. Strarotfl! [RV]
Ο ΑΛΜΙΡΑΝΤΕ

Καταραμένη η ώρα
η μέρα και το λεπτό
που δυο σκατομαλάκες
σ'έβαλαν στον κόσμο.

Καταραμένη η ώρα
η μέρα και ο χρόνος
που η μάνα σου σού'δωσε
το πρώτο της βύζαγμα

Καταραμένη η σκοτεινή ώρα
και μάλιστα η νύχτα η βαθιά
που ένας πούστης σ'έπεισε
να γίνεις Υιος της Λύκαινας

Αν πρέπει να σε καταριέμαι
δε θα ήξερα πως τελειώσω
καταραμένη η ώρα
που σε 'καναν μπαλίλα.

Καταραμένη η ώρα
κι όλο τ'ημερολόγιο
που χίλιοι σκατοπούστες
σε 'καναν Γραμματέα.

Καταραμέν' το πρόσωπο,
να κάνει πάντα κακά,
που σου μίλησε πρώτος
για την Εθνή Δεξιά.

Ν'ανοίξει η πόρτα
δίχως να πάρεις είδηση,
να μπούνε οι γυναίκες
κάθε νεκρού αντάρτη.

Να σου ανοίξουν το στόμα
κι από Μάη ως Φλεβάρη
να σε κάνουν να πιείς ούρα
και να τραγουδάς τη Διεθνή.

'Υστερα να 'ρθουν, πως τους λένε,
οι κομμουνίστες κι ο Ιγκράο,
να σου χέσουν στα μάτια σου
τραγουδώντας Μπέλλα Τσιάο.

Και φεύγουν στο τέλος,
και πετάεις απ' τη χαρά,
μα ο Λάμα σου χέζει πάνω
τραγουδώντας Σφυρίζει ο 'Ανεμος.

Κακό ψόφο να 'χεις
και βαρύ πλήγμα να 'χεις,
οι ανθρώποι είναι όλοι ίσοι
μα εσύ είσαι αλλιώτικος.

Να σου σκάσει η κύστη (μπουμ!)
Να σου σκάσουν τ'αρχίδια (μπουμ μπουμ!)
Να σου σκάσουν σ'ένα μήνα
τριάντα τρεις επαναστάσεις

Να σου 'ρθει πυρετός,
να σου 'ρθει απόστημα
να σου σκάσουν στο πρωκτό
όλες οι βόμβες που τις έβαλες.

Να σου γαμήσουν τη γυναίκα (αχ!)
όλοι οι νεκροί στους πολέμους
και να σου γεννηθεί ένα παιδί
που μοιάζει τον Μπερλιγκουέρ.

inviata da CCG/AWS Staff - Ελληνικό Τμήμα - 5/7/2009 - 18:23


La figura di Roberto Benigni può essere paragonata a quella che nel Medioevo era il "buffone di corte" cioè quella figura che presso i potenti era il menestrello o il giullare che doveva divertirli quando si annoiavano. Cosi come anche il soggetto in questione. Se prima era il buffone di corte dei Pajetta, dei Natta, dei Terracini e dei Berlinguer ora è il buffone di corte della Rai, di Hollywood, di presidenti e politicanti. Il lupo cambia il pelo ma non il vizio. A parere mio Benigni ha la dote straordinaria di essere buffone senza sforzarsi minimamente di sembrare tale al contrario di quelli medioevali. Inoltre questo testo di sopra (che peraltro canzone non è) è offensivo verso il "grande italiano" (Almirante) cosi come la sua lettura della Divina Commedia lo è verso il "grande poeta" (Dante). So che Benigni è toscano ma credo che di toscani che la sappiano leggere meglio di lui ve ne sono a iosa. Senza neanche pretendere denaro e pubblicità. Saluti a tutto il Benigni fans club !!!

Don Curzio Nitoglia - 13/1/2009 - 23:05


Sulla capacità di lettura dantesca di Benigni mi sono già espresso e, ohimé, non posso che essere d'accordo che con Don Curzio. Aggiungerei che il tutto è diventato più che altro un grande "business", ben strombazzato, foraggiato dai media e dal sapore veramente pessimo. Come è verissimo che di toscani (ma Carmelo Bene era salentino, eppure leggeva Dante in modo incomparabile) che sanno leggere assai meglio di Benigni ne esistono a iosa; fosse per me, lo farei piuttosto leggere a Carlo Monni, che pur essendo stato agli inizi compagno di strada di Benigni, non ha rinunciato alla sua libertà e per questo è rimasto semisconosciuto. Non solo: nelle campagne toscane, Dante era un vero e proprio poeta popolare, già in registri daziari del '400 si nomina "lo livero di Dante" tra i beni che pagavano dazio nel trasporto in campagna, e non era raro fino a non molto tempo fa trovare dei contadini che sapevano Dante a memoria (così come specificato da Francesco Guccini in una sua canzone di qualche anno fa).

Per il resto, Don Curzio ovviamente capirà che non considero affatto Giorgio Almirante un "grande italiano", bensì l'estensore di certi bandi di rastrellamento di partigiani e popolazione civile in Maremma, ed altre cose. Lo considero per quello che è, e nient'altro; indi per cui non mi disturba affatto vederlo trattato in questo modo, che lo sia da Benigni o da chiunque altro. Ferma restando la libertà di chiunque di considerarlo come vuole, più che un "fascista" (e sicuramente lo era), lo considero un italiano, senza aggettivazione e nell'accezione più mesta del termine. Quella che contempla la furbizia e l'opportunismo come "virtù" al posto dell'intelligenza, quella che prevede il "saper parlare bene" come somma dote da dare in pasto alla maggioranza silenziosa. Quella che fa allegramente schierare contro il divorzio quando si vive tranquillamente "more uxorio" con donn'Assunta Stramandinoli mentre la legittima e santa moglie se ne sta da un'altra parte (del resto così fece anche il dvce cav. Mussolini Benito con la sua fabbrica di figli, Rachele, mentre se ne stava tranquillamente con la Claretta Petacci). Saluti cordiali.

Riccardo Venturi - 13/1/2009 - 23:25


Un momento caro Riccardo...io non ho mai lodato ad occhi chiusi Almirante e la dirigenza missina nel suo insieme.
Qui se si guarda lo si puo notare ampiamente : http://www.doncurzionitoglia.com/israelemsi.htm

Critica che credo qualsiasi individuo sappia esprimere in maniera più civile, seria e rispettosa se non delle idee almeno della persona al contrario dell’autore del testo di sopra. Pertanto credo che la tua maturità non si abbassa a quel livello così come quella degli on. Jotti e Natta che si recarono in prima fila ai funerali del soggetto del titolo del brano. Saluti reazionari !!!

Don Curzio Nitoglia - 13/1/2009 - 23:40


Per prima cosa una precisazione "tecnica", altrimenti me ne scordo: don Curzio, ho visto che gli ultimi tuoi interventi sono stati tutti spediti due volte, vale a dire in doppia copia (indi per cui ho dovuto ogni volta cancellarne uno). Controlla se hai qualche problema di invio per evitare questo inconveniente, per favore.

Per quanto riguarda la dirigenza missina, sicuramente apprezzo le tue posizioni critiche così come le apprezzo in chiunque che, da una data parte, non si fodera mai gli occhi di prosciutto sulla propria parte in questione. Non mi piace chi "detta le linee" agli altri, ma ancor di meno mi piace chi detta le linee a se stesso.

Per quanto riguarda ancora il testo di Benigni, v'è da dire che forse io lo apprezzo proprio in quanto anch'io sono toscano e conosco bene il modo di esprimersi dei toscani. Bisogna essere in un certo "spirito" fin dalla nascita per comprenderlo bene, quello dell'invettiva feroce che non risparmia nulla; del resto, esempi perfetti se ne trovano proprio in Dante! Ma la cosa va ancora più addietro, se si ripensa a certa poesia toscana del '200 e '300 (il nome ovvio è quello di Cecco Angiolieri, che fu contemporaneo di Dante e con lui ebbe a scontrarsi con sonetti dal linguaggio prettamente "benigniano"; ma non mancano esempi anteriori, come Corso Donati).

Insomma, quel che voglio dire è che una composizione come questa, al di là del linguaggio che vi si usa e dell'oggetto dell'invettiva, ha radici culturali ben precise e ben piantate in Toscana; non tenerne conto è fermarsi alle apparenze. Questa è una cosa che invito sempre a non fare, e di chiunque si abbia a parlare. Saluti anarchici a un reazionario con cui mi fa piacere discutere! :-)

Riccardo Venturi - 13/1/2009 - 23:56


Bravo Roberto
Vaffancolo Almirante: Fucilatore D'ITALIANI

Paolo - 16/3/2009 - 11:44


Vaffanculo Togliatti : Fucilatore D'ITALIANI

Si veda qui
(Don Curzio)

Consiglierei a Don Curzio e a tutti gl'italici fascisti littorij di essere un po' più benevoli verso Palmiro Togliatti, che ha letteralmente loro salvato il culo (e in molti casi la pelle) con il famoso Decreto di amnistia del 22 giugno 1946, da lui personalmente firmato in quanto guardasigilli del governo della neonata Repubblica Italiana. Decreto che, tra le altre cose, fu da Togliatti non solo firmato ma preparato accuratamente; e che, da allora, non a caso è conosciuto come "decreto salvafascisti". Saluti! [RV]

26/3/2009 - 16:48


Il signor Togliatti fece quel decreto per salvare il posteriore agli autori di alcune partigianerie di non poco conto permettendogli di scappare inpuniti nel "paradiso dei lavoratori". Aggiungendo che il soggetto in questione era un lacche' di papa Stalin che "come italiano si sentiva un miserabile mandolinista e niente piu ma ome cittadino sovietico sento di valere dieci volte più del migliore italiano». Il mancato mandolinista non fece nulla per salvare i "miserabili mandolinisti" in Russia dalla vendetta di "baffone". Nel gennaio 1943 il dirigente comunista Vincenzo Bianco scriveva a Togliatti chiedendogli di intercedere presso le autorità sovietiche per evitare la morte dei prigionieri italiani in Russia. Togliatti rispose che "la nostra posizione di principio rispetto agli eserciti che hanno invaso l'Unione Sovietica è stata definita da Stalin, e non vi è più niente da dire. Nella pratica, però, se un buon numero di prigionieri morirà, in conseguenza delle dure condizioni di fatto, non ci trovo assolutamente niente da ridire. Il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini, e soprattutto la spedizione contro la Russia, si concludano con una tragedia, con un lutto personale, è il migliore, e il più efficace degli antidoti. .. T'ho già detto: io non sostengo affatto che i prigionieri di guerra si debbano sopprimere, tanto più che possiamo servircene per ottenere certi risultati in un altro modo, ma nelle durezze oggettive che possono provocare la fine di molti di loro, non riesco a vedere altro che la concreta espressione di quella giustizia che il vecchio Hegel diceva essere immanente in tutta la storia."

Tanti saluti da un miserabile mandolinista.

Don Curzio - 26/3/2009 - 20:09


Cher et malheureux mandoliniste,

Que des gens meurent à la guerre est évidemment une de ces énormes évidences qu'on ne saurait éviter de constater – ce que faisait le dénommé Togliatti. C'est aussi une des conséquences de la connerie de certains qui ont eu l'idée de déclencher une des plus meurtrières guerres de tous les temps et en particulier, le dénommé Mussolini avec ses idées saugrenues, pour ne pas dire démentes de constituer un empire et d'imposer la criminelle bêtise fasciste au reste du monde.

Faisant partie de ces insondables anarchistes, aussi insoumis qu'irréductibles, ayant dès lors comme devise de ne jamais me soumettre ni à un roi, ni à un État, ni à un Parti, ni à une religion, ni à un maître, (et pour vous rassurer et vous faire un petit plaisir) ni à un grand maître, ni à un pape, ni à un dieu, ni d'ailleurs à plusieurs, ni à une quelconque figure autoritaire, créatrice ou dominatrice, ni à un livre ( en grec : Biblos), ni à quoi que ce soit qui de près ou de loin pourrait avoir cette apparence, je n'ai jamais eu et je n'aurai aucune tendresse pour l'abominable Homme d'Acier, alias le petit père des Peuples, Joseph Staline, ni même pour tout autre zigoto du genre, il me plaît de vous dire, et pour moi la constatation est rare, que Palmiro avait, en l'occurrence, raison.
C'est bien cette ordure de Mussolini et ses délires qui sont la cause du malheur de ces malheureux Italiens qu'il conduisit (ducere – il duce) à la mort. Les autres, ceux qu'il n'avait pu détruire, il les ruina et les enroba d'une couche de honte dont une partie d'entre eux (et seulement une partie) a réussi à se sauver.


Je vous embrasse, mon très cher frère (car souvenez-vous le Christ embrassa Judas...)

Ainsi Parlait Marco Valdo M.I.

Marco Valdo M.I. - 26/3/2009 - 23:50


Ma forse Don Curzio non ha capito una cosa fondamentale, almeno per quel che mi riguarda: che, a me, Palmiro Togliatti e la sua politica ambigua sono ben lungi dallo starmi simpatici. Non c'è quindi nessun bisogno di scagliarsi contro il cosiddetto "Migliore", verso il quale nutro tutt'altro che una venerazione (al pari che per il vecchio PCI; sebbene nutra attualmente verso Adriano Sofri una totale disistima, sono tuttora d'accordo con lui quando, da giovanissimo, apostrofò duramente l'allora segretario del PCI, Luigi Longo, dicendogli in faccia che "il PCI era il partito che di fatto aveva impedito la rivoluzione in Italia"). Sono anche piuttosto lontano dalle diatribe da guerra fredda in pieno XXI secolo; considero che sia sant'Almirante che san Togliatti siano stati, ognuno dalla propria (falsa) parte, pienamente organici al progetto di stato repressivo e di finta democrazia che ha caratterizzato l'Italia per tutto il dopoguerra, e che si perpetua ancora oggi. Quando c'è stato da emettere "leggi speciali", "destre" e "sinistre" sono andate pienamente a braccetto. Inutile chiedersi chi ha più morti sulla coscienza, e chi sia stato il peggior "fucilatore": il vero "mandolino" che hanno imbracciato tutti quanti, è stato quello dell'oppressione d'amore e d'accordo. Non per niente Almirante andò a omaggiare la salma di Berlinguer, mentre un dirigente comunista che non ricordo andò poi ad omaggiare quella di Almirante. Tutti nel medesimo teatrino, ieri come oggi. Comunque, tutto questo è una fonte inesauribile di comicità; tra i punti programmatici di Forza Nuova trovo ad esempio il "ripristino integrale del concordato del 1929", vale a dire di quella cosa che proprio Palmiro Togliatti volle che fosse inserita di peso nella Costituzione della Repubblica Italiana. Fossi don Curzio, anche se ignoro se sia un semplice simpatizzante di FN o vi sia iscritto, consiglierei al suo amico Fiore di concedere a Togliatti una tessera forzanovista “in memoriam”, così come ad Almirante (maestro di acrobazie a destra come Togliatti e i segretari del PCI che vennero dopo di lui lo furono a sinistra) una bella tessera del PCI non sarebbe andata malaccio. Tutti ruoli intercambiabili nella commedia dell'arte che è stata ed è la “politica” italiana. A Don Curzio, invece, vista la passione che ha per nominare ancora Josif Vissarionovič Džugašvili detto Stalin, potrebbe essere attribuita una tessera del PMLI ad honorem: il compagno Kurtij Al'mirantovič Nitolija (Куртий Альмирантович Нитолия). Saluti e buonanotte! (RV)

Riccardo Venturi - 27/3/2009 - 00:33


vale a dire di quella cosa che proprio Palmiro Togliatti volle che fosse inserita di peso nella Costituzione della Repubblica Italiana

E "inspiegabilmente" vero...
(Don Curzio)

Trovo esatte le virgolette... (RV)

27/3/2009 - 00:40


@ Marco valdo :


Ne pas parler JAMAIS BON ITALIETTA LIBERAL ET DE SES ADMINISTRATEURS LIBERAL (et mafia) IS
APRES QUE LES PRE FASCISTI. J'AI TOUJOURS PAS CROIRE EN LA DEMOCRATIE ET LE PROGRES DES MYTHES OU DANS LE SOL 'AVENIR'. CREDO La «valeur» (Dieu, famille et foyer), ET LE RESTE DU TEMPS ET PORTE QUE LA CORRUPTION.
ESUME?

SALUTATIONS réactionnaire

P.s : Pardonnez mon français ...

Don Curzio - 27/3/2009 - 00:57


A Don Curzio, invece, vista la passione che ha per nominare ancora Josif Vissarionovič Džugašvili detto Stalin, potrebbe essere attribuita una tessera del PMLI ad honorem: il compagno Kurtij Al'mirantovič Nitolija (Куртий Альмирантович Нитолия). Saluti e buonanotte! (RV)

Riccardo, scusa la domanda, ma ci sei o ci fai ???
(Don Curzio )

Don Curzio, suvvia, un po' d'ironia non guasta mai! [RV]

27/3/2009 - 01:05


Josif Vissarionovič Džugašvili sono praticamente andato a trovarlo a casa, nell'estate del 2006.

www.iononstoconoriana.com

E' un tipo un po' conservatore nelle abitudini e negli arredi, com'è ovvio per il caso di qualcuno che da circa cinquantasei anni non può più occuparsi di persona di certe faccende. Il padrone di casa quello nuovo, in compenso, tale Saakashvili, si è divertito a fare il rivoluzionario per una ventina di giorni giusto l'estate scorsa, ottenendo risultati di tutto rispetto: l'azzeramento della capacità offensiva dell'esercito georgiano, la rimessa dell'indipendenza del paese alla mercè di quei russi coi quali avrebbe fatto meglio ad andare d'accordo e la propria trasformazione istantanea in zombie della politica internazionale.
Un cretino di prima levatura, che si è inteso a giocare a fare il Bush caucasico con l'appoggio di tutti i mass media "occidentalisti" a disposizione. Che non hanno potuto evitare che la passeggiata militare russa figurasse appunto per quello che era: una passeggiata militare, nel corso della quale sono state trovate caserme intere piene d'ogni bendiddìo e lasciate vuote da un esercito che non aveva evidentemente alcuna voglia di andare al macello per questo elegantissimo estimatore degli hamburger.
Sparito dalla scena quell'ubriacone di Bush, sparito dalla scena il lacché Saakashvili.

Io non sto con Oriana - 27/3/2009 - 09:49


E' di adesso la notizia della querela della vedova del "fucilatore" verso Roberto Benigni autore di un filmato in cui recita le strofe incriminate e che era stato pubblicato su youtube.

Marco (marco2000.altervista.org) - 4/7/2009 - 16:44


La querela a Benigni risale addirittura all'11 marzo 2009: nel frattempo il video "sequestrato" su YouTube continua ad essere attivo, anzi attivissimo. Il testo della "benignata" anti-almirante continua ad essere disponibile, oltre che su questo sito, anche qui, ad esempio. Senza contare che donn'Assunta dev'essere un po' tarda: il testo di Benigni risale al 1975, cioè a quarantuno anni fa. Ciò rende sufficientemente l'idea sia di questa "iniziativa" della sig.ra Stramandinoli, sia della sua consistenza. O vediamo se gli avvocati la fanno sequestrare pure a noi: intanto la teniamo con tanto di video (strarotfl).

CCG/AWS Staff - 5/7/2009 - 00:27


Il video su Youtube era stato rimosso ma è stato opportunamente ricaricato da Marco, che ce l'ha prontamente segnalato. Grazie ancora a Marco.

Lorenzo - 5/7/2009 - 00:33


Mi accorgo solo adesso, Riccardo, che hai dedicato anche a me la tua precisa traduzione greca (complimenti anche per la lettura), accomunandomi ai combattenti antifascisti greci. Questo però non me lo merito, perché se io nutro ovviamente grande stima per loro, loro che motivi avrebbero per nutrirne per me, che non ho fatto nulla ? Quello che faccio adesso non è poi un vero combattere e, quando anche lo fosse, sarebbe in ogni caso fuori tempo massimo. Non posso salire neanche un gradino del monumento: se me lo permettono, mi inchino da fuori. In ogni caso, ti ringrazio.

Gian Piero Testa - 29/7/2009 - 00:32


Come si può notare, il video della versione greca da me effettuata e ripresa (assai artigianalmente!) è stato rimosso da YouTube. Ma stavolta sembra che la sig.ra Stramandinoli Assunta ved. Almirante non c'entri per niente: addirittura la "severa misura" è stata presa "due to a copyright claim by Roberto Benigni". Avete capito bene: almeno stando a Iutùbe, è stato lo stesso Benigni a far rimuovere il video per "questioni di copyright". Quale onore. A questo punto è lecito aspettarsi di tutto, anche un bell'abbraccio fra Benigni e la sora Assunta. Del resto, lui abbraccia tutti, persino il presidente degli Stati Uniti. A questo punto, sì, è meglio che vada a leggere Dante o, meglio ancora, la Bibbia in compagnia della Carfagna. La vita è bella!

Riccardo Venturi - 5/8/2009 - 01:42


Che delusione sentire che Benigni si comporta così! mantengo in fondo al cuore una piccola speranza che si tratti di un disguido che non dipende da lui. Comunque alla mia età ho ormai imparato a non avere miti....

Silva - 6/8/2009 - 14:04


Ad ogni modo, una volta tornato a Firenze (lunedì, questione di pochi giorni...) ho intenzione di fare una bella cosina: scrivere io stesso una bella "canzunciella" dedicata all'inedito "duo" Almirante-Benigni e di metterla anche su YouTube. Voglio vedere stavolta come "copiraittano", e garantisco di non andarci leggero. Parola di Giovane Marmotta!

Riccardo Venturi ferragostano - 15/8/2009 - 10:44


Stimatissimo Venturi, voglio contribuire anch'io!
Una frasetta, una piccola strofa, una dieresi, un accordo un po' PANC(hina), dimmi te!
Questo Benigni mi sembra tanto un personaggio di Via della Povertà... ci verrà ispirazione?

ΔΙΩRAMA Poco Ligio all'Ufficialità! in veste di Clochard di Ferragosto al Bistrot - 15/8/2009 - 20:09


A Roberto Benigni.
O animal tignoso e maligno
cui non bastò lo scempio di Dante
poi che l'hai reso indigesto macigno
meni la coda per Giorgio Almirante

Gian Piero Testa - 16/8/2009 - 09:00


Mancano due righe finali che gli stanno proprio bene :

se ti vede Donna Assunta al volante
ti butta sotto all' istante

Cristiano De Innocentis - 16/8/2009 - 21:05


A parere mio, Benigni fa ridere solo se tace: perché di ridicolo ha solo la faccia da gnocco.

Vincent - 24/2/2011 - 12:35


Fermate, bloccate tutto e tutti (università, accademie, studiosi, esegeti, linguisti, politologi, psichiatri migliori del mondo): abbiamo in casa un genio dell'esegesi che riesce a penetrare con la sua mente laddove nessuno perviene con la lectura et interpretatio Dantis.

Indi è altresì uno stupefacente poeta.

Ha messo in riga nientemeno l'Alighieri e Almirante (di codesto ultimo ha composto una filastrocca).

Ho detto "filastrocca" (l'ispirazione gli è venuta guardandosi allo specchio).

Non scherzo: è il Nobel Robertuccio Benigni.

Enzo Saldutti - 27/9/2011 - 17:53


Grande Vauro!



O vediamo se donn'Assunta farà sequestrare anche questo...

Riccardo Venturi - 31/10/2011 - 18:28


BENIGNI TI VOLEVAMO BENE
da Militant Blog

benignimil


Ieri sera è definitivamente scomparso Roberto Benigni per come lo conoscevamo. Il guitto toscano, un tempo materiale, osceno, rabbioso, era da tempo affetto da una malattia cronica che ne ha progressivamente minato il corpo e lo spirito trasformandolo in un sessantenne melenso e retorico: il conformismo piddino. Negli anni abbiamo assitito perplessi alla sua elegia dell’inno di Mameli, all’apologia del tricolore e di tutto quel armamentario patriottardo con cui sono stati giustificati gli interventi militari italiani. Eppure, nonostante tutto, speravamo esistesse ancora una cura che ce lo restituisse. Poi, dopo averlo sentito equipare il nazismo e il comunismo, dopo averlo visto elevare i democristiani a padri nobili della patria, ci siamo dovuti arrendere all’evidenza. Continuare a insistere sarebbe stato accanimento terapeutico e non ce la siamo sentita visto che noi semo quella razza che l’è tra le più strane che bruchi semo nati e bruchi si rimane. Quella razza semo noi l’è inutile far finta: c’ha trombato la miseria e semo rimasti incinta. Addio Roberto.

Mario Cioni e i compagni della Militant.

comunque a noi piace ricordarti così…

Ahmed il Lavavetri - 18/12/2012 - 20:03


Essendo un benignologo (nella fattispecie un cionologo) e lavorando alla pubblicazione di un libro su Cioni Mario di Gaspare fu Giulia, monologo del 1975 e oggetto sia della mia tesi di laurea sia di quella di dottorato, mi sono casualmente imbattuto sulla pagina che dedicate all'invettiva contro Almirante, ravvisandovi alcune imprecisioni di tipo storico.

Sul giudizio complessivo, mi trovo pure d'accordo, figuratevi che, appunto, sto lavorando su quel testo e riscontrando una certa "resistenza" da parte dell'entourage di Benigni, ma vorrei precisarvi (solo perché il vostro sito merita e siete preziosi) che il testo risale al 1975 e, precisamente, alla parte finale del monologo sopra citato. Collocarlo nel 1972 è senz'altro un errore.

Igor - 29/1/2016 - 16:25


Carissimo Igor (o Aigor? :-P), grazie per la precisazione e abbiamo praticamente ricorretto tutta la pagina, ivi compresi i riferimenti al 1972. Nel frattempo, come si può vedere, più o meno tutti i riferimenti al monologo del fu Roberto Benigni sono stati cancellati in Rete, a parte forse questo. Del resto, l'opportuno necrologio a Benigni l'hanno già scritto a suo tempo quelli della Militant. Requiescat in santa pace, con la speranza che almeno non voglia più infliggerci la consorte in qualche filmino. Saluti.

Riccardo Venturi - 29/1/2016 - 22:27


Amon

krzyś - 29/1/2016 - 22:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org