Lingua   

Sü prèst cuntadin lasè i vòstri lèt

Anna Monasterolo


Lingua: Italiano (Piemontese)


Ti può interessare anche...

Basura
(Mau Mau)
A l'é nen dur?
(Roberto Balocco)


Canto riferito da Anna Monasterolo e da lei attribuito anch'esso a Battistino Masante, un sottoufficiale piemontese che durante la grande guerra fu fucilato per essersi rifiutato di portare i suoi al massacro in azione...
La melodia è quella della ballata tradizionale "La violetta la va la va".

Nel canto "il topos della bella campagna e dello sguardo gioioso sulle belle pastorelle si rovescia nell'immagine straordinariamente efficace dei coltelli crudeli della guerra presentati come strumenti di una vendemmia di sangue".

Fonte: Jona, Liberovici, Castelli, Lovatto - "Le ciminiere non fanno più fumo. Canti e memorie degli operai torinesi", Donzelli 2008, pp. 511-519.
Sü prèst cuntadin lasè i vòstri lèt
sensa regrèt
O bele bergere 'nduma 'nt i prà
'ncur pien 'd ruśà

Ch'a sta spuntand là daré 'd la culin-a
l'alba del nëuv dì già 'l sul a s'avśin-a
Ch'a sta spuntand là daré 'd la culin-a
l'alba del nëuv dì già 'l sul a s'avśin-a

Alba 'd pas sincera
i nòstri pensé racöj

pòrtie 'n sal camp 'd la guèra
cunfòrt ai nòstri fiöi
pòrtie 'n sal camp 'd la guèra
cunfòrt ai nòstri fiöi

Sü prest vendümiòire tajé tajé
sensa canté
che 'l vòst cant alegher
dal cör ven pà
tròp angussà

Mentre 'd cutèi pì crüdèi a turmentu
massacru i vostri fiöi vèrs Trieste e vèrs Trento
Mentre 'd cutèi pì crüdèi a turmentu
massacru i vostri fiöi vèrs Trieste e vèrs Trento

Alba 'd pas sincera
i nòstri pensé racöj.

inviata da Alessandro - 26/12/2008 - 11:30



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano dal volume citato di Jona, Liberovici, Castelli e Lovatto.
SU PRESTO CONTADINI LASCIATE I VOSTRI LETTI

Su presto contadini lasciate i vostri letti
senza rimpianti
O belle pastorelle andiamo nei prati
ancora pieni rugiada

Che sta spuntando là dietro la collina
l'alba del nuovo giorno
e già il sole si avvicina

Alba di pace sincera
i nostri pensieri raccogli

Portali sui campi di battaglia
conforto ai nostri figli

Su presto vendemmiatrici tagliate tagliate
senza cantare
che il vostro canto allegro
dal cuore non viene
troppo angustiato

Mentre dei coltelli più crudeli ci tormentano
massacrano i vostri figli verso Trieste e verso Trento

Alba di pace sincera
i nostri pensieri raccogli.

inviata da Alessandro - 26/12/2008 - 11:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org