Lingua   

Love Me, I’m A Liberal

Phil Ochs


Lingua: Inglese

Guarda il video


Phil Ochs, Love Me, I'm a Liberal


Altri video...


Ti può interessare anche...

Phil Ochs
(Latin Quarter)
Viet Nam
(Phil Ochs)
Another Bag of Bones
(Kevin Devine)


filippo.
[1966]
Lyrics and music by Phil Ochs
Testo e musica di Phil Ochs
Album: “Phil Ochs in Concert”

aslongas


"As long as they don't move next door." The title is inspired by Phil Ochs. Once considered a rival of Bob Dylan, Ochs wrote topical songs containing a mixture of satire and bile. Most of his venom was saved for the likes of Orval Faubus and Richard Nixon, but in "Love Me I'm a Liberal," he chides what he considered the hypocrisy of the typical liberal. In one verse, he castigates northern supporters of the civil rights movement who condemn Jim Crow and the racism of southern bigots but deny or dismiss the prejudice against blacks in the North. Given the discomforting accuracy of Ochs's observation, the song's lines, "I love Puerto Ricans and Negroes / As long as they don't move next door," hit an appropriate note of social criticism."

(From Phil Ochs Blog)

Alle canzoni di Phil Ochs presenti sulle CCG/AWS aggiungerei, se siete d'accordo, anche questa... una canzone molto dura, contro la borghesia liberal e radical chic, che anche oggi dovrebbe far trasalire molti, anche qui nel nostro belpaese... io stesso, quando l'ho letta, non mi sono sentito molto a posto con la mia coscienza...

Non è proprio una canzone incentrata sul tema della guerra, ma una strofa lo è certamente: "Ma quando vengono i tempi come quelli di Corea / Non rimane altro che il rosso, il bianco e il blu / Quindi amami, amami, amami, sono un liberale".

Il testo l'ho trovato qui, con alcune note interpretative che aggiungo in commento.

Anche questo brano, come "Atomic Power" dei Buchanan Brothers è stato riproposto dall'esplosivo duo Jello Biafra & Mojo Nixon nel loro countrypunk "Prairie Home Invasion" (1994). [Alessandro]
I cried when they shot Medgar Evers
Tears ran down my spine
I cried when they shot Mr. Kennedy
As though I'd lost a father of mine
But Malcolm X got what was coming
He got what he asked for this time
So love me, love me, love me, I'm a liberal

I go to civil rights rallies
And I put down the old D.A.R.
I love Harry and Sidney and Sammy
I hope every colored boy becomes a star
But don't talk about revolution
That's going a little bit too far
So love me, love me, love me, I'm a liberal

I cheered when Humphrey was chosen
My faith in the system restored
I'm glad the commies were thrown out
Of the A.F.L. C.I.O. board
I love Puerto Ricans and Negros
As long as they don't move next door
So love me, love me, love me, I'm a liberal

The people of old Mississippi
Should all hang their heads in shame
I can't understand how their minds work
What's the matter don't they watch Les Crane?
But if you ask me to bus my children
I hope the cops take down your name
So love me, love me, love me, I'm a liberal

I read New Republic and Nation
I've learned to take every view
You know, I've memorized Lerner and Golden
I feel like I'm almost a Jew
But when it comes to times like korea
There's no one more red, white and blue
So love me, love me, love me, I'm a liberal

I vote for the democtratic party
They want the U.N. to be strong
I go to all the Pete Seeger concerts
He sure gets me singing those songs
I'll send all the money you ask for
But don't ask me to come on along
So love me, love me, love me, I'm a liberal

Once I was young and impulsive
I wore every conceivable pin
Even went to the socialist meetings
Learned all the old union hymns
But I've grown older and wiser
And that's why I'm turning you in
So love me, love me, love me, I'm a liberal.
Notes:

Sonny Ochs says: "Lerner & Golden were both columnists with left-leaning tendencies. Harry Golden, a humorist, wrote some marvelous books and short stories. One I recall is his plan for integration in schools in the south (this was back when). Since the Southerners didn't mind blacks standing next to whites when making purchases in stores, he proposed that they take out all the chairs in the schools and let the students stand to learn. He called this "vertical integration."

Jason V. says: "Les Crane had a talk show based in NYC. Crane was quite liberal, and had many folksingers on his show."

Jello Biafra and Mojo Nixon did a cover of this song with some updated lyrics (on their album "Prairie Home Invasion." Mojo Nixon sang this updated version solo on Comedy Central during their 1996 State of the Union show.

Chords supplied by Guy Matz and corrected by James Barnett.

Jan Hauenstein says ``Phil Ochs didn´t write the melody which comes from an old Irish folk song, "Rosin the Bow". That melody also found a new home in several American folk songs before Phil put it to good use. The melody for the "chorus-line" (Love me, love me, love me, I´m a liberal) is probably original Ochs, though.''

inviata da Alessandro - 2/10/2008 - 09:08




Lingua: Italiano

Versione italiana (letterale) di Riccardo Venturi
(Testo originale di Phil Ochs)
2 ottobre 2008
Si vedano le note alla traduzione
AMAMI, SONO UN PROGRESSISTA

Ho pianto quando hanno ucciso Medgar Evers,
Le lacrime mi son scorse per la spina dorsale
Ho pianto quando ucciso Kennedy
Come se avessi perso un padre.
Ma Malcolm X ha avuto quel che si meritava,
Ha avuto quel che chiedeva per quest'epoca
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

Vado ai raduni per i diritti civili
E abbasso la vecchia D.A.R.*
Amo Harry, Sidney e Sammy**
E spero che ogni ragazzino di colore diventi una star
Ma non parlate di rivoluzione,
Sarebbe andare un po' troppo oltre
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

Ho esultato quando fu scelto Humphrey,
La mia fede nel sistema fu ristabilita
Sono felice che i comunisti siano stati buttati fuori
Dalla direzione dell'A.F.L.-C.I.O.***
Amo i portoricani e i negri
Finché non vengono alla porta accanto
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

La gente del vecchio Mississippi
Dovrebbe impiccare tutti i suoi leaders vergognosi
Non capisco cosa gli frulla per il cervello,
Che succede, non guardano Les Crane?****
Ma se mi chiedi di far prendere l'autobus ai miei figli,*****
Spero che la polizia ti prenda il nome
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

Leggo “New Republic” and “Nation”,
Ho imparato a tener conto di ogni opinione
Sai, ho imparato a memoria Lerner e Golden******
Mi sento quasi un ebreo
Ma quano arrivano tempi come quelli della Corea
Allora non c'è altro che il rosso, il bianco e il blu
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

Voto per il Partito Democratico
Vogliono che l'ONU sia forte
Vado a tutti i concerti di Pete Seeger
Mi “prende”, cantare quelle canzoni
Ti manderò tutti i soldi che mi chiedi
Ma non mi chiedere di venire là di persona
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista

Un tempo ero giovane e impulsivo
Portavo tutti i distintivi possibili e immaginabili
Andavo persino ai comizi socialisti
Imparavo tutti i vecchi inni sindacali
Ma ora sono cresciuto e diventato più saggio
Ed è per questo che ti consegno alla polizia
E allora amami, amami, amami, sono un Progressista
NOTE alla traduzione


* La D.A.R. (Daughters of the American Revolution, Figlie della Rivoluzione Americana) è un'antica associazione femminile americana di tendenze nazionalistiche e patriottiche. Tuttora conta oltre 200.000 membri.

** Harry Belafonte, Sidney Poitier e Sammy Davis Jr., presi a simbolo dei “negri di successo”; ma anche di attivismo per i diritti civili. Harry Belafonte e Sammy Davis Jr. (assieme a James Baldwin) sfidarono più volte la polizia alle marce per i diritti civili, mentre Sidney Poitier fu l'interprete principale del celeberrimo film antirazzista La calda notte dell'ispettore Tibbs.

*** La sigla della American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations, la più importante organizzazione sindacale degli USA.

**** Conduttore di un talk show televisivo dell'epoca, di tendenze progressiste. Spesso invitava cantautori alle trasmissioni (non sappiamo lo abbia fatto anche con Phil Ochs).

***** Probabilmente perché sugli autobus, in seguito al movimento per i diritti civili, potevano oramai viaggiare anche le persone di colore.

****** Giornalisti di tendenze progressiste, entrambi di religione ebraica.

2/10/2008 - 20:42




Lingua: Inglese

Quella di Jello Biafra e Mojo Nixon è una rilettura ed un'attualizzazione del vecchio brano di Phil Ochs...

biafmojo
LOVE ME, I'M A LIBERAL

I cried when they shot John Lennon
Tears ran down my spine
And I cried when I saw "JFK"
As if I'd lost a father of mine
But Malcom-X and Ice-T had it coming
They got what they asked for this time

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

I go to pro-choice rallies
Recycle my cans and jars
I'll honk if you love the Dead
Hope those funny Grunge bands become stars
But don't talk about revolution
That's going a little bit to far

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

I cheered when Clinton was chosen
My faith in the system reborn
I'll do anything to save our schools
If my taxes aint too much more
And I love Blacks and Gays and Latinos
As long as they don't move next door

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

Rush Limbaugh and the L.A.P.D.
Should all hang thier heads in shame
I can't understand where they're at
Arsenio should set them straight
But if neighborhood watch doesn't know you
I hope the cops take your name

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

Yeah, I read the New Republican
Rolling Stone and Mother Jones too
If I vote it's a democrat
With a sensible economy view
But when it comes to terrorist Arabs
There is no one more red, white, and blue

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

Once I was young and had an attitude
Stickers covered the car I drove in
Even went on some direct actions
When there weren't rent-a-cops to be seen
Ah, but now I've grown older and wiser
And that's why I'm turning you in

So love me, love me, love me,
I'm a liberal

inviata da Alessandro - 2/10/2008 - 09:21




Lingua: Italiano

PAY ME, I'M NEOLIBERAL #2
by Ryan Harvey

A re-write of the great Phil Ochs tune "Love Me, I'm a Liberal", updated for modern times.

Una riscrittura (si vede che buttano bene!) di "Love Me, I'm a Liberal" aggiornata ai nuovi tempi.
Greetings all you young free traders
I will tell you my greatest tale
How I looted pillaged and plundered
And never went to jail
Cause I called it all freedom and democracy
Though both of those concepts have failed
To start, I'm raising your tuition
I’m Neoliberal

Though my young days were often quite brutal
Swords, guns and so many dead
Now times have changed for the better
And they sit and meet with me instead
Maybe because I'm running their elections
Or maybe because they’re strangled by debt
Either way they’re quickly becoming
Neoliberals

And though I’m president of all Bolivia
I don’t have much to say
I can’t speak Quechua or Espanish
Cuz I grew up in the US of A
And I struggled through private acadamies
So surely your children will pay
Cuz I'm privatizing the school system
I’m Neoliberal

Ah the people of all Latin America
Should all hang their heads in shame
You know they need to come down from the mountains
And get in the money game
And if they won't work in our factories
We'll simply just cut off their aid
So pay me, pay me, pay me,
I'm Neoliberal

I’ve patented foreign invasion
With patents pending on air
And I’ve made GMO labor leaders
That all believe in Laissez-faire
And though their suffering wage cuts and job loss
They just don’t seem to care
Cuz I’ve spliced their common sense gene with Tomatoes
I’m Neoliberal

Now I go around preaching development
Through unrestricted Free Trade
Even though it's completely ass-backwards
As Russia has clearly displayed
We'll force it on you with sanction threats
Or our armies will have to invade
Now pay me, pay me, pay me
I'm Neoliberal

inviata da giorgio - 2/10/2008 - 18:59




Lingua: Italiano (Toscano Livornese)

DE' COME SO' GANZO! IO SONO UN DEMOCRATI'O!
(E che a Fil Osse 'ni pigli la fillòssera!)

Riscritturina in livornese di Riccardo Venturi.

(Fatta nel tardo pomeriggio del 2 ottobre 2008; dedicata a Alessandro. Naturalmente si tratta di un adattamento alla situazione italiana, redatto con la massima carogneria e perfidia possibile).

piddivelt.
Dé, piangevo 'vand'hanno ammazzato Abba
E anco 'ver ragazzo su a Verona
E quando so' bruciati i bimbi ròmme
Sotto ir cavarcavìa vicin'a Stagno
Però, dé, a costo d'èsse' antipàti'o
'Sti zìngani rùbbano, strùpano e so' zozzi
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

E vo a' girotondi e alle manifestazzioni
Contro ir razzismo per la civile 'onvivenza
Mi garbano Dongàllo e Dommilàni
E dìo “ai chèir” e viva la Resistenza
Però, dé, va da sé, è automàti'o,
'un ti provà a parlàmmi di rivoluzzione,
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

E sbrodolavo 'vando han candidào
Quer congolese ar conziglio di 'vartiere
E' tanto bravo e studia e è moderào
Vòle le-ga-li-tà e l'integrazzione
Però ir rumeno 'un mi stà simpàti'o,
E l'arbanese è meglio a casa sua,
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

E a Genova è morta la democrazzìa,
E' tutta 'òrpa di Fini e Berlusconi!
Quando alla Dìazze entrò la pulizzìa
Mi so' sentito ribollì' i 'oglioni!
Però quer Cofferati, dé, è embremàti'o,
a morte ir lavavetri e viva ir Cioni!
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

Leggo la Repùbbri'a, l'Unità e ir Diario
Sto appiccicào a Ballarò e a Santoro
E quer Gallèrne' lì è stra-or-di-na-rio,
bisognerebbe dànni la medaglia d'oro
Però pe 'ir Manifesto io resto stàti'o,
Se chiudono saranno càzzi loro!
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

Troppa 'ngerenza della 'ièsa e der papa,
Bisogna mètte' un freno a 'sti villani!
E vo a senti' Guccini e i Sitirèmblerz
E 'un mi toccà' nemmeno i partigiani!
Però se ir papa ordina, 'ni do ir viàti'o
ché ner partito ciò teodèmme e Rutelli,
Dé come so' ganzo, io sono un Democràti'o!

Da giovane ero pe' ir potere operajo
Buttavo molotòffe e ero ner Psiùppe
Ora che so' cresciuto, l'operajo
Pòle pure scoppià' alla Tissencrùppe.
Dé, certo, mi dispiace, è programmàti'o,
Ma è ir prezzo da pagà' ar santo lavoro!
Dé come so' stronzo! So' proprio un Democràti'o!

inviata da Riccardo Venturi - 2/10/2008 - 19:03


Caro Alessandro, poiché avrai sicuramente notato che sto "ristrutturando" tutta la sezione di Phil Ochs (ed altre, come si vedrà in seguito; ma questo sito è una fabbrica sempre in opera), devo dirti che mi hai...semplicemente anticipato con questa canzone, che avevo senz'altro intenzione di mettere. Quindi hai fatto benissimo. Nell'eventuale introduzione avrei certamente fatto un riferimento a "casina nostra"; il testo originale di Phil Ochs è pieno di riferimenti specifici alla situazione del suo paese, e può essere che proprio oggi mi dedichi sia ad una traduzione letterale, sia ad una...riscrittura. Questa è una canzone che si adatta benissimo alla cosa. Saluti! [RV]

Riccardo Venturi - 2/10/2008 - 11:19


Non vedo l'ora di leggere la tua riscrittura, magari in livornese...
Ma non è che poi di candidi alla Presidenza come Jello Biafra? Beh, mi hai convinto a non votare più, ma se ti candidi ti voto, deh! (dalle mie parti: neh!)

Alessandro - 2/10/2008 - 11:28


Ho capito perchè, per una volta, sono riuscito ad anticiparti: Toro - Livorno 3 a 2!!!
Alé, neh!
PS Però Diamanti mica scherza, boia deh!

Alessandro - 2/10/2008 - 12:55


Un grazie a Claude Brindamour, L'Homme Scalp, sul cui sito ho trovato il bel post su "Love me, I'm a liberal" di Phil Ochs e "Atomic Power" dei Buchanan Brothers.

Dalla presentazione del sito:

"Claude Brindamour est un mélomane dédié à la communication de sa passion. Il croit sincèrement à l’utopie selon laquelle nous allons un jour venir à bout de la musique de mauvaise qualité, sans couleur, sans saveur et sans arrière-goût. L’Homme Scalp est un lieu d’aisance pour vos oreilles meurtries où pataugent avec anarchie des mélodies lumineuses, des rythmes perturbants, des reprises à contre-emploi et des airs parfaitement déraisonnables."

Alessandro - 2/10/2008 - 15:38


Caro Alessandro,

La riscrittura labrònica come avrai notato l'ho fatta. Però mi spiace; un barbaro non privo d'ingegno disse un tempo che siamo nati per marciare sulla testa dei re, e per me lo stesso vale per i "presidenti". Più che candidati, io li vedrei bene anneriti, mentre bruciano assieme ai palazzi del potere. Salut!

Riccardo Venturi - 2/10/2008 - 19:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org