Lingua   

E l'era tardi

Enzo Jannacci
Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)



E l'era tardi, l'era tardi
In quella sera stracca
Che m'è vegnü bisogn d'un mila franc
Per quatà una trata

Dumandà mi gh'avevi vergogna
Dumandà e savé no a chi l'é ...
Gh'era il Rino, l'è vera, il Rino
Suldà insema in d'i bersaglier

Ma l'era tardi, l'era tardi
In quella sera stracca
E distürbà la gent spusà de poc
Col lavurà ch'el fiaca

"La me scüsa, sciura, gh'è il Rino?
La ghe disa che gh'è il bersaglier"
El vien giò d'i scal in camisa
Mi suridi, lü nanca un vers.

"Ciao, Rino, scusa, el su, l'è tardi, ma
ma in questa sera stracca - te vedet
vurevi salüdatt, e po'
ciamà i bei temp de la guera, vacca!
Quant'è seret sensa murusa - te ricordet!
Quand andavum a ciapà i ciucch ...
Sì ma, Rino, gh'è sarìa un'altra roba ...
Non andar via, Rino, ciao Rino ... Ohé!"

E mi'l savevi l'era tardi
Per disturbà la gent
Ciapà magari a fa' l'amur
La gent che la gh'ha i so impegn.
Sì, ma em fa anca la guera insema
Sott ai bumb, cuntra i füsilàd ...
Val püssé in cö un bel mila lira
in sacocia desmentegà ...


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org