Lingua   

Il bersagliere ha cento penne

anonimo


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'ultimo minuto di Gianna
(Atarassia Gröp)
201 volante
(Livio Cicalè e Giuseppe Biagetti)
Il Legapenista
(Beppe Chierici)


Trasformazione partigiana di un canto della tradizione militare.

Un fenomeno piuttosto rilevante del nostro patrimonio musicale è l'adattamento di canzoni militari, soprattutto alpine, da parte dei gruppi partigiani. Le musiche che ieri avevano cantato le imprese di guerra, oggi cantano la lotta per la liberazione. Questo motivo, ispirato appunto a un vecchio canto alpino, nacque tra i partigiani operanti sulle montagne liguri nel 1944; è però presente in tutte le regioni dove si svolse la Resistenza. Caso interessante tra i canti derivati da canzoni militari, il cui "spirito" è per lo più semplicemente tradotto nel linguaggio della vicenda partigiana, qui c'è la affermazione della superiorità del partigiano sugli altri soldati, quelli regolari, che non hanno scelto la loro vita; il partigiano è povero, non ha penne sul berretto, ma combatte per la libertà.
(note al disco Questa seta che filiamo di Daisy Lumini e Beppe Chierici)
Il bersagliere ha cento penne
e l'alpino ne ha una sola,
il partigiano ne ha nessuna
e sta sui monti a guerreggiar.

Là sui monti vien giù la neve,
la bufera dell'inverno,
ma se venisse anche l'inferno
il partigiano riman lassù.

Quando viene la notte scura
tutti dormono alla pieve,
ma camminando sopra la neve
il partigiano scende in azion.

Quando poi ferito cade
non piangetelo dentro al cuore,
perché se libero un uomo muore
che cosa importa di morir.

inviata da Riccardo Venturi




Lingua: Italiano

Una versione delle Fiamme Verdi comincia con queste parole:
Il fascista ha cento insegne
ma il ribelle ne ha una sola
ha la fiamma color verde
su c'è scritto: libertà

1/5/2005 - 10:17


non vedo citata una esecuzione, quindi vorrei aggiungere:

Canti della Resistenza

del Gruppo Folk Italiano di Paolo Castagnino "Saetta"


che riporta il brano col titolo "Il Partigiano", ne indica come provenienza un distaccamento della divisione garibaldina "Cichero" (entroterra di Chiavari) e nella seconda strofa recita:

Quando scende la notte scura
tutti dormono laggiù alla pieve
ma camminando sotto la neve
il partigian scende in azion

P.S. la cover del disco LP 33 giri è questa
http://digiphotostatic.libero.it/gianfranco.robiglio/med/5141e5f41b_8222320_med.jpg

gianfranco - 26/10/2014 - 17:38




Lingua: Italiano

Una versione delle Fiamme Verdi:

testo trovato in un opuscolo della 28° Brigata Garibaldi "Oreste" dedicato ai canti partigiani
Il fascista ha cento insegne
Ma il ribelle ne ha una sola,
Ha la fiamma color verde
Su c'è scritto "Libertà".

Poi la vita si fa dura
Nel tormento dell'inverno,
Ma se venisse anche l'inferno
Il ribelle sta lassù.

Quando vien la notte buia
Tutti dormon nella pieve
Ma con la faccia nella neve
Il ribelle sta a vegliar.

E se un giorno combattendo
Cade a terra come un fior
Egli sa perche si muore
Non gl'importa di morir.

Verrà poi la primavera
Scenderemo in fondovalle,
E col mitra sulle spalle
Scacceremo l'invasor.

Verrà poi la primavera,
Scenderemo giù dai monti,
Coi fascisti faremo i conti
Ammazzeremo il traditor.

Verrà poi un altro inverno
Torneremo al Mortirolo
Con bottiglie di Barolo
E la vacca da mangiar”.

inviata da gianfranco - 28/10/2014 - 20:37



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org