Lingua   

Baghdad Serenade

Michele Serra
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Fuochi artificiali
(Michele Serra)
La domenica delle salme
(Fabrizio De André)
Heard Somebody Say
(Devendra Banhart)


Le "Canzoni politiche" di Michele Serra (Feltrinelli, 2000) non hanno finora mai trovato nessuna musica; ma restano canzoni, anzi un vero canzoniere politico come una volta, sparato sulla faccia cretina e arrogante dell'Italia.
"Mi è spesso capitato, scrivendo, di sghignazzare o commuovermi nel giro di mezza frase appena. Non vedo perché il lettore, che è tra l'altro molto più rilassato di me, non possa farlo con uguale elasticità d'animo e di sguardo."
(Michele Serra)
Senti com'è sinfonica
la notte, Monica
(il primo amore
di tutta Santa Monica).
Sono per te i traccianti
le stelle fulminanti
questo è il nostro concerto
il mio "tiè" nel deserto.
E meglio bombardare
che fottere, honey.

Non mi dimenticare,
I feel so lonely.
Dei duemila bottoni
che maneggio
nessuno è tuo. Solfeggio
"Blowin' in the wind" sul sax
(ho fatto il sessantotto)
ma ho spento il fax
per non sapere
chi è rimasto sotto.

Suonala ancora, Sam,
prima del ramadan
qualcosa di orecchiabile
sotto l'impermeabile.
"Happy Birthday", ricordi?
"signor presidente",
una bionda, tre accordi
un peccato innocente:
nessuno chiese niente.
Perché lui si e io no?
Perché le Pilgrim Mothers
si sono rivoltate
contro di noi Blues Brothers?

Cosa mi manca, Monica?
Guarda che filarmonica
illumina l'Eufrate.
Altro che sesso-gate!
Punire un dittatore
è un'esperienza hard-core.
Voglio vedere adesso
le volpi del Congresso
chiamare fallocratiche
le bombe democratiche.
Questo è il nostro D-Day
del resto me ne frego
ma cantami "Happy Birthday"
almeno tu, ti prego.

inviata da Riccardo Venturi



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org