Lingua   

'O regno 'cchiù bello

Villanella
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

'Na bella vita
(Almamegretta)
Tuttapposto
(99 Posse)
Tammurriata alli briganti
(Villanella)


“O’ regno ‘cchiù bello”, creato per narrare (con ottica diversa) l’ultimo periodo del regno di Napoli governato da Francesco II, detto Francischiello, e l’avvento dell’unità d’Italia.
Nun era soja a colpa,
è pecchè attuorno a isso sule traditure.
‘O regno suoje era ‘o cchiu bello da vedè
la rialato e n’hanno apprufittate.

Pecchè nun ha saputo reagì
a quatte muorte ‘e famme
cu 100.000 surdate,
l’hanno njuriato
e Francischiello l’hanno chiammato.
Si tiranno fusse stato
nun l’avessero battezzato
figlio ‘e santo.

Era ‘o primmo napulitano
e all’ultimo atto l’ha dimustrato,
se n’è partito e ‘a capitale
a sparagnato distruzione,
famme, guerra e chiante
e ‘o conquistatore è arrivato triunfanno.

L’italia era puverella a confronto d’’o regno
cchiu bello ca ce steva p’’o munno,
cchiu bello invidiato da tutte quante.
Pe nuje n’ce l’avimmo tenuto,
sta terra l’ammo sempe rialato all’ate

Crerenno ca ‘a libbertà è arrivata
‘o popolo p’’e vie abballava,
penzanno ‘e parole e no ‘e fatte,
ce hanno strunziato.
Ma ‘e cunte sbagliate s’hanno fatto,
sempe nu rè è arrivato.
Crerenno ca’o suonno s’è avverato,
nu suonno è stato.

inviata da DuoSiciliano - 11/1/2008 - 20:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org