Lingua   

Padrone mio

Matteo Salvatore


Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)


Ti può interessare anche...

E cume vogghie fè?
(Savino Totaro)
U sol'o fatte russ'
(anonimo)
La trappola
(Astensione)


[1954]
Parole e musica di Matteo Salvatore
(Da una canzone popolare siciliana)
Interpretata, tra gli altri, da Auli Kokko in "Senza filtro" di Daniele Sepe

Matteo Salvatore (1925-2005) negli ultimi anni di vita.
Matteo Salvatore (1925-2005) negli ultimi anni di vita.


La canzone più famosa e celebrata di Matteo "Zicozico" Salvatore ha delle origini popolari: un canto probabilmente di provenienza siciliana (ma diffuso in tutto il sud). Ciononostante è stato Matteo Salvatore che lo ha reso famoso, e non ci sentiamo certamente di separarlo da lui pur rendendo brevemente conto della sua storia (la quale andrà comunque approfondita).

Fatta questa necessaria premessa, possiamo dire –quale che sia la sua origine- che Padrone mio è la canzone più attuale di questo orripilante "nuovo millennio". Nato in una terribile società contadina, dove un poverissimo bracciante è costretto a dire al padrone che preferisce essere picchiato a morte piuttosto che essere cacciato, dato che ha tre figli che vogliono mangiare e chi porta da mangiare a casa è il loro padre, può essere benissimo adattato a questa società di precariato, di padroni che sono tornati onnipotenti dopo che i tentativi di ridurli a più miti consigli sono stati stroncati con la repressione poliziesca, con l'annientamento delle lotte, con l'intorpidimento delle coscienze e delle menti, con il "mercato vincente", con il terribile inganno di una "democrazia" che è semplice e bovino avallo di decisioni già prese.

E' sufficiente fare qualche adattamento. Crediamo che nelle "società occidentali avanzate" non esistano più i braccianti che arricchiscono il padrone per due centesimi e che sono costretti a dire "dammi le botte, meglio la morte che essere cacciato, ho dei figli che vogliono mangiare"? Magari non cantano più in pugliese, ma in qualche lingua africana e sono arrivati –se sono arrivati invece di morire in mare- a bordo di carrette, inviati nei CPT, clandestini, espulsi, disprezzati da un paese ex povero diventato razzista. Senza contare, ovviamente, i milioni di persone che nel resto del mondo vivono nelle medesime condizioni. Mi piacerebbe comunque trovare qualcuno che traducesse questa canzone in wolof, in yoruba, in ewe, in hausa, in bambara.

E i nostri precari? I giovani che non riescono più ad avere una vita autonoma e neppure la tanto idolatrata "famiglia" di cui tanti cianciano in nome dei cosiddetti "valori", per il semplice motivo che mancano i soldi per farsela? Costretti, in nome del mercato, della "mobilità", dei "libri bianchi" e di tante altre parolette del genere, a sbarcare letteralmente il lunario senza nessuna prospettiva? Cosa fanno? Dicono le stesse cose: padrone mio, non mi cacciare, devo mangiare. Dammi le botte moderne, dammi il mobbing, dammi orari fantasiosi, dammi l'outsourcing, dammi lo sfruttamento, dammi quello che ti pare per sette o ottocento euro al mese quando va bene. Magari dammi anche la morte cadendo da un'impalcatura o cadendo in una vasca piena di acido. Fammi lavorare giorno e notte a quindici anni in un laboratorio di calzature o di pelletteria privo di ogni norma di sicurezza, così quando c'è un cortocircuito e brucia ogni cosa faccio la morte del topo, padrone mio. Fammi andare a cavare pietre e morire schiacciato da un lastrone di due tonnellate. Fammi guidare il camion per quindici ore di fila, così volo meglio da un viadotto. Dimmi di insegnare, di curare, di fare qualsiasi cosa per uno stipendio da fame, vedrai come lo faccio bene.

Perché tu ti devi arricchire sempre di più, padrone mio. Arricchire e dettare legge. Devi fare i "moniti" confindustriali con la faccia di un merdoso che poi –magari- idolatrerò perché è quello che mi fai vincere la Ferrari, il Milan o la superbarchetta nella Coppa America. Devi avere sempre di più e noi ti preghiamo: dacci le botte, meglio morire che essere cacciati, che essere messi ai margini. Quando muori, persino ti veniamo a santificare. Veniamo a piangere la tua erre moscia. Ti votiamo e ti facciamo governare. Mettici pure l'uno contro l'altro nelle guerre tra poveri, facci scannare, affamaci. Tu pensa, padrone nostro, quanto ti amiamo. [RV]
Padronə miə, ti vogliə arrecchire,
padronə miə, ti vogliə arrecchire,
commə nu cæne i vò fatijə',
commə nu cæne i vò fatijə'.

E qquannə sbagliə, dammə li bbottə,
e qquannə sbagliə, dammə li bbottə
vogliə la morte, ma nnu' mme caccià,
vogliə la morte, ma nnu' mme caccià.

I' tenghə li figghjə che vonnə lu pænə,
I' tenghə li figghjə che vonnə lu pænə
chi ccə lu dajə jè lu tatà,
chi ccə lu dajə jè lu tatà.

inviata da Riccardo Venturi - 8/12/2007 - 03:24




Lingua: Italiano

Il testo in italiano:
PADRONE MIO

Padrone mio, ti voglio arricchire,
padrone mio, ti voglio arricchire,
come un cane voglio lavorare,
come un cane voglio lavorare.

E quando sbaglio, dammi le botte
e quando sbaglio, dammi le botte
voglio la morte, non mi cacciare,
voglio la morte, non mi cacciare.

Ho tre figli che vogliono il pane,
Ho tre figli che vogliono il pane,
chi glielo dà, è il loro babbo,
chi glielo dà, è il loro babbo.

8/12/2007 - 03:32




Lingua: Siciliano

Il canto popolare "Padrone mio ti voglio arrecchire" nel testo così come riportato da Wikisource. E' categorizzato come "Canti popolari dalla Campania", ma il dialetto in cui scritto è, almeno nella seconda strofa, sicuramente siciliano.
Padrone mio te voglio arrecchire
come 'no cane voglio fatigare
quanno vado alla tavula a mangiare
la vita mia voglio straziare.

S'è fattu notte e lu patruni suspira
dici ch'è stata curta la jurnata
nun curà tanto lu pane e lu vinu
conta la cincu rana chi m'hai da dari.

inviata da Riccardo Venturi - 8/12/2007 - 03:35




Lingua: Inglese

La seguente versione inglese è ripresa, con qualche aggiustamento, dal video YouTube:
MY MASTER, I WANT TO MAKE YOU RICH

Oh my master, I want to make you rich,
oh my master, I want to make you rich,
I want to work hard just like a dog,
I want to work hard just like a dog.

And when I make a mistake, hit me hard,
and when I make a mistake, hit me hard,
I'd rather die, but don't send me away,
I'd rather die, but don't send me away.

I have children and they want their bread,
I have children and they want their bread,
who else but their father will feed them,
who else but their father will feed them?

inviata da Riccardo Venturi - 8/12/2007 - 19:48




Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi
8 décembre 2007
MON MAÎTRE JE VEUX T'ENRICHIR

Ô mon maître je veux t'enrichir,
ô mon maître je veux t'enrichir,
je veux bosser dur comme un chien,
je veux bosser dur comme un chien.

Et si je ne fais pas juste, bats-moi alors
Et ti je ne fais pas juste, bats-moi alors
plutôt mourir qu'être éloigné,
plutôt mourir qu'être éloigné.

J'ai des enfants qui veulent du pain,
J'ai des enfants qui veulent du pain,
qui peut les nourrir si ce n'est pas leur père,
qui peut les nourrir si ce n'est pas leur père?

8/12/2007 - 19:56




Lingua: Bulgaro

Traduzione bulgara del professor Michele Lombardi dal blog “… Finì con i campi alle ortiche…”
ГОСПОДАРЮ МОЙ

ГОСПОДАРЮ МОЙ ИСКАМ ДА ТЕ ОБОГАТЯ
ГОСПОДАРЮ МОЙ ИСКАМ ДА ТЕ ОБОГАТЯ
КАТО КУЧЕ ИСКАМ ДА РАБОТЯ
КАТО КУЧЕ ИСКАМ ДА РАБОТЯ
И КОГАТО СГРЕША , НАБИЙ МЕ
ПРЕДПОЧИТАМ СМЪРТТА ,
НЕ МЕ ИЗГОНВАЙ
ИМАМ ДЕЦА , КОИТО ИСКАТ ХЛЯБ
ТОЗИ , КОЙТО МОЖЕ ДА ИМ ГО ДАДЕ Е БАЩА ИМ
ТОЗИ , КОЙТО МОЖЕ ДА ИМ ГО ДАДЕ Е БАЩА ИМ

inviata da Bartleby - 13/7/2011 - 15:32




Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)

Versione raccolta dai ricercatori Giovanni Rinaldi e Paola Sobrero nel 1978 ad Orsara di Puglia dalla voce della bracciante Antonia Del Priore, classe 1936.
Poi in “La memoria che resta. Vita quotidiana mito e storia dei braccianti nel Tavoliere di Puglia”, degli stessi Rinaldi e Sobrero, 1981 (ripubblicato nel 2004)

La memoria che resta

Testo trovato sull’Archivio sonoro della Puglia
PADRONE MIJ TE VOGLIE ARRICCHÌ

Padrone mij te voglie arricchì
cume nu cane voglie fatjà

M'e fatte veve l'acqua a llu geloun'
m'e fatt fa' la vit' cum'a nu cane

Patrone mij t' vurrie fa' capitano
al posto mio avessi capita' tu

inviata da Bernart Bartleby - 30/9/2015 - 11:35




Lingua: Italiano (Campano)

Versione campana raccolta da Franco Coggiola a Vercelli nel 1969 dalle voci di alcune mondine provenienti dal salernitano.
Testo trovato sull’Archivio sonoro della Puglia
PADRONE MIO TE VOGLIO ARRECCHIRE

Padrone mio te voglio arrecchire
come 'no cane voglio fatigare
quanno vado alla tavula a mangiare
la vita mia voglio straziare

S'è fattu notte e lu patruni suspira
dici ch'è stata curta la jurnata
nun curà tanto lu pane e lu vinu
conta la cincu rana chi m'hai da dari.
Nell’ultimo verso, “rana” sta per “grana”, plurale di grano, nome di diverse monete coniate nel Regno di Napoli e Sicilia e in Spagna.

inviata da Bernart Bartleby - 30/9/2015 - 11:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org