Lingua   

An hini a garan

anonimo


Lingua: Bretone

Scarica / ascolta

Loading...

Ti può interessare anche...

Yawankiz ma bro
(Gilles Servat)
Gouel hollvedel IV
(Alan Stivell)
Ar chas doñv 'yelo da ouez
(Alan Stivell)


Air traditionnel vannetais
Harmonisation de R.Abjean
Source: Recueil "Breiz a gan", n°1, avril 1973
Interprétations: Alan Stivell (Chemins de terre, 1973; "An hani a garan")
Denez Prigent (Sarac'h, 2003)
Tradizionale della regione di Vannes (Morbihan, Bretagna)
Armonizzazione di R. Abjean
Fonte: Raccolta "Breiz a gan", n° 1, aprile 1973
Interpretazione: Alan Stivell (Chemins de terre, 1973, "An hani a garan")
Denez Prigent (Sarac'h, 2003)

Son Ha Ton - Le portal de la chanson bretonne

anhiniagaran


Dalla regione di Vannes, nel Morbihan, uno dei più struggenti canti di emigrazione dell'intera tradizione bretone. Nel titolo (e nel corpo del testo) le varianti "an hini" e "an hani" ("colui che") sono libere; abbiamo scelto la prima in quanto propria del bretone letterario, ma Alan Stivell, nella sua versione, usa quella propriamente vannetaise, "an hani". [RV]
An hini a garan, gwechall bihan er gêr
Pa oamp tostig an eil, an eil ouzh egile
Va c'halon ne gare, gare nemet unan
Pa oan bihan er gêr an hini a garan

An hini a garan, 'm eus kollet da viken
'Mañ degouezhet pell ha ne zistroio ken
Ha setu ma kanan, kanan keti ketañ
Ha setu ma kanan d'an hini a garan

An hini a garan, un deiz 'n eus va losket
Aet eo d'ar broioù pell, d'ur vro n'an'vezan ket
Aet eo d'ar broioù pell da c'hounit e vara
Kollet, kollet un deiz, an hini a garan.

inviata da Riccardo Venturi - 14/11/2007 - 09:57




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
evit an hini a garan
orgogliosamente dall'originale bretone il 14 novembre 2007
gant kalon ha karantez
COLUI CHE AMO

Colui che amo, fin da quando s'era piccoli in casa,
fin da quando eravamo ognuno accanto all'altro
il mio cuore amava uno solo;
fin da quando ero piccola in casa, colui che amo.

Colui che amo l'ho perduto per sempre,
è partito lontano e non tornerà mai più.
Ed ecco che ora canto, canto le mie canzoni
ed ecco che ora canto, canto a colui che amo.

Colui che amo un giorno mi ha abbandonata,
è partito per paesi lontani, paesi che non conosco,
partito per paesi lontani a guadagnarsi il pane,
perduto, perduto un giorno colui che amo.

14/11/2007 - 11:18




Lingua: Francese

Version française de Denez Prigent
D'après "Sarac'h", 2003
CELUI QUE J'AIME

Celui que j'aime, autrefois, petits à la maison,
quand nous étions tout près l'un de l'autre,
mon cœur n'en aimait qu'un ;
quand j'étais petite à la maison, celui que j'aime

Celui que j'aime, je l'ai perdu à jamais ;
il est parti au loin et ne reviendra pas ;
et voici que je chante, je chante mes chansons,
et voici que je chante à celui que j'aime

Celui que j'aime, un jour il m'a laissée ;
parti vers les pays lointains, des pays que je ne connais pas,
parti vers les pays lointains , pour gagner son pain.
Perdu, perdu un jour, celui que j'aime.

inviata da Riccardo Venturi - 14/11/2007 - 11:21




Lingua: Bretone

AN HANI A GARAN - La versione più lunga del canto interpretata a volte da Alan Stivell (ma in "Chemins de terre" canta la versione standard di tre strofe)
AN HANI A GARAN

An hani a garan, gwechall bihan er gêr
Pa oamp tostik an eil, an eil ouzh egile..
Ma ch'alon ne gare, ne gare nemet unan,
Pa oan bihan er gêr an hini a garan.

An hani a garan, gwezharall ma ch'are,
Kanañ a rae pa ganen, pa ouelen e ouele,
Hon div galon ne raent, ne raent nemed unan,
Pa oan bihan er gêr an hini a garan.

An hani a garan, bremañ, he deus ma laosket
Aet eo da broioù pell, d'ur vro n'anavezan ket
Aet eo d'ar broioù pell, da c'hounit he bara
Kollet, kollet eo din an hini a garan.

D'an hani a garan, ne ran nemet hirvoudiñ
Penaos, ken pell diouti, e ch'ellin-me beviñ ?
Met petra a lavaran-me ? Turlebaniñ a ran
Dre hir soñjal atav en hini a garan.

D'an hani a garan, mar kollan-me ma fenn,
Evnedigoù ar c'hoad, kanit c'hwi ho kanenn
Evned, kanit er c'hoad kanit kenti-kentañ
Evned, kanit er c'hoad an hini a garan.

D'an hani a garan, ne ran nemet huanadiñ
Huanadiñ noz ha deiz, deiz ha noz hirvoudiñ
Rak-se em eus savet ha rak-se e kanan
Kanennig ma c'halon d'an hini a garan.

inviata da Riccardo Venturi - 14/11/2007 - 11:25




Lingua: Italiano

La versione italiana anche di An hani a garan
Sempre più orgogliosamente dall'originale bretone
Troidigezh italianek "An hani a garan" ivez
lorc'hus-lorc'husoc'h diwar an testenn-orin vrezhonek

RV, 14 novembre 2007
COLUI CHE AMO

Colui che amo, fin da quando s'era piccoli in casa,
fin da quando eravamo ognuno accanto all'altro
il mio cuore non amava, non amava che uno solo;
fin da quando ero piccola in casa, colui che amo.

Colui che amo, una volta mia amava,
cantava quando cantavo, piangeva quando piangevo
noi due non avevamo, non avevamo che un solo cuore
fin da quando ero piccola in casa, colui che amo.

Colui che amo un giorno mi ha abbandonata,
è partito per paesi lontani, paesi che non conosco,
partito per paesi lontani a guadagnarsi il pane,
perduto, perduto un giorno colui che amo.

E per colui che amo non faccio che soffrire,
come potrò vivere così lontana da lui?
E che cosa dirò? Diventerò pazza,
a forza di pensare sempre a colui che amo.

Per colui che amo perderò la ragione,
uccellini del bosco, cantate la vostra canzone
uccelli, cantate nel bosco le vostre canzoni,
uccelli, cantate nel bosco per colui che amo.

Per colui che amo non faccio che sospirare,
sospirare notte e giorno, giorno e notte che soffrire,
è per questo che mi sono alzata, per questo canto
la canzone del mio cuore a colui che amo.

14/11/2007 - 12:50


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org