Lingua   

Borghesia

Claudio Lolli


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Claudio Lolli: Quelli come noi
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Curva sud
(Claudio Lolli)
Agosto
(Claudio Lolli)


[1966]
Testo e musica di Claudio Lolli
In album per la prima volta: "Aspettando Godot" [1972]
Godot

fotofamiglia


A un certo punto, oggi, un'amministratrice mi bercia: "Borghesia subito nelle CCG!". Io le rispondo, assai convinto: "Ma c'è già!"; e vado a controllare per darle il link. No. Invece non c'era. Talmente convinto che una canzone come questa, questa vecchissima e nuovissima canzone di Claudio Lolli, ci dovesse per forza essere. Inconcepibile che non ci fosse. Nemmeno una delle classiche "dimenticanze" di questo sito: semplicemente l'ineluttabilità che già ci fosse. Perché è la descrizione esatta di questo mondo, e di questo paese. Diritta diritta dal 1966, da quarantuno anni fa, quando Lolli l'ha scritta all'età di 16 anni. Praticamente senza cambiare una virgola; o meglio, cambiando (o meglio ancora: adattando) solo alcune parolette, si ha una canzone di quest'anno di (dis)grazia 2007, con tutti i suoi "trends". E nonostante quel che dica lo stesso Lolli, con tutti i suoi necessari adattamenti che ha fatto recentemente al testo; noi, in questa pagina, ci siamo permessi addirittura di andare un po' oltre. [RV]
Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Sei contenta se un ladro muore, se si arresta una puttana,
se la parrocchia del Sacro Cuore acquista una nuova campana.
Sei soddisfatta dei danni altrui, ti tieni stretti i denari tuoi,
assillata dal grande tormento che un giorno se li riprenda il vento.
E la domenica, vestita a festa, con i capifamiglia in testa,
ti raduni nelle tue chiese, in ogni città, in ogni paese.
Presti ascolto all'omelia rinunciando all'osteria,
così grigia così per bene porti a spasso le tue catene.

Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Godi quando gli anormali sono trattati da criminali,
chiuderesti in manicomio tutti gli zingari e gli intellettuali,
ami ordine e disciplina, adori la tua polizia
tranne quando deve indagare su un bilancio fallimentare.
Sai rubare con discrezione, meschinità e moderazione,
alternando bilanci e conti, fatture e bolle di cassazione
Sai mentire con cortesia, cinismo e vigliaccheria,
hai fatto dell'ipocrisia la tua formula di poesia.

Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Non sopporti chi fa l'amore più di una volta alla settimana,
chi lo fa per più di due ore, chi lo fa in maniera strana
Di disgrazie puoi averne tante, per esempio una figlia artista
oppure un figlio commerciante o, peggio ancora, comunista.
Sempre pronta a spettegolare in nome del civile rispetto,
sempre fissa ad ascoltare un orizzonte che si ferma al tetto.
Sempre pronta a pestare le mani a chi arranca dentro a una fossa
sempre pronta a leccar le ossa del più ricco e dei suoi cani.

Vecchia piccola borghesia, vecchia gente di casa mia,
per piccina che tu sia, il vento un giorno ti spazzerà via.

inviata da Tutto lo staff dei lavavetri, asciugalunotti & puliscicruscotti - 12/11/2007 - 17:52




Lingua: Italiano

La "versione attualizzata" (o meglio: una delle possibili versioni attualizzate) che Claudio Lolli esegue durante i concerti. Può essere ovviamente inserita sul normale testo della canzone. Spesso Lolli, ogni volta che viene ripetuto il verso "pur piccina che tu sia, un giorno il vento ti spazzerà via" inserisce l'avverbio "(forse)" tra "il vento" e "ti spazzerà".
Vecchia piccola borghesia, vecchia gente di casa mia,
per piccina che tu sia, il vento, un giorno…
forse, eventualmente, compatibilmente con l'evoluzione di movimenti interessanti come Forza Italia, la Lega, l'UDC, l'UDEUR eccetera eccetera, potrebbe anche succedere che, non so, nel 2015 –ma io non c'entro più niente, non voglio sapere, però… ti spazzerà via.

inviata da CCG/AWS Staff - 12/11/2007 - 22:22




Lingua: Italiano

La riscritturina (o adattamentuccio) eseguita da Riccardo Venturi (qui in veste di "autore", quindi con tanto di link) il 12 novembre 2007.
BORGHESIA

Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Sei contenta se un rumeno muore, se si arresta una nigeriana,
se dal balcone di San Pietro il papa fa santa su' ma' puttana
Sei soddisfatta dei tuoi giornali, la sicurezza è il tuo vero dio,
sei assillata dal degrado, dai negri e poi invochi Padre Pio
E la domenica, alle chiese, arriva in SUV tutta la famiglia
anche se, nella sagrestia, il prete tocca il culo a tua figlia
presti ascolto all'omelia, ci hai i tuoi eroi di Nassiriya
ammazzati per far la guardia al petrolio di una raffineriya.

Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Godi quando gli anormali son trattati da criminali,
chiuderesti in un CPT tutti gli zingari e gli omosessuali,
ami ordine e legalità, adori la tua polizia
tranne quando spara a tuo figlio che era andato a trovar la zia
Ti raduni al commissariato quando arrestano il delinquente
gridi "a morte!" con la ferocia del tuo vuoto, del tuo niente
Però a volte qualcosa scoppia, e il papà prende la pistola
al mattino, senza dir niente, e stermina tutta la famigliuola.

Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia,
non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia.
Non sopporti chi non lavora, però accetti il precariato
e se uno muore al lavoro, dici: Beh, se lo è cercato
Di disgrazie puoi averne tante, una figlia antagonista
un figlio col cane fra i punkabbestia, oppure anarco-insurrezionalista
Sempre pronta a non dispiacere allo standard e al potere,
assomigli a Porta a Porta, così viscida e così morta
E se poi vedi i tuoi figli stare tutto il giorno a chattare
ti domandi che stan facendo, ma è il loro modo di scappare.

Vecchia piccola borghesia, vecchia gente di casa mia,
per piccina che tu sia, sotto al tuo culo...
...c'è ancora l'Anarchia.

12/11/2007 - 23:13




Lingua: Italiano (Abruzzese Chietino)

La versione nel dialetto abruzzese di Chieti di Domenico (Nico) Chillemi
BURGHESIJE

Vecchje e ciche burghesije pe' bbardasce ca pu esse
nn sacc dic' si fi cchiù 'ngazzà, o si fi pen, schif o s'mi fi piàgn.

Si'ccuntent se nu ladr s'mor, o se na puttan a schiaffan n'galèr
se la parrocchie d'lu Sacr COr s'accatt na campana nòv.
Si suddsfatt pi li guaje de la ggènt, li sold ti li ti bell strètt
ti na frecacce d'paùr ca nu juorn lu vent t'l fa scappà.
Ti si rivestìt la dumenica'mmatìn, ng tutt quant la famij 'a tè
e vi a la mess ng tutt la gènt de lu paes da tutt l pàrt,
Stì 'ssentì lu prev't ca t'spieg lu vangel e nin vi cchiù a bbèv lu vìn
stì accuscì bell gne nu pap', e nn t'accorge ca si 'ncatenàt.
Vecchie e ciche burghesije pe' bbardasce ca pu esse
nn sacc dic' si fi cchiù 'ngazzà, o si fi pen, schif o s'mi fi piàgn.

Sti sempr 'a'spettà ca li poveracc so' ttrattat da criminàl
pe 'tte li zingar e chi ha studiat adanna sta a lu manicomje.
Vu sempr l'ordin e la disciplin, 'mezz a l' pall vu la Polizje
ma quann spunt nu fals in bilance li poliziott s'n adanna sta a la càs.
Nn s pò sapè quant ti piac a 'rrubba senz farl vedè a 'nnisciune
ti piac a cagnà li bilanc e cont, e le fattur p' nn pagà l tàss.
Raccont sempr na frec d' pall ng lu sorris sempr sopr a'le làbbr
si fatt diventà l'ipocrisje na' bella formul di poesje.
Vecchje e ciche burghesije pe' bbardasce ca pu esse
nn sacc dic' si fi cchiù 'ngazzà, o si fi pen, schif o s'mi fi piàgn.

Romp lu cazz a chi fa l'amor cchiù d' na vot ogn sett'màn
e a chi l'fa pe cchiù di du'or o chi l' fa gna cazz gl par a èss.
Pu tenè na frec d'dsgrazje, gna pò ess na fija artist
oppur nu fije ca nn va a fa lu commerce, o pegg un ca sta ng li comunìst... ex!
Sempr a taglià e a ccucì facend fint ca accuscì è meglje p' tùtt
stì sempr a 'gguardà a li fatt'a tì e nn capisc nu cazz d' lu rèst.
Sti semp pront a ffrega la 'ggennt pur s'a da fa na frec d' sacrifìce
e stì sempr a leccà lu ricc ca fra nu poc gli port a spass pur lu càn...
Vecchje e ciche burghesije, vecchie ggent d' la casa mè
pe' bbardasce ca pu esse, lu vent nu juorne... 'n s sa... t'mannerà'ffangùl.

inviata da Riccardo Venturi - 4/1/2008 - 09:21


Bellissima! La cantavamo intorno al fuoco ai campi dei boy scout, davvero! E la cantava anche il parroco! Mica solo "manuale delle giovani marmotte" e salmi responsoriali! Avevamo anche intitolato "Vecchia piccola borghesia" uno spettacolo teatrale che presentavamo nelle piazze dei paesi durante un campo itinerante... già, ma eravamo il "Torino 68", nessuna divisa e fazzolettone rosso al collo... è passato molto, molto tempo...
(Alessandro)

Ehi tu! Cos'hai da dire contro le marmotte? Sappi che in questo sito le marmotte sono animali assolutamente totemici & sacri, nonostante l'insonnia cronica del qui presente! :-PPP [RV]

marmotta


12/11/2007 - 21:59


A proposito di "adattamenti" di questa canzone: Claudio Lolli ha inciso una nuova versione di questa canzone nell'album "Dalla parte del torto" del 2000 e quando canta del "figlio comunista" aggiunge un... raggelante "EX". Non so se intende dire che lui è diventato un ex comunista, oppure se fa riferimento ai tanti ex comunisti che ci sono in giro (magari passati dalla parte di Forza Italia o di altri partiti fascisti del genere).
Comunque sia, grazie Claudio; io con le tue canzoni (non solo questa, bellissima) sono cresciuto e diventato grande.
Renato Stecca

Renato Stecca - 13/11/2007 - 00:16


Il "forse" che Claudio negli ultimi anni inserisce nel testo della canzone, è stato spesso interpretato come vena di disillusione, come segno d'incombente cinismo senile.
A tal proposito, m'è parso di cogliere anche nelle tue parole, una punta d'ironia. :)
Io penso invece, al contrario, che l'adattamento miri a metter con le spalle al muro tutti coloro che con gli anni hanno trovato più opportuno, conveniente, "ammorbidire" certe posizioni.
Volevo solo precisarlo.
Vi faccio i miei più sinceri complimenti per la gestione di questo sito, che trovo anche graficamente e logisticamente ben fatto!!
Saluti, e tutta la mia stima

Loredana

Loredana Barbieri - 15/11/2007 - 13:00


Per parafrasare: Ti ricordi monsieur Lolli?
Ti ricordi "Bologna che caldo che fumo,odore di braci"
Io ero alle medie e qui c'è odore di strage da 34 anni ma non importa a nessuno, adesso abbiamo pure la destra al comune e questo mi fa più male che averla al governo,xchè dopo le loro stragi hanno vinto per gli imbecilli che da poveri lottano tra loro.

Cinziada Brescia ( NON SIAMO PADANIA) è pazzia - 17/5/2008 - 04:31


"godi quando gli anormali son trattati da criminali.."
Sono passati 40 anni da quando Franco Basaglia ha aperto il manicomio a Trieste. A parte qualche servizio su radio tre,nessuno ricorda questo gigante... In compenso l'altra sera ho visto alla televisione un poverello che beveva acqua da una ciotola con la lingua in competizione con un cane... (scommettiamo che....)

Silva - 18/5/2008 - 10:37


pardon, ho detto 40 anni, volevo dire 30 (alla mia età soffro della sindrome del '68, credo che sia successo tutto in quell'anno)

Silva - 18/5/2008 - 12:13


"...E' una canzone molto francese, infatti in quel periodo ascoltavo molto Brassens....se l'avessi rifatta con la PFM come De André ha rifatto "Bocca di Rosa" penso sarebbe venuta fuori molto bene...(Claudio Lolli)

Flavio Poltronieri - 8/12/2015 - 08:52


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org