Lingua   

La fata

Edoardo Bennato


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

La mal mariée (o Déjà mal mariée)
(anonimo)
L'isola che non c'è
(Edoardo Bennato)
Questione Meridionale
(Eugenio Bennato)


[1977]
Testo e musica di Edoardo Bennato
Da "Burattino senza fili"

burattino


Si è persa forse un po' la memoria di questo album di Edoardo Bennato, risalente al "fatidico" anno 1977, in cui il cantautore-architetto napoletano rivisitava a suo modo la storia di Pinocchio. Ebbe un grosso impatto su chi allora, come me, era nella prima adolescenza: 14, 15, 16 anni. Si vedevano gruppi di ragazzine sugli autobus cantare quasi a squarciagola questa canzone sulla "Fata turchina". Può essere che il pubblico di Bennato fosse giusto quello, i giovanissimi che magari -per età- non erano parte integrante del movimento, sebbene molti fra di loro invece ne fossero. Ma, poi, ha senso parlare di "parte integrante"? In un modo o nell'altro tutti quanti erano dentro, tutti quanti stavano, stavamo, vivendo quei momenti. Nessuno era e poteva essere indifferente. Ma sicuramente sto divagando; smetterò quindi immediatamente, non avessi a avventurarmi in cose troppo vaste per una...canzonetta. Fu del resto lo stesso Bennato, poco tempo dopo, a dire che "erano tutte canzonette". Nel frattempo fece quest'album, fosse o non fosse indirizzato ad un certo "target" (target comunque raggiunto, visto il numero di adolescenti che allora esaurirono le scorte di kazoo nei negozi di strumenti musicali). I personaggi di Pinocchio come metafora del potere, e questa "Fata turchina" che è tutte le donne, che è il ruolo di tutte le donne imposto dalla società e dal potere. Dev'essere bella, disponibile, sorella/madre/sposa, e da lì non si può smuovere: se vuole volare, la tirano giù. Magari qualche quindicenne passava ogni giorno da questa canzone ai collettivi femministi dei licei (esistevano, esistevano), oppure la disprezzava perché comunque scritta e cantata da un maskietto, oppure chissà cosa. Ma trent'anni dopo, visto com'è "avanzato il nuovo", non sarà comunque male riproporla. [RV]
C'è solo un fiore in quella stanza
e tu ti muovi con pazienza
la medicina è amara ma
tu già lo sai che la berrà

Se non si arrende tu lo tenti
e sciogli il nodo dei tuoi fianchi
che quel vestito scopre già
chi coglie il fiore impazzirà

Farà per te qualunque cosa
e tu sorella e madre e sposa
e tu regina o fata, tu
non puoi pretendere di più

E forse è per vendetta
e forse è per paura
o solo per pazzia
ma da sempre
tu sei quella che paga di più
se vuoi volare ti tirano giù
e se comincia la caccia alla streghe
la strega sei tu

E insegui sogni da bambina
e chiedi amore e sei sincera
non fai magie, né trucchi, ma
nessuno ormai ci crederà

C'è chi ti urla che sei bella
che sei una fata, sei una stella
poi ti fa schiava, però no
chiamarlo amore non si può

C'è chi ti esalta, chi ti adula
c'è chi ti espone anche in vetrina
si dice amore, però no
chiamarlo amore non si può

inviata da Riccardo Venturi - 9/8/2007 - 18:57



Lingua: Inglese

Versione inglese di Alice Bellesi

Sottolineo
"WE cannot call it love"
NON un agglomerato sociale anonimo,
BENSI' uno strutturato villaggio globale
fatto di individui responsabili ed interdipendenti:
NOI .
THE FAIRY

There’s just a flower in that room
and you move patiently around;
the medicine is bitter but
you know it yet, he will drink it.

If he doesn’t give up you tempt him
and untie the knot of your hips
that are yet uncovered by your dress;
he who picks up the flower will get crazy.

He will do anything for you
and you sister and mother and wife
and you queen or fairy, you
cannot ask for more.

And perhaps it is for revenge
and perhaps it is for fear
or just for crazyness
but you’ve always been
the one who pays the most
if you want to fly they pull you down
and if the witch hunt begins
you are the witch.

And you pursue childish dreams
and you ask for love and you’re sincere
you perform no witchcrafts, nor tricks, but
nobody is going to believe it by now.

Someone shouts at you that you’re beautiful
you’re a fairy, you’re a star
then he enslaves you, but, oh no,
we cannot call it love.

Someone exalts you, someone flatters you
someone also exhibits you in his shop window
they say love, but, oh no,
we cannot call it love.

inviata da Alice Bellesi - 25/6/2015 - 08:34


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org