Lingua   

Italia bella mostrati gentile

Caterina Bueno


Lingua: Italiano (Toscano Casentinese)

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Tirallà
(Caterina Bueno)
Napoli
(99 Posse)
Compagni se vi assiste la memoria (Storia di Licio Nencetti Partigiano)
(Caterina Bueno)


[1896]
Tradizionale toscano (Casentino)

"Questi stornelli di emigrazione sono stati raccolti nel 1965, in Casentino, a Stia e al castello di Porciano dalla voce di Principio Micheli che li cantava da giovane quando andava a lavorare in Maremma, come stornelli della Leggera"
(Caterina Bueno)

Interpretata anche da Lucilla Galeazzi, Riccardo Tesi, Maurizio Geri con la partecipazione di Carlo Monni nel disco tributo a Caterina Bueno "Sopra i tetti di Firenze".


La gentilezza dell'Italia bella: Lo speronamento della Katër i Radës da parte di un'unità della Marina Militare italiana. Canale di Otranto, 28 marzo 1997. Veduta all'infrarosso. 81 vittime, tutti immigrati albanesi. Emigrazione e guerra.
La gentilezza dell'Italia bella: Lo speronamento della Katër i Radës da parte di un'unità della Marina Militare italiana. Canale di Otranto, 28 marzo 1997. Veduta all'infrarosso. 81 vittime, tutti immigrati albanesi. Emigrazione e guerra.


E l'Italia imbruttita si mostrò una stronza
di Riccardo Venturi

Italia bella mostrati gentile, che qui inseriamo nell'ambito del nuovo percorso Emigrazione: la guerra del lavoro, è senza dubbio uno dei più noti canti di emigrazione italiani, ed anche uno dei capolavori dell'intera arte popolare toscana. Composto negli ultimi anni del XIX secolo, quando anche in Toscana l'emigrazione di massa verso le Americhe era al massimo, è un canto dove la disperazione di chi era costretto a lasciare la propria terra per andare a cercare pane e lavoro altrove è filtrata attraverso la più tipica ironia toscana, provocando così un vero e proprio riso amaro. Si invocava che l' "Italia bella" fosse "gentile" e che non abbandonasse i propri figli; cosa che, invece, l'Italia (o meglio: lo stato italiano) ha sempre e regolarmente fatto, lasciandoli ora morire di fame, ora massacrare in qualche inutile guerra, ora incarcerare da qualche regime ("fascista" o "democratico"), ora saltare in aria su qualche treno o in qualche banca; e così via. Non è restato sempre che sperare: nel novecento, nel novecentocinquanta, nel duemila; ancora oggi siamo a sperare, chissà, nel duemilacinquanta, e nel duemilacinquanta spereremo nel duemilacento. Nel frattempo, come sempre, chi l'ha in culo è sempre chi lavora.

ordaNel frattempo, però, è intervenuto un fatto nuovo. L'Italia bella si è un po' arricchita. Sempre con le consuete ingiustizie e tremende disuguaglianze, sempre facendo arricchire certe zone a scapito di altre, sempre facendo fare i gran soldoni ai soliti e lasciando le briciole alle masse, ma arricchita. Il boom. Il benessere. Ed eccola, come ce la ritroviamo nell'anno di grazia 2007, a duemila già passato da un pezzo, in pieni anni di stronzio di questo inizio di millennio. Da paese di emigrati qual era ancora pochi anni fa, "Quando gli albanesi eravamo noi" (come recita il sottotitolo del bel saggio di Gianantonio Stella, "L'orda"), siamo diventati un paese di immigrati. Di poveri. Come lo eravamo quando uno sconosciuto scriveva "Italia bella mostrati gentile". Di poveri e di disgraziati verso i quali non solo i propri paesi, ma tutto un sistema globale si è dimostrato tutt'altro che gentile. Guerre, carestie, sfruttamento, i potenti a banchetto benedetti da una serie di infami congreghe dette chiese; nulla è cambiato in sostanza. Sono cambiati forse i metodi, si sono maggiormente tecnologizzati; ma il succo è sempre quello.

E l' "Italia bella", imbruttita assai da decenni di saccheggio del territorio, di industrializzazione forzata, di creazione continua di nuove povertà, di repressione e finanche sterminio delle forze più vive e creative (mi piace scrivere questo nel "trentennale del '77", ridotto a raccoltine di fotografie sul gran sito del giornalone di regime), si dimostra, ora che comunque ha la pancia un po' più piena, una discreta stronza verso chi bussa alle sue porte. Leggi e leggine, CPT, razzismo, crassa stupidità, fiaccolate, e chi più ne ha, più ne metta. Altro che gentilezza. Ci si stupisce, poi, se a un certo punto una comunità nazionale immigrata, nella fattispecie quella cinese, ad un certo punto s'incazza e si ribella alle vessazioni del consueto sindaco-sceriffo. Ancora è niente. Ancora s'avranno da vederne delle belle.

Qui dentro vorremmo essere ancora, per quanto sia possibile, la voce di un'altra Italia. Di un'Italia che non è stata ancora piegata, sebbene sia oramai costretta nelle catacombe. Ma, prima o poi, dalle catacombe si esce. La luce la teniamo, in qualche modo, accesa.
Italia bella, mostrati gentile
e i figli tuoi non li abbandonare,
sennò ne vanno tutti ni' Brasile
e 'un si rìcordon più di ritornare

Ancor qua ci sarebbe da lavorà,
senza stà in America a emigrà.

Il secolo presente qui ci lascia,
i' millenovecento s'avvicina;
la fame ci han dipinto sulla faccia
e per guarilla 'un c'è la medicina

Ogni po' noi si sente dire: E vo
là dov'è la raccolta del caffè.

Recitato
L'operaio non lavora
e la fame io divora
e qui' braccianti
'un san come si fare a andare avanti.
Spererem ni' novecento,
finirà questo tormento,
ma questo è il guaio:
il peggio tocca sempre all'operaio.

Nun ci rimane più che preti e frati,
monìcche di convento e cappuccini,
e certi commercianti disperati
di tasse non conoscono i confini.

Verrà un dì che anche loro dovran partì
là dov'è la raccolta del caffè.

Ragazze che cercavano marito
vedan partire il loro fidanzato,
vedan partire il loro fidanzato
e loro restan qui co'i sor curato.

Verrà un dì che anche loro dovran partì
là dov'è la raccolta del caffè.

Le case restan tutte spigionate,
l'affittuari perdano l'affitto,
e i topi fanno lunghe passeggiate,
vivan tranquilli con tutti i diritti.

Verrà un dì che anche loro dovran partì
là dov'è la raccolta del caffè.

inviata da Riccardo Venturi - 4/5/2007 - 19:18



Lingua: Portoghese (Português brasileiro)

Versione portoghese di Pino Ulivi dal sito L'Italia in Brasile
ITÁLIA BELA, MOSTRA-TE GENTIL

Itália bela, mostra-te gentil
e os filhos teus não abandonar,
se não eles vão todos para o Brasil
e não se lembram mais de voltar.

Ainda aqui haveria trabalho,
sem ter que emigrar para a América.

O século presente está nos deixando,
e o novecentos se aproxima.
Eles tem a fome pintada na cara
e para saciá-los não existe a medicina.

A cada momento escutamos dizer: "E vou
pra lá onde tem a colheita do café".
A cada momento escutamos dizer: "E vou
pra lá onde tem a colheita do café".

O operário não trabalha
e a fome o devora,
e aqui os assalariados
não sabem como fazer para ir pra frente.

Esperaremos no novecentos,
acabará este tormento,
mas este é o problema,
o pior toca sempre ao operário.

A cada momento escutamos dizer: "E vou
pra lá onde tem a colheita do café".
A cada momento escutamos dizer: "E vou
pra lá onde tem a colheita do café".

Não sobrou mais do que padres e frades,
freiras de convento e franciscanos,
e certos comerciantes desesperados
de impostos não conhecem os limites.

Virá um dia que também eles deverão partir
pra lá onde tem a colheita do café.
Virá um dia que também eles deverão partir
pra lá onde tem a colheita do café.

Garotas que procuravam marido
vêem partir o seu namorado.
Vêm partir o seu namorado
e elas ficam aqui com o senhor pároco.

Virá um dia que também elas deverão partir
pra lá onde tem a colheita do café.

As casas ficam todas sem inquilino,
os proprietários perdem o aluguel,
e os ratos fazem longos passeios,
vivem tranqüilos com todos os direitos.

Virá um dia que também eles deverão partir
pra lá onde tem a colheita do café.
Virá um dia que também eles deverão partir
pra lá onde tem a colheita do café.

6/4/2008 - 23:54


ALTRI ESEMPI DI GENTILEZZA ITALIANA
Further exemples of Italian kindness
Otros ejemplos de gentileza italiana
أمثلة اخرى من اللطف الايطالي
Alte exemple de gingăşie italiană


Il CPT di Lamezia Terme.
Il CPT di Lamezia Terme.


La Cap Anamur.
La Cap Anamur.


Il sen. Roberto Calderoli.
Il sen. Roberto Calderoli.


Manifesto di Forza Nuova contro gli immigrati.
Manifesto di Forza Nuova contro gli immigrati.


Oriana Fallaci.
Oriana Fallaci.


Caffarella (Roma). Baraccopoli.
Caffarella (Roma). Baraccopoli.


Giornale rumeno con la notizia dell'assassinio di Ion Cazacu.
Giornale rumeno con la notizia dell'assassinio di Ion Cazacu.


ecc. ecc.

Riccardo Venturi - 4/5/2007 - 20:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org