Lingua   

Il traffico

Luca Zulù Persico



Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’,
c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

‘o vire ‘o verde?
Lievate ‘a ‘nanze ‘o vire ‘o giallo?
Nun rallentà ‘o vire ‘o russo?
Puorta pacienza ‘o vire a chist’? Fatte chiù lla’

C’è traffico fuori e anche dentro di me
C’è traffico fuori e anche dentro di me

C’è traffico di uomini, donne e bambini,
traffico ai confini
Per la fuga dei cervelli
Traffico di armi, denaro, di droga e gioielli
Traffico di organi e di informazioni intasano i caselli Traffico delle influenze, di schiave e di schiavi,
di voti, favori e licenze,
ma il più temuto è senza dubbio chill’ d’ ’o rientro d’ ’e vacanze …
siamo davvero un popolo senza speranza

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

C’è traffico fuori e anche dentro di me
Tutto è bloccato ed io voglio un caffè
Tengo ‘na canna ma nun tengo a te
Mo’ faccio ‘o pazzo, scengo e cammino
Cummencio a correre pe’ Mergellina
‘e cosce se movono semp’ chiù forte me sento libero,
nun me ne fotte

Popolo di santi e navigatori bloccati nel traffico
santi bestemmiatori ognuno convinto che il traffico è colpa dell’altro
ti devi levare, fammi passare, non sai dove devo arrivare
prima gli italiani, prima i padani,
mi so’ perso gli anziani,
le donne e i bambini
viene prima un bambino italiano o un rimbambito padano
mi sa che la “situa” vi sta sfuggendo di mano

ci muoviamo o no?

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

Sto ca’ sto ca’ ne’, quann’ me vire?
Sto ca’ sto ca’ ne’, manc’ me siente
Sto ca’ sto ca’ ne’, quann’ te lieve?
Mo’ tanto che aggia fa’, t’aggia fa ‘ntussecà

‘o vire ‘o verde? Lievate ‘a ‘nanze ‘o vire ‘o giallo?
Nun rallentà ‘o vire ‘o russo?
Puorta pacienza ‘o vire a chist’? Fatte chiù lla’

C’è traffico fuori e anche dentro di me
C’è traffico fuori e anche dentro di me

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org