Lingua   

Canzone per Beirut

Eugenio Bennato
Lingue: Italiano, Inglese


Ti può interessare anche...

Sotto il velo del cielo
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Che il Mediterraneo sia
(Eugenio Bennato)
Canzone della Basilicata
(Eugenio Bennato)


Dall'album "Sponda sud" del 2007
Sponda Sud

Costruita quasi in diretta in Libano, partendo da una scritta in inglese vista sul muro "Can't stop stars from shining or Beirut from raising" che inizia a martellare in testa ad Eugenio finché diventa canzone, delicata, triste e assolutamente presente. Quasi giornalismo canoro.
(Giorgio Maimone su Bielle)
Cade dal cielo una pioggia scura
passa l’aereo che porta la paura
Passa l’aereo che spara sulla terra
ma il suo rumore non copre la chitarra

Can’t stop stars from shining
or Beirut from rising
non c’è più niente
dove c’era il ponte
Can’t stop stars from shining
or Beirut from rising
nessun colore
dove c’era il mare

Spiaggia deserta, gioca una bambina
ma il suo pupazzo può essere una mina
ma nel suo sguardo grande come il mare
c’è tutta Beirut che si vuol rialzare

Can’t stop stars from shining
or Beirut from rising
passa la guerra
col suo squallore
Can’t stop stars from shining
or Beirut from rising
la guerra passa
Beirut non muore

Passa la pioggia
innaturale
Can’t stop stars from shining
or Beirut from rising
Beirut ritorna
a scintillare

inviata da adriana - 28/4/2007 - 12:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org