Lingua   

Lamento della sposa padovana

Silvio Omizzolo
Lingua: Italiano (Veneto Padovano Antico)


Ti può interessare anche...

Scarborough Fair/Canticle, provided with The Elfin Knight, Whittingham Fair and Rosemary Lane, and with an Appendix on Riddles Wisely Expounded
(Simon & Garfunkel)
La mala nova
(anonimo)
Ode an die Freude
(Ludwig van Beethoven)


[sec. XII]
Conservato nel "Frammento Papafava"
Musica di Silvio Omizzolo [1941]

Silvio Omizzolo.
Silvio Omizzolo.
Conservato in un manoscritto del XII secolo, il cosiddetto Frammento Papafava, il Lamento della sposa padovana è uno dei più antichi testi giullareschi della letteratura italiana. I documenti più antichi dell'arte dei giullari sono abbastanza rari: il più antico è la cantilena toscana Salv'a lo vescovo senato, che fu composta poco dopo la metà del XII secolo in lasse monorime composte da ottonari in cui un giullare con enfatiche parole esalta Villano, arcivescovo di Pisa, per ottenere in cambio il dono di un cavallo.

Il Lamento della sposa padovana è un frammento del secolo XII proveniente da un poemetto di genere cortigiano, probabilmente imitato dal francese, che canta l'amore di una donna per il marito che combatte lontano, in Terrasanta. Musicato nel 1941 da Silvio Omizzolo, per il particolare anno di composizione e, ovviamente, anche per l'argomento, assunse significato di impegno civile e di opposizione alla guerra.

"Responder voi' a dona Frixa,
ke me conseja en la soa guisa
e dis k'eo lasse ogna gramecza,
veandome sencza alegrecza,
ke' me' mario se n'e' andao,
ke 'l me' cor cun lui a' portao.
Et eo cum' me de' confortare
fin k'el stara' de la' da mare?
czamai no'l ver [ . . ] del vegnire,
ne ai paura d'envegclire:
ke' la speranza me mantene
del me' segnor, ke me sovene.
En lui e tuto el me' conforto:
czamai no voi' altro deporto,
ke' de lui sol czoia me nasce,
ke 'l me' cor ten, noriga e passce.
El no me par k'el sia luitano,
tanto m'e el so amor prusimano.
Eo sto en la czambra, plango e pluro,
per tema k'el no sia seguro,
ke' d'altro mai no ai' paura;
e la sperancza m'asegura
k'el de' vegnir en questo logo.
Tuto el me' planto torna en czogo
e i me' sospiri ven en canto,
membrandome del ben cotanto.
Veder mia facza eo mai no quero
en spleco, k'el no fa mestero,
ke' non ai cura d'eser bela.
Eo me'n sto sola en camarela
e an' talora en mei' la sala;
no ai que far czo' de la scala
ne' a balcon ne a' fenestra,
ke' tropo m'e luitan la festa
ke plu desiro a celebrare.
Eo guardo en cza deverso el mare,
si' prego Deo ke guarda sia
del me' segnor en Pagania,
e facza si' ke 'l mario meo
alegro e san se'n torne endreo,
e done vencea ai cristiani,
ke tuti vegn' alegri e sani.
E quando ai fato questo prego,
tuto el me' cor roman entrego,
si' k'el m'e' viso ke sia degna
ke 'l me' segnor tosto se'n vegna.
Eo no crerave altro consejo:
el vostro 'e bon, mai questo e' mejo,
e questo me par de tegnire;
nexun me'n porave departire".
Le done oldi' czo k'ela disse;
nexuna d'ele contradisse,
ancz{o} fo tegnuo tuto per bene
e cosa ke ben se covene;
e si' la tene si' liale
cum' bona dona e naturale:
k'el' atende' tanto al mario
k'el so deserio fo complio,
e 'nverso lui mostro' 'legrecza,
lassando tuta la gramecza.
Czamai penser no vose avere
se no com' se poes plaxere
et el a lei et ela a lui.
Czilusi ig' era entrambidui,
mai no miga de rea creencza:
entrambi era d'una sentencza,
k'i se portava tanto amore
k'ig' era entrambi d'un sol core.
El volse czo k'ela volea
et ela czo k'a lui plasea.
no ave mai tenczon ne' ira,
ke ben tegnise da tercza a sera.
Questa fo bona czilosia,
ke 'l fin amor la guarda e guia;
e questa vol lo pelegrino
aver de sera e da maitino,
e an' no i ave desplaxere
s'ella volese ancora avere
enverso lui nocha non [ . . ella],
k'ancora un poco li revella.
Mai el e' si ferma sperancza,
k'el cre' complir la soa entendancza
e far si k'ela l'amera'
e fe lial li portera'.
Ela li sta col viso claro
quan' li favela, mai de raro
i aven quela rica aventura,
k'el' e' si' alta per natura
ke, quando el e' da lei apresso,
de dir parole sta confesso,
e sta contento en lo guardare:
altro no i aolsa demandare.
E si' i avrave-l ben que dire!
querir merce', marce' querire
mille fiae e plu ancora,
s'el li bastas' e tempo e ora.
E ki credi-vu k'ella sia!
Ela e' de tal beltae complia,
k'el no e' miga meraveja
s'el pelegrin per lei s'esveja.
An' no devrave-l mai dormire,
mai pur a lei merce' querire,
merce' k'ella el degnase amare,
ke malamentre el fa penare.
Mai el non osa, el pelegrino:
tutora sta col cavo enclino;
merce' no quere, mai sta muto,
sospira el core e arde tuto.

inviata da Riccardo Venturi - 23/4/2007 - 10:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org