Lingua   

A Cristo

Antonello Venditti


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Campo De' Fiori
(Antonello Venditti)
Liberté
(Voci di mezzo)
Canzone per Seveso
(Antonello Venditti)


"A Cristo" è tratta dal quarto album di Venditti, "Quando verrà Natale" del 1974.
Quando verrà natale
È un Venditti molto diverso da quello che ci siamo abituati a sentire negli ultimi anni. È amabilmente insolente, provocatore e sfacciato. Ed al contempo, pregno dell'amore e poesia che caratterizza tanti suoi pezzi.
Un Venditti amante e rabbioso. Sicuramente più ingenuo e sincero.
Per "A Cristo", Venditti è stato denunciato per vilipendio alla religione.

Credo che la frase finale della canzone valga almeno la metà del pezzo.
L'incitazione alla non rassegnazione, alla protesta attiva, è un messaggio che non ha età.
Non so se l'autore crede ancora in quel testo.
Ad ogni modo credo che il pezzo sia molto coraggioso, soprattutto per i suoi anni, e oggi, forse più di allora, meriti di essere conosciuto e ascoltato.

Buona lettura.
(Carlo Cotta)
M'hanno detto che Cristo è stato a Roma
e janno detto pure ma 'ndo'vai - quo vadis?
ariccojete tutto, stracci e idee
ma a Roma no, nun ce tornà
Voj annà forse finì morì ammazzato
da sti bboni centurioni che tu sai
che te pregheno e te fregano tutti i giorni
in nome della loro autorità
Aridatte quatto quatto in Galilea
quella sì che è na terra produttiva
aripjate armeno la terra che era tua
dall'occhio vergognoso di un Mosè -Moshe Dayan-
Questo ho saputo per vie non troppo chiare
da un augusto imperatore che sta al bar - un ubriacone
Mo me devi spiegà o mio Signore,
perché adesso tu non stai né qui né là.

"Fijo mio io faccio il mio lavoro,
turo li buchi 'ndove li posso turà
adesso so' impegnato su in Irlanda
e m'hanno pure incastrato nel Vietnam
certi signori che so' quaqueri rifatti - gli americani
hanno inventato angeli più forti - i phantom X-
che quelli costruiti qui alla bona
non cianno manco er tempo pe' volà.
Cianno pure messo de mezzo mi cugino
che se chiama sempre Berzebù
e che te devo dì, io nun me movo,
io cerco er fresco io me ne sto qui"

Ammazzete Gesù Crì quanto so' fichi
ma chissà che me credevo che stavi a fa
volevo 'n po' vedè io so' ignorante
per mondo che hai creato, che stavi a combinà.
Ma la cosa che ce frega a tutti e ddue
è che noi annamo ogni giorno a lavorà
e che, ma guarda un po', ma guarda sto destino
ce tocca stacce zitti zitti bboni e sopportà.

E nun ce facciamo l'affari nostri.
Nun ce li facciamo pe' carità;
nun te fa' l'affari tua finché la pace non verrà.

inviata da Carlo Cotta


D'accordo su tutto con chi l'ha inviata a CCG ... quant'erano sinceri, ricchi di spunti ed interessanti i dischi vendittiani dell'era-RCA (io ho solo quelli).

Alberta Beccaro - Venezia - 1/6/2008 - 14:56



Lingua: Italiano

Come in parecchie canzoni di quel periodo c’era una versione originale censurata e una versione riveduta e corretta per le povere orecchie “molto sensibili” dei benpensanti… Ecco la versione censurata:
A CRISTO

M'hanno detto che Cristo è stato a Roma,
e gli hanno detto pure: « Ma 'ndo' vai ? - "Quo vadis",
ariccojete tutto, stracci e idee,
ma a Roma, a Roma no, nun ce torna'.
Voi anna' forse fini' mori' ammazzato
da 'sti boni centurioni che tu sai - "i preti in generale"
che te pregano e fregano tutti i giorni
in nome della loro santità.
Aridatte quatto quatto in Galilea,
quella sì che è 'na terra produttiva,
falli lì li giocarelli tua
nell'occhio vergognoso di un Mosè - "Moshè Dayan" ».

Questo ho saputo per vie non troppo chiare
da un Augusto mperatore che sta al bar - "un ubriacone",
mo me devi spiega', o mio Signore
perché adesso tu non stai né qui né là.

« Fijo mio, io faccio er mio lavoro,
turo li buchi ndove li posso tura',
adesso sto 'mpegnato un po' più a destra,
e sto pure 'mpegnato nel Viet Nam.
Certi signori che so' quacqueri rifatti - "gli americani"
hanno inventato angeli più forti - "i Phantom X "
che quelli costruiti qui alla bona
nun ci hanno manco er tempo de vola'.
Ci hanno pure messo de mezzo mi cugino
che se chiama sempre Belzebù (*),
e che te devo di'? io nun me movo,
io cerco er fresco, io me ne sto qui ».

Aammazzate, Gesù Cri' quanto sei fico (**),
ma chissà che me credevo che stavi a fa',
volevo un po' vede', io so' gnorante,
der monno che hai creato che stavi a combina'.
Ma la differenza che c'è tra noi due
è che io vado ogni giorno a lavora'
e che ma guarda un po', ma guarda 'sto destino,
me tocca stamme zitto bono, e sopporta'.
Parapapà, parapapà
parapappa paraparapparapà, etc.
E nun ce facciamo l'affari nostri, nun ce li facciamo pe carità.
Mo nun te fa' l'affari tua - finché la pace non verrà.
E nun te fa' l'affari tua finché la pace non verrà.
Nun te fa' l'affari tua
finché la pace non verrà.
(*) Paolo VI aveva di recente ribadito l’esistenza del diavolo. Ba‘al Zebûb (בעל זבוב), Signore delle mosche, divinità filistea di Ekron che gli ebrei monoteisti (e poi i cristiani) associarono al genio del Male.

(**) La frase ritenuta forse troppo confidenziale fu poi cambiata in: Ammazzali, Gesù Cri', quanto so' fichi (riferito ovviamente ai crociati americani). Un po’ assurda giacché il cantautore chiedeva qui conto e soddisfazione a Nostro Signore. Nella seconda versione Venditti faceva passare Gesù dalla parte dei lavoratori. È l’ambiguità millenaria del cristianesimo. Sta coi potenti o con gli oppressi? Un po' con gli uni e un po' con gli altri nelle sue sfaccettature…(o esigenze?).

inviata da giorgio - 21/6/2008 - 00:51


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org