Lingua   

Paziente 37

Riccardo Ceratti


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Katanga
(Gli Anarchici milanesi)
La Giulia
(Nuovo Canzoniere Bresciano)
Ci si rivedrà
(Ivan Della Mea)


2018

La canzone Paziente 37 è strutturata su due piani: il prima e il dopo rispetto al momento dell'esplosione..
Bologna città operosa corre alla luce del sole: "il sorriso dell'estate bacia la terra." Mentre c'è chi in preda a "deliranti ideologie" "s'erge ad assoluto e pensa ad ammazzare"

Ricardo Ceratti


L'esplosione non interrompe il ritmo della canzone
La città è colpita dall'"orrore" ma corre accorre soccorre va a proteggere l'intimità profanata. "Bologna corri dai tuoi figli gigli rossi sulla strada" Il sorriso s'è spento, "Bologna corre tra le macerie buie". Una bomba non ha futuro, Bologna corre tra"i sogni rubati" Una bomba non ragiona non distingue "la morte vola su un gilet." Una bomba così potente cancella persino il corpo di una mamma Davanti a una tragedia così inconcepibile i mezzi sono scarsi
"Bologna scava a mani nude". Si portano scale come barelle, lenzuoli per coprire le vite straziate ("ed occhi che si sono chiusi") 85 morti 200 feriti. "E l'aria manca sul 37". La linea degli autobus 37 ha il pietoso compito di portare i morti all'obitorio, i feriti all'ospedale.

Da un atto di guerra unilaterale contro persone inermi non può "germogliare il giorno nuovo". "Il seme amaro" di chi pensa di stravolgere la democrazia attraverso la violenza "muore su un orologio". Così come si rivelano "patetiche alchimie" le giustificazioni di chi vuol servirsi di assassini per mantenere intatto il potere. Non vi sono non vi possono essere ragioni tanto meno ragioni di stato per giustificare una strage. E affinchè venga estirpato il "seme amaro" occorre lottare contro quel mostro che vuole ingoiare la memoria.
varese.uilpa.it
Corri, Bologna corri
Primo binario
marciapiede e poi l'orario
Corri, Bologna corri
L'estate è piena e il tuo sorriso
bacia la terra e poi il rumore
di un'esplosione e poi l'orrore

Bologna corri dai tuoi figli
gigli rossi sulla strada
sirene blu e l'aria manca sul 37
la morte vola su un gilet
sui copertoni dei taxi
su aiuto mamma sono qui

Corre, Bologna corre
tra le macerie buie di sogni rubati
Corre, Bologna scava a mani nude
ed occhi che si sono chiusi
Corre, Bologna corre
e intanto muore su un orologio
il seme amaro non germoglia
il giorno nuovo di chi s'erge ad assoluto
di chi pensa ad ammazzare
con patetiche alchimie
e deliranti ideologie
di una civiltà in default

Bologna corri dai tuoi figli
gigli rossi sulla strada
sirene blu e l'aria manca sul 37
la morte vola su un gilet
sui copertoni dei taxi
su aiuto mamma sono qui
sulle patetiche alchimie
e deliranti ideologie
di una civiltà in default
la morte vola su un gilet
sui copertoni dei taxi
su aiuto mamma sono qui
sulle patetiche alchimie
e deliranti ideologie
di una civiltà in default

inviata da Dq82 - 19/3/2018 - 09:13


Intensa e trascinante...

Fabrizio - 20/3/2018 - 15:24


È un brano bellissimo ed intenso mi è entrato nella testa da subito e non ne è più uscito!!! Grande Riccardo Ceratti

Gaetana - 20/3/2018 - 23:58


Che bella canzone!

Roberta - 22/3/2018 - 12:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org