Lingua   

Trastevere

Prince Faster
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Per futili motivi
(Flavio Giurato)
No Pushman
(Radici nel Cemento)
Se fossi 'n guirty
(Presi per caso)


2005
Non ha la presunzione di essere un brano musicale, ne un video (e si vede). Mi hanno colpito le voci di questa donne per cui ho deciso di metterci qualche suono intorno, nulla più.
Prendetela come una cosa con qualche nota musicale in croce come ce ne sono tante sul web,
Da una intervista a Radio Città Aperta a due donne occupanti.
Prince Faster - Trastevere
Prince Faster: sinth, batterie, tastiere.
Paolo Bertozzi: Basso e chitarre.
Mario Tagliaferri - Guit
So' dieci anni che c'ho lo sfratto de casa
so' dieci anni che sto per strada
ho trovato sta palazzetta che era tutta rotta
in declino, proprio proprio solo la terra
e semo entrati, c'avemo il diritto pure noi ad ave' una casa
o no? Siamo nati a Roma, semo romani, siamo nati a Roma
che dovemo sta in mezzo a 'na strada eh?
con 900.000 di pensione che prendo, che ce faccio
manco le medicine che sto male posso compra'

da casa n's'esce, da casa n's'esce

Dei sacrifici: abbiamo mangiato per strada, abbiamo dormito per strada
freddo acqua vento, tutto andavamo al bagno per strada, tutto per strada
e mo' no, mo' stamo dentro casa e lì rimanemo
beh la storia mia è questa sono nata a Roma
sono una romana, ho sempre lavorato onestamente
io dopo 45 anni che abitavo in una casa di Trastevere
se la so' venduta e mi è toccato andammene via,
lodicamente, io non me la potevo compra'
a oggi purtroppo se sa quello che è diventato Trastevere
che era na catapecchia, prima che doveva esse nostra
invece so venuti i signori, che la speculazione è stata questa grande
se so comprati sta casa, e io so rimasta per strada
per chi è nato a Roma, non credo proprio di annava a finì così
purtroppo so' vedova
ce semo dati animo e semo entrati
se semo messi le mani ndi capelli
perché logicamente non era una casa
era senza finestre, senza porte senza pavimenti
era un rudere abbandonato così
chi non c'aveva casa, avemo stretto i denti
se semo vendute persino le lenzuola ndel letto
io c'avevo perfino il corredo delle mie fije
che me lo so fatto a mollichelle
l'ho venduto, magari invece di 200.000 lire
l'ho venduto per 30.000 lire
perfino la fede dal dito, che me dovevo leva' più
pe pote' fa 'na porta un pavimento e 'n cesso
scusate de sta frase così aggressiva
ma questa è una parola de na donna romana

c'ho tanti sacrifici, tra pianti lacrime e pane e pane
e non lo posso di' che moì c'ho un groppo in gola
quello che abbiamo passato, mamme di famiglia strascinate per tera
la notte ad aspetta', quando c'hanno cacciato via
semo state a dormì pe strada, questa è la nostra storia
e speriamo che sta casa sia nostra
noi volemo pagare na pigione, dignitosamente
però avere un tetto e 'na sicurezza
penso che questa sarebbe la strada più giusta
nun ce stanno più li valori più belli
che ve devo di', io se parlo parlo della mia infanzia
delle donne romane scacciate dalle case
che nun ce stanno più, nun parla più come noi co nessuno
non sanno più parla' a lingua nostra
adesso passi pe' strada e dici, ma 'ndo me trovo
che me trovo a Roma mia?
Io come dico via Roma, però Roma è sparita purtroppo
dateci puesta possibilità perlomeno
de vive dentro queste case che non so de nessuno
passi pe' strada e dici, ma 'ndo me trovo
che me trovo a Roma mia?

inviata da Dq82 - 20/11/2017 - 11:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org