Lingua   

Quannu diu fici a tia...

Pupi di Surfaro
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Soldatino
(Pupi di Surfaro)
Li me' paroli
(Pupi di Surfaro)
Negghia
(Marta sui tubi)


Testo e musica di Salvatore Nocera

Questo brano nasce come uno studio ed un omaggio all’opera di Bernardino Giuliana (fu poeta della nostra terra): Mi piaci ‘a libertà. Gli uomini come le bestie. Peggio delle bestie. Un quadro a tinte forti di un’umanità bestiale. “Ognunu armali cu’ la propria razza, artari di crita, banneri di pezza...”. Schiavi delle ideologie e dei vizi… “In nome di dio si scanna e s’ammazza…”. Un inno inverso alla bestialità. Schiavi della grettezza e la rassegnazione. “L’ignoranza ammazza ‘a libertà”.
Quannu Diu fici a tia
forsi ti fici sceccu?
Sutta la vardedda stortu,
scurciatu di lu suli, scottu,
cu’ l’occhi ‘n terra
sempri strascini e ammutti
e cu’ la cuda scacci li muschi.

Populu d’armali, schiavu di la so’ ‘gnuranza,
spreca inutilmenti la so’ scarsa intelligenza.

Quannu Diu fici a tia
forsi ti fici porcu?
Affunnatu ni lu fangu, persu,
chi si danna pi’ spurpari ‘n ossu,
dintra a lu to’ brodu vugghi
e lu distinu agghiutti,
ridi a lu patruni
ca t’ingrassa e poi ti futti.

Populu d’armali, schiavu di li so’ vizi,
spreca inutilmenti tutti li so’ biddizzi.

Ognunu armali, cu’ la propria razza,
artari di crita, banneri di pezza,
‘llu nomu di Diu si scanna e s’ammazza.
Ta tara ta ta tara ta ta
Viva la nustra armalità!

Tutti su’ figli di ‘na mamma pazza,
ca addeva cagnuli e duppu l’arramazza,
né fede, ideologia, non è razionalità.
Ta tara ta ta ta ta ta…
L’ignoranza ammazza ‘a libertà.*

Quannu Diu fici a tia,
e nun ti fici lupu!
Arraggiatu di putiri e farsu,
chi strascini i figghi ni lu fossu,
gunchiu di currivu
sputi e ti scuma la vucca,
ti scatta lu feli,
bruci, arraggi e fai minnitta.

Populu d’armali, schiavu di la so’ superbia,
si ni futti di l’onuri e sbampi ni la raggia.

Populu di cani e muli si fannu la guerra,
scancianu la virità, si spartinu la terra.

Ognunu armali, cu’ la propria razza,
artari di crita, banneri di pezza,
‘llu nomu di Diu si scanna e s’ammazza.
Ta tara ta ta tara ta ta
Viva la nustra armalità!

Tutti su’ figli di ‘na mamma pazza,
ca addeva cagnuli e duppu l’arramazza,
né fede, ideologia, non è razionalità.
Ta tara ta ta ta ta ta…
L’ignoranza ammazza ‘a libertà.*
* tratto da “Mi piaci ‘a libertà” di Bernardino Giuliana

inviata da Pupi di Surfaro - 11/8/2017 - 08:18


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org