Lingua   

Los dos filhets del rei

anonimo


Lingua: Occitano


Ti può interessare anche...

Nenia (dalla guerra dei trent'anni)
(Daisy Lumini)
Comte Arnau
(anonimo)
Mandura
(Daisy Lumini)


Testo di autore anonimo
Raccolto da Alan Ward
Pubblicato in "Petit cançonier d'Oc", a cura di Alan Ward, Institut d'Estudis Occitans, Tolosa 1963

Di Alan Ward non sono riuscito a trovare notizie, a questo nome corrispondono diverse pubblicazioni, ma probabilmente sono diversi autori, con competenze diverse. Al "nostro" Alan Ward (anni '60) sono da attribuire diverse pubblicazioni sulle canzoni occitane e catalane.

Se ne trova una interpretazione di Rosina De Peira E Martina nel disco eponimo (1973)
Rosina De Peira E Martina

Siamo arrivati a questo testo per strade tortuose, partendo da Alla guerra chi ci va di Beppe Chierici e Daisy Lumini.
Poi abbiamo contattato René Zosso, ghirondista svizzero, che avevamo scoperto essere autore di una versione francese nel suo album Chante & Vielle del 1968 e che è quasi sicuramente la fonte di Beppe Chierici.
René ZossoRené Zosso

Affermo quasi sicuramente per una serie di motivi, la conferma assoluta ce la pptrebbe dare solo Beppe Chierici stesso, ma ho alcune certezze:
Nell'album la cattiva erba compare anche un recitativo estratto da una lettera di Vian, La guerra è truccata, ed è la traduzione letterale della versione, sempre senza musica e solo recitata, pubblicata da René Zosso nel già citato Chante & Vielle.
Il secondo motivo me lo ha fornito lo stesso René Zosso in una sua mail (riproduco testualmente):
Ma vorrai spiegare qualcosa a proposto del ultimo verso : "... mon baron que n’es mòrt a las batalhas".
Questo "n'", in occitano, NON è una negazione ! è espletivo, a valore eufonico per dividere "que" e "es mort".
In 1968, quando ho registrato il disco, non lo sapevo !
Avvevo capito "non è morto...", in un senso ironico dal momento che in fatto è morto sul suo letto !
Dunque ho cantato "qui n'est pas mort à la guerre" sul disco. 
Ma è un errore !
Dunque la traduzione giusta è : "qui est bien mort à la guerre".
Dunque bisogna corriggere la traduzione italiana per non diffondere l'errore !

Essendo l'errore anche nella versione italiana di Beppe Chierici è probabile che la sua fonte fosse proprio René Zosso.
(Testo modificato 8/9/2017)
A la guèrra qui i va,
 qui i va non tòrna gaire

Oc los dos filhets del rei  
a la guèrra son anadi

Joanet jamai n’es tornat  
 e Joan-Francesc pas encara

Sa maire lo vic venir      
 per un prat que verdavaja

« Qué ne pòrtas mieu filhot
qué pòrtas de las batalhas ? »

« Entre jo e mon caval    
ne portam vint-e-nòu plagas

Mon caval porta las nòu,
 jo paubret totas las autras

Ma maire fètz-me lo lèit
 no’i demororai pas gaire

Serai mòrt a mièja nuèit
 mon caval a punta d’alba

M’enterrarètz al sagrat,  
mon caval a la passada

M’enramelarètz de flors,
mon caval de totas armas

Passaràn los passejants,  
diràn : quina bèla tomba !

La tomba del filh del rei
qu’a ganhat força batalhas

La tomba del filh del rei
que n’es mòrt a las batalhas

Las campanas de Madrid
 sonaràn a punta d’alba

Sonaràn per mon baron
 qu’a ganhat força batalhas

Sonaràn per mon baron
 que n’es mòrt a las batalhas

inviata da Dq82 - 8/7/2017 - 08:02




Lingua: Francese

Traduction francaise de René Zosso
La versione in francese di Rene Zossò da Chante & Vielle (1968)
Chante & Vielle

Testo fornitoci da René Zosso stesso.
A LA GUERRE QUI Y VA

A la guerre qui y va, qui y va s’en revient guère
A la guerre qui y va, qui y va s’en revient guère

Et sont les deux fils du roi
S’en sont allés à la guerre
Jean n’est jamais retourné
Et Jean-François pas encore

A la guerre qui y va, qui y va s’en revient guère (bis)

Sa mère le voit venir
Dessus un pré qui verdoie :
- Et que m’as-tu donc, mon fils,
Rapporté de tes batailles A la guerre...

- Entre moi et mon cheval
Nous avons vingt et neuf plaies
Mon cheval n’en a que neuf
Et moi pauvre j’ai les autres A la guerre...

Ma mère, faites mon lit
Mais je n’y dormirai guère
Je serai mort à minuit
Et mon cheval blanc à l’aube A la guerre...

Vous me couvrirez de fleurs
Mon cheval aura mes armes
Passeront tous les passants
Et diront : la belle tombe A la guerre...

La tombe du fils du roi
Qui a gagné force bataille
Qui a gagné force bataille
Et puis est mort à la guerre A la guerre...

Sont les cloches de Madrid
Elles sonneront à l’aube
Sonneront pour mon baron
Qui n'est pas mort à la guerre.* A la guerre...
* Come spiegato già nell'introduzione la traduzione è qui errata:
"n'", in occitano, NON è una negazione ! è espletivo, a valore eufonico per dividere "que" e "es mort". Ma era stato tradotto con "non è morto...", in un senso ironico dal momento che di fatto è morto nell suo letto.
La traduzione corretta è "qui est bien mort à la guerre"

inviata da dq82 - 2/8/2017 - 22:48




Lingua: Italiano

Versione italiana di Beppe Chierici e Daisy Lumini
La cattiva erba (1970)
ultra-rare-italy-or-lp-daisy-lumini-e-beppe-chierici-la-cattiva-erba 2222391

Autori: Anonimo Franc. XVII sec., Beppe Chierici



La Cattiva Erba (Contro la guerra e le armi) è un album del 1970 di Beppe Chierici e Daisy Lumini che raccoglie 15 canzoni in italiano frutto di traduzioni e reinterpretazioni di poesie e canzoni che vanno da Archiloco e Lao Tsu ad Antoine attraverso più di 2500 anni di storia. Credo che il titolo piacesse particolarmente a Beppe Chierici, visto che lo ha riutilizzato recentemente per un album su Brassens.
Il tema della guerra, della sua inutilità, del dolore delle madri o delle mogli che attendono il ritorno è ricorrente, essendo alcuni brani molto antichi, non possiamo però attenderci invettive contro la guerra.

Il disco è purtroppo introvabile, se non fosse stato per Flavio Poltronieri che ce ne ha fornito una copia, con tanto di fruscii del vinile inclusi nei brani, perchè in vinile uscì l'LP nel 1970, non saremmo mai riusciti a trovarlo. L'edizione era assai scarna, quindi priva dei testi che abbiamo dovuto pertanto sbobinare all'ascolto. Per quanto riguarda invece i testi originali, alcuni erano già presenti, altri li abbiamo trovati e inseriti.
Adesso l'album è interamente ascoltabile

Perchè quei cannoni? (Antoine) - Nenia (dalla guerra dei trent'anni) - Eravamo tre compagni - Compianto popolare - Il soldato morto in terra straniera - Alla guerra chi ci va - Il soldato dormiente (Rimbaud) - La guerra è truccata (Boris Vian) - Contro la guerra e le armi (Lao Tsu) - Lo scudo perduto (Archiloco) - Non avremo mai la pace, fratello? (Oliver De Magny) - Il condannato a morte - Testamento (Lermontov) - Il malcontento del soldato - Torna da in guerra un soldato



Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
I due figli di un gran re sono andati alla guerra
Jean non è più ritornato e Francesco non ancora

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
È tornato dalla madre attraverso un prato verde
Figlio cosa mi hai portato dalle Cento tue battaglie

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Sul mio corpo e il mio cavallo ci son 23 ferite
Il cavallo ne ha sei, su di me ci son le altre

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Madre mia prepara il letto ma non dormirò a lungo
Morirò a mezzanotte e il mio cavallo all'alba

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Poi mi coprirai di fiori, al cavallo le mie armi
Passeranno i passanti e diran che bella tomba

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Dentro c'è il figlio di un re che ha vinto le battaglie
Che ha vinto le battaglie ma non è morto alla guerra

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Le campane di Madrid suoneranno tutte a storno
Suoneranno per un re che non è morto alla guerra*

Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
Alla guerra chi ci va, non ritorna dalla guerra
* La traduzione riprende qui l'errore di interpretazione della traduzione francese.
La traduzione corretta sarebbe "un re che è proprio morto in guerra"

inviata da Dq82 - 8/9/2017 - 10:23


Ho trovato chi probabilmente ha interpretato ll brano originale Renè Zosso nell'album Chante & Vielle (1968), potrebbe essere la fonte di Lumini e Chierici o comunque un'interpretazione della versione originale (o almeno così credo visto che oltre al titolo al momento non ho reperito altro): A La Guerre Qui Y Va: romance provençale : de l'anthologie "Le petit cançonnier d'Oc". Alain Ward. Nello stesso album anche La guerre est truquèe di Boris Vian.

Dq82 - 9/7/2017 - 08:48


Beh, questo è davvero un bel colpo! Il testo era irreperibile in Rete...

Non ho capito chi l'ha trasmesso, se René Zosso o Alan Ward...

Data l'importanza del testo, curerei un po' di più l'intro, a cominciare da Renze per René e Cançonnier per Cançonier... ("Petit cançonier d'Oc", a cura di Alan Ward, Institut d'Estudis Occitans, Tolosa 1963)

E poi qualcosina su Zosso e su Ward...

Chiedo troppo?

Saluti

B.B. - 2/8/2017 - 23:03


E poi la versione francese sarebbe da intendersi come primaria, non il contrario... giusto?

B.B. - 2/8/2017 - 23:05


B.B. sono in attesa del testo originale occitano, poi la pagina andrà riattribuita e risistemata. Comunque il mio contatto è stato Rene Zossò, che ringrazio sin da ora, ma che avrà poi un ringraziamento anche nel common dell'album quando avrò risistemato tutto

Dq82 - 3/8/2017 - 07:00


Va bene, ma io non posso sapere se la pagina è in via di risistemazione se non lo dici o - essendo Admin - non ci metti il "Lavori in corso". Quindi l'osservazione l'ho fatta comunque.

E poi, attento: René Zosso e non Rene Zossò. Tu sei mica Qd28!

Saluti

B.B. - 3/8/2017 - 08:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org