Lingua   

La canzone degli sfollati

Pietruccio Cerquetti
Lingua: Italiano (Marchigiano Civitanovese)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Lo ciocco
(Pietruccio Cerquetti)
In occasione della guerra d'Africa
(Pietruccio Cerquetti)
7 novembre 1949
(Pietruccio Cerquetti)


1943


Due giorni dopo il primo bombardamento aereo di Civitanova Marche, in un piovoso pomeriggio di fine novembre 1943, Pietro Cerquetti scrive di getto La canzone degli sfollati. Con la matita, su un foglio di cartapaglia, compone nove strofe dialettali. Ottiene però dal commissario prefettizio Marini il permesso di stamparne solo otto, omettendo l'ultima dove Pietruccio si sfoga direttamente contro il duce e il re.
È proprio l'ultima strofa, conosciuta a memoria da molti, che procura a Pietruccio una serie di guai: 20 giorni di carcere nella caserma di Morrovalle e bastonate dai fascisti.
pietrucciocerquetti.jimdo.com


Canzonette de Pietruccio
Le prefazioni servono a presentare gli uomini e le opere. Ma se si dovesse porre questo compito per presentare "Pietruccio" e le sue canzonette a Civitanova Marche, il tutto sarebbe una cosa superflua e quindi inutile. Chi non conosce Pietro Cerquetti? Chi, più o meno in sordina, non ha fischiettato le sue canzonette?
Ma se una specie di prefazione è necessaria quando l'immaginazione ci fa prevedere sulle labbra di qualche pasciuto "signore" un sorriso che vorrebbe essere di commiserazione e che non riesce neanche a ben dimostrare la stupidità del suo proprietario. Sono i sorrisi, questi a cui alludiamo, di coloro che si ritengono "persone per bene" e che si ritengono gli unici depositori ed intenditori di prose e di versi.
A costoro vogliamo dire che Pietruccio Cerquetti ha frequentato la sola terza elementare, che è un operaio, che è sempre stato operaio. A costoro vogliamo portare come esempio la figura adamantina dell'antifascista Pietruccio.
Dell'umile operaio che non ha cambiato mai casacca, che ha sempre contribuito a tenere alta la rossa bandiera della libertà.
A costoro che si ritengono possedere il monopolio dei valori più umani di coraggio, libertà, coerenza, del bello, del giusto e del buono, vogliamo portare l'esempio di un umile, onesto operaio.
È un operaio che si esprime con l'italiano che gli è stato possibile imparare tra una goccia e l'altra di sudore versate nell'officina. È un operaio che sa meglio estrinsecare i suoi pensieri servendosi delle espressioni fresche e colorite del suo dialetto.
Questa raccolta di versi di Pietro Cerquetti non è solo la prova dei dolori repressi che covano tra la classe operaia; è soprattutto l'anedito di questa classe verso una giustizia superiore.
È dimostrazione di resistenza e di lotta contro ogni sopruso.
Non è solo il lamento accorato dell'oppresso, ma il lavorio costante ed indefesso della goccia d'acqua che scava la roccia.
Sono gli animi sensibili ed onesti degli operai, come "Pietruccio", che hanno portato l'ingente massa degli sfruttati di tutto il mondo a cambiare, nei nostri giorni, alcune parole dell'inno proletario: non è più "Bandiera rossa trionferà" ma più propriamente "Bandiera rossa trionfa già"!.
Sezione del PCI di Portocivitanova

Le canzonette de Pietruccio, PCI Civitanova Marche, 1950


Prefazione - Portocivitanova nell'oscurità - I° maggio - In occasione della guerra d'Africa - La canzone degli sfollati di Civitanova Marche - La politica e l'altare - Lo ciocco - I lavori dello stadio - 7 novembre 1949 - La camisciola - Evviva l'unità



‘Llajò lo Porto cò lo primo mitrajamendo
Tutti se dà a la fuga prondi a lo sfollamento
Chj se vutta in cambagna chj drendo Citanò
Chj su ‘pe le mondagne o verso Montecò.

Nuaddre ce ‘ttroemo vicino a Tallei:
Su ‘n-letto de du posti dormemo in cingue o in sei
Ce semo rrifugiati a la mejo che se pò
L’urdemi che ‘rvà a casa ha da durmì de fò

‘Na casa de du vani: vendi ne semo troppi
un pochi ‘gna che vaca a durmì sopre li coppi
Perchè tutti ‘llà drendo non ce se pò ‘boccà
Armeno chi va sopre li dendi pò ‘ngioccà

Chj dorme su le vrande e chi sopre le rete
L’acqua ce sta londano tocc’a suffrì la sete
Se anghe li vicinati te la fa caccia
O ‘gna che bei poco o non pò più cucinà

Più bbuffa adè la sera quann’è l’ora de la cena
A ‘posto de la luce ce sta la citilena
Tegne tutte le frosce se ‘ngomingia a fumà
Ce mmascheremo tutti comme che Carnuà

Ma se ‘sta vita angor quarghe semestre
Ce torna mejo a mette su ‘n-circolo equestre
La spesa più grossa sarria da fa ‘n-tennò
Armeno stemo drendo non ‘stemo più de fò

Statemo tra Tallei e la Villa pijapochi
Pare che semo quelli che jemo a ‘fà li jochi
E sse non ge ‘berghesse ‘llo pòro de Quatrì
Saressimo ridutti comme li vorattì

‘Na spece de nuà adè la famija Sacchi
Se ‘rizza la matina ‘dè tutti rutti e stracchi
Dorme tutti-nzème drendo un cammerò
Chi ritti chi sta ciumi ‘dè vendisei perzò!

Quisti d’è li regali che cià fatto lo duce
senz’acqua, senza casa e angora senza luce
proprio immezzo la strada cià vuto vedé
pigliesse un corbo a isso e lo latro de lo ré

inviata da dq82 - 26/5/2017 - 09:02



Lingua: Italiano

La versione dei Trainanà
‘Llajò lo Porto cò lo primo mitrajamendo
Tutti se dà a la fuga prondi a lo sfollamento
Chj se vutta in cambagna chj drendo Citanò
Chj su ‘pe le mondagne, Morrovalle o Montecò.

Nuaddre ce ‘ttroemo vicino a Tallei:
Su ‘n-letto de du posti dormemo in cingue o in sei
Ce semo rrifugiati a la mejo che se pò
L’urdemi che ‘rvà a casa ha da durmì de fò

‘Na casa de du vani: vendi ne semo troppi
un pochi ‘gna che vaca a durmì sopre li coppi
Perchè tutti drendo non ce se pò ‘entrà
Armeno chi va sopre li dendi pò ‘ngioccà

Chj dorme su le vrande e chi sopre le rete
L’acqua ce sta londano tocc’a suffrì la sete
Se anghe li vicinati te la farà caccia
O ‘gna che bei poco o non pò più cucinà

Più bbuffa adè la sera quann’è l’ora de cena
A ‘posto de la luce ce sta la citilena
Tegne tutte le frosce se ‘ngomingia a fumà
Ce mmascheremo tutti comme che Carnuà

Statemo tra Tallei e la Villa pijapochi
Pare che semo quelli che jemo a ‘fà li jochi
E sse non ge ‘berghesse ‘llo pòro de Quatrì
Saressimo ridutti comme li vorattì

‘Na spece de nuà ce sta la famija Sacchi
Se ‘rizza la matina ‘dè tutti rutti e stracchi
Dorme tutti nzème drendo un cammerò
Chi ritti chi sta ciumi chi sta co lo padrò!

Questa vita dura ancora qualche semestre
torna mejo a metter lu culu su l'equestre
e la spesa più grossa sarà dei fantellon
almeno stemo dentro non stemo più de for

Questo è lo regalo che cià fatto la guerra
magnare co la tessera e dormire giù per terra
ormai che ce l'abbiamo sta bella libertà
iddio ce l'hanno data e chi ce la leverà

Quisti d’è li regali che cià fatto lo duce
senz’acqua, senza casa e angora senza luce
proprio immezzo la strada cià vuto vedé
pigliesse un corbo a isso
pigliesse un corbo a isso
pigliesse un corbo a isso
e lo latro de lo ré

inviata da dq82 - 26/5/2017 - 11:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org