Lingua   





Ti può interessare anche...

Καὶ προχωρᾶμε
(Alexandros (Alekos) Panagoulis / Αλέξανδρος (Αλέκος) Παναγούλης)
La Repubblica di Caulonia
(Fortunato Sindoni)
Νὰ τὸ ποτίσεις
(Alexandros (Alekos) Panagoulis / Αλέξανδρος (Αλέκος) Παναγούλης)


Taxídi

[1974]
Da Vi scrivo da un carcere in Grecia / Μέσ' ἀπὸ φυλακὴ σᾶς γράφω στὴν Ἑλλάδα
Musica: Ennio Morricone
Vi scrivo da un carcere in Grecia, Artefact, 1974

vi scrivo


Vi scrivo da un carcere in Grecia (Μέσ' ἀπὸ φυλακὴ σᾶς γράφω στὴν Ἑλλάδα) è una raccolta poetica di Alexandros Panagulis pubblicata nel 1974 da Rizzoli Editore.

Il libro raccoglie componimenti scritti da Panagulis durante la sua carcerazione dal 1968 al 1973 sotto la dittatura greca. Le poesie, spesso molto brevi e composte in alcuni casi soltanto da incisive anafore, ricreano la crudezza e la violenza delle carceri in cui i colonnelli imprigionavano gli oppositori politici. Non è solo una questione stilistica, ma anche dovuta alla difficoltà nel reperire carta e penna per scriverle.

L'edizione italiana fu curata da Filippo Maria Pontani, Oriana Fallaci e Pier Paolo Pasolini, che scrisse la prefazione. Si scelse inoltre di mantenere il testo greco originale a fronte.

Il libro alla sua pubblicazione ebbe un discreto successo e alcune poesie di Panagulis furono poi musicate da Ennio Morricone nel 1974.

Ennio Morricone / Alessandro Panagulis ‎– "Non Devi Dimenticare"
Da Vi Scrivo Da Un Carcere In Grecia


tapiimata1" L'abitudine è la più infame delle malattie perché ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte. (...) La sera in cui avevi rinunciato a tentare di nuovo la fuga era successo ben questo. Era successo cioè quel che non avresti mai creduto possibile: gli spazi aperti e il verde e l'azzurro e la gente non ti mancavano più. (...) E tuttavia esisteva qualcosa che l'abitudine al buio, alla mancanza di spazio, alla monotonia non avevano spento: la tua capacità di sognare, di fantasticare, e di tradurre in versi il dolore, la rabbia, i pensieri. Più il tuo corpo si adeguava, si atrofizzava nella pigrizia, più la tua mente resisteva e la tua immaginazione si scatenava per partorire poesie. Avevi sempre scritto poesie, fin da ragazzo, ma fu in quel periodo che la tua vena creativa esplose: incontenibile. Decine e decine di poesie. Quasi ogni giorno una poesia, magari breve. Le scrivevi anche se Zakarakis ti sequestrava la carta e la penna, perché allora afferravi una lametta che tenevi da parte per questo, ti incidevi il polso sinistro, inzuppavi nella ferita un fiammifero o uno stecchino, e scrivevi col sangue su ciò che capitava: l'involucro di una garza, un pezzetto di stoffa, una scatola vuota di sigarette. Poi aspettavi che Zakarakis ti restituisse la carta, la penna, copiavi con calligrafia minutissima, attento a non sprecare un millimetro di spazio, piegavi il foglio ricavandone strisce sottili, e lo mandavi nel mondo a raccontare la fiaba di un uomo che neanche nell'abitudine cede. Gli stratagemmi erano vari: buttare i nastrini di carta nella spazzatura perché una guardia amica li raccogliesse, infilarli nelle cuciture dei pantaloni che mandavi a casa per lavare, farli scivolare addosso a tua madre quando veniva a trovarti. Prima però imparavi i versi a memoria, onde prevenirne lo smarrimento o la distruzione, e che battibecchi quando Zakarakis pretendeva di leggerli per censurarli o approvarli. "Dove li hai messi? Dammeli! Non lo sai che in carcere il direttore deve censurare qualsiasi scritto?" " Lo so ma non posso darteli, Zakarakis. Li ho chiusi nel mio magazzino." "Quale magazzino?! Voglio vedere il magazzino!" "Eccolo qui, Zakarakis" E indicavi la testa. " Non ci credo, fottuto bugiardo, non ci credo!" Avrebbe dovuto, al contrario, perché in quel magazzino avremmo trovato, anni dopo, tutte le poesie perdute o distrutte: per pubblicarle in un libro che molti pensavano fosse l'inizio di una carriera letteraria." - Da Un uomo di Oriana Fallaci.

Non devi dimenticare


1. Ἡ διεύθυνσή μου / Vi scrivo da un carcere in Grecia
2. Ξέσπασμα / Tempo di collera I.
3. Καὶ προχωρᾶμε / Andiamo avanti
4. Σκηνές - Μνῆμες / Scene e memorie
5. Νὰ τὸ ποτίσεις / Annaffialo
6. Πρέπει νὰ ζήσεις / Devi vivere
7. Ἡ πρόοδος / Il progresso
8. Τὸ γιατί / Perché?
9. Ἡ μπογιά / La tinta
10. Ταξίδι / Viaggio
11. Τὸ πρῶτο θύμα / La prima vittima
12. Ὑπόσχεση / Promessa
13. Νὰ θυμίσεις / Ricorda
14. Στὸν ἀδελφό μου Ὑπολοχαγὸ Γεώργιο Β. Παναγούλη / A mio fratello, tenente Giorgio Panagulis
15. Ξέσπασμα / Tempo di collera II.
16. Δὲν πρέπει / Nemesi
17. Canti della libertà
18. Improvvisazioni melodiche


Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testi originali
Filippo Maria Pontani Traduzioni italiane
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Adriana Asti Voce

Tranne:

1. Alessandro Panagulis Testo e voce

4. 10. 14. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Gian Maria Volonté Voce

9. 15. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Pier Paolo Pasolini Voce

17. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra

18. Ennio Morricone Compositore e arrangiatore
Alessandro Panagulis Testo
Bruno Nicolai Direttore d'orchestra
Clara Murtas, Donatina De Carolis, Dodi Moscati Voci

Filippo Maria Pontani (1913-1983), il traduttore italiano delle poesie di Alexandros Panagoulis.
Filippo Maria Pontani (1913-1983), il traduttore italiano delle poesie di Alexandros Panagoulis.


Le traduzioni italiane di Filippo Maria Pontani sono riprese dal sito italiano dedicato a Alexandros Panagoulis
L'intera raccolta in greco delle poesie di Alexandros Panagoulis (Τὰ Ποιήματα) è liberamente scaricabile in formato .pdf da questa pagina Scribd.
Sono state inserite le note originali di Alexandros Panagoulis desunte dal volume.


Στὴ Φίλη μου Ὀριάνα Φαλάτσι

Ταξίδι σ' ἄγνωστα νερὰ μὲ ἕνα καράβι
ποὺ ἑκατομμύρια ὅμοια του γυρνοῦν
σ' ὠκεανοὺς καὶ θάλασσες
τὰ ταχτικὰ τους γιὰ νὰ κάνουν δρομολόγια
Καί ἄλλα πάλι
(πολλὰ, πάρα πολλὰ κι αὐτὰ)
βρίσκονται σὲ λιμάνια ἀραγμένα

Χρόνια τὸ φόρτωνα ἐτοῦτο τὸ καράβι
μ' ὅ,τι μοῦ δίναν
ποὺ τὄπαιρνα μ' ἀνείπωτη χαρὰ
Ἀκόμα
(σὰν καὶ τώρα τὸ θυμᾶμαι)
τὄβαφαν μὲ φανταχτερὲς μπογιὲς
κι ἐγὼ κοιτοῦσα
μὴν τύχει καὶ λεκιάσει πουθενὰ
Τὄθελα ὄμορφο γιὰ τὸ ταξίδι
κι ἀφοῦ περίμενα καιρὸ, πολὺ καιρὸ
ἦρθ' ἐπὶ τέλους ἡ ὥρα νὰ σαλπάρω
καὶ σάλπαρα...

(Καράβι ἐγὼ καὶ καπετάνιος
καὶ τσοῦρμο γιὰ νὰ βρεῖς
κομμάτιασέ με
φροντίζοντας, νὰ μὴ ματώσει τὸ κορμὶ)

Στὶς ἀνοιχτὲς τὶς θάλασσες σὰν βρέθηκα
θεόρατα τὰ κύματα μ' ἀρπάξαν
καὶ μὲ ταλάνησαν πολὺ γιὰ νὰ μοῦ δείξουν
πικρὲς ἀλήθειες ποὺ δὲν ἤξερα
Ἀλήθειες ποὺ ἔπρεπε νὰ μάθω
Στὴν ἀγκαλιὰ τ' ὠκεανοῦ ἡ μοναξιὰ
παράξενα πολύβοη καὶ θυμωμένη
στὴ σκέψη μου ἔγινε ὁδηγὸς
καινούργια δείχνοντάς μου μονοπάτια

Ὅσο περνοῦσε ὁ καιρὸς
ἄρχισα νὰ χαράζω τὴν πορεία
ὄχι ὅπως μ' ἔμαθαν σὰν ἤμουν στὸ λιμάνι
καὶ τὸ καράβι μου
ἀλλιώτικο μοῦ φάνηκε κι αὐτὸ
Καὶ τὸ ταξίδι μου
ἀλλιῶς τὸ βλέπω τώρα
χωρίς νὰ σκέφτωμαι λιμάνια καὶ ἐμπόρους
Παραπανίσιες ἄγκυρες μοῦ ἐφάνη τὸ φορτίο
Καὶ συνέχισα νὰ ταξιδεύω
ξέροντας πιὰ τί ἀξίζει τὸ καράβι
ξέροντας, τί ἀξίζει τὸ ἐμπόρευμα...

Καὶ συνεχίζω ἀκόμα τὸ ταξίδι
ἂς τρίζουν ἀσταμάτητα οἱ ἁρμοὶ
ἐλπίζοντας τὸ πλοῖο πὼς θ' ἀντέξει
καὶ εἶναι
τὰ ξύλα σαπισμέν' ἀπὸ τὰ χρόνια
(αἰῶνες θἄπρεπε νὰ πῶ)
φρεσκοβαμμένα ἴσως μὰ χωρὶς
καινούργια δύναμη νὰ δίνουν στὸ καράβι
ἡ ρότα πάντα κόντρα στὸν καιρὸ
σαβούρα μοναχὰ μέσα στ' ἀμπάρι
Σαβούρα ποὺ μᾶς εἴπανε πὼς ἦταν
ἐμπόρευμα πολύτιμο ἀπ' αὐτὸ
ποὺ πάντα στὰ λιμάνια τ' ἀγοράζουν
Μὰ ψέματα πὼς εἴπανε ἂν πῶ
ἄδικο θά 'ναι
ἀφοῦ ἡ πυξίδα
ποὺ ἀδιάκοπα κοιτάζω
κι ὁ χάρτης δίπλα
π' ἀπάνω του χαράζω τὴν πορεία
ἀλάργα ἀπ' τὰ λιμάνια αὐτὰ μοῦ δείχνουν νὰ περνῶ

Καὶ σὰν τυχαίνει νὰ προβάλουν
(Τί δύσκολες στιγμὲς!)
στὸ βάθος τὰ λιμάνια στὴν ξηρὰ
τὸ πλήρωμα τὰ φῶτα τους κοιτάζει
(φῶτα σειρῆνες
ποὺ ὑπόσχονται πολλὰ
ποὺ κι ἡ καρδιὰ κι ἡ σάρκα τὰ ζητάει)
ἀδιάκοπα περιμένοντας νὰ πῶ
στὸν τιμονιέρη νὰ γυρίσει τὸ καράβι
Νὰ πιάσουμε γιὰ λίγο τὴ στεριὰ
Μὰ ὅσο περνᾶ ἡ ὥρα καὶ ἐγὼ
ἀμίλητος τὸ χάρτη μου κοιτάζω
ὁλόγυρά μου αὐξάνει ὁ ἀναβρασμὸς
Προτάσεις ὕπουλες
ντυμένες μὲ ἰδέες
ἰδέες πρόστυχες ποὺ πάντα προτιμοῦν
τὴν ἀπραξία μὲ λόγια νὰ στολίζουν
καὶ ἀπειλὲς
σὰν συμβουλὲς ποὺ θέλουν νὰ φανοῦν
καὶ ὑποσχέσεις
ποὺ σὲ καλούπι' ἀγγέλων προσπαθοῦν
τὸ χτῆνος ν' ἀναστήσουν...
Αὐτές οἱ ὥρες εἶναι δύσκολες
καί κάθε μιά τους
ὁλόκληρο θὰ κρίνει τό ταξίδι...

Καὶ συνεχίζω ἀκόμα τὸ ταξίδι
Ἐπιθυμίες ριζωμένες στὴν ψύχη
πυξίδα στὸ καράβι μου ἔχουν γίνει
ὁ χάρτης μου
παράξενος κι αὐτὸς
Εἶν' ὧρες ποὺ νομίζω πὼς τὸν φκιάξαν
γιὰ ὅσους ποτὲ
δὲ θέλουνε νὰ φτάσουν σὲ λιμάνι
καὶ ἄλλες ὧρες πάλι ποὺ πιστεύω
πὼς τὸ ταξίδι γίνεται γιατὶ
στὸ χάρτη αὐτὸ πρέπει νὰ βροῦμε
κάτι ποὺ λείπει
Καὶ ψάχνοντας πηγαίνω
χάρτη κοιτάζοντας, πυξίδα καὶ οὐρανὸ
Στὸν οὐρανό, λὲς καὶ ζητῶ νὰ βρῶ κάθε στιγμὴ
καινούργιες ἀποδείξεις ποὺ νὰ δείχνουν
πὼς ἡ πυξίδα λαθεμένα δὲν κοιτάζει
Παράξενο μὴ σᾶς φανεῖ αὐτὸ
γιὰ τὴν πυξίδα μου πὼς ἀμφιβάλλω δὲ σημαίνει
Συνήθεια εἶναι μόνο - παλιὰ συνήθεια -
ποὺ ἐσυντρόφευε αἰῶνες τὴν ψύχη
καὶ ἦταν ἡ συντροφιὰ αὐτὴ
τόσο πολύτιμη σ' ἐκείνους τοὺς καιροὺς
ποὺ σπόροι μοναχὰ μέσ' στὴν ψύχη
ἦταν οἱ ἔρωτες ποὺ τώρα ἔχουν βλαστήσει

Καί ψάχνοντας πηγαίνω
χάρτη κοιτάζοντας, πυξίδα καὶ οὐρανὸ
Τὰ κύματα θεόρατα λὲς καὶ ζητοῦν
σύμμαχοι νὰ γίνουν μ' αὐτοὺς ποὺ θέλουν
κάπου γιὰ λίγο νὰ ποδήσουμε
Εἶναι γι' αὐτὸ
τὸ κάθε κύμα γολγοθὰς
καὶ νὰ σκεφτεῖτε πὼς
ἀδιάκοπα μανιάζει ἡ τρικυμία
Μὰ στὸ γιγάντωμά της πάνω
περσότερο
κἶ ἀπὸ τῆς θάλασσας τὴ φοβερὴ μανία
φοβᾶμαι μήπως τύχει
λιμάνια καὶ προβάλουν στὴ στεριὰ
λιμάνια, ποὺ ὁ χάρτης μου δὲν δείχνει
Αὐτὰ εἶναι σκόπελοι καί δύσκολες στιγμὲς
τὰ εἴπαμε
τό πλήρωμα θ' ἀρχίσει νὰ κοχλάζει
τέτοια λιμάνια στὴν ξηρὰ σὰν θὰ φανοῦν

Καὶ συνεχίζω τὸ ταξίδι
ἀκόμα ψάχνοντας
ἂς ξέρω πιὰ πὼς εἶμαι
στὸ ἄπειρο τοῦ χρόνου μιὰ στιγμὴ
στὴν ἄβυσσο τοῦ χώρου μιὰ κουκίδα

Καί συνεχίζω τὸ ταξίδι
ἂς εἶμ' ἐγὼ σκοτάδι
καὶ ἂς εἶναι γύρω μου σκοτάδι
καὶ φοβερώτερο ἂς τὸ κάνει ἡ τρικυμία

Καί συνεχίζω τὸ ταξίδι
καὶ μὲ φτάνει
ποὺ ἐγὼ σκοτάδι
ἀγάπησα τὸ φῶς.

Αὐτὸ τὸ ποίημα γράφτηκε τὸν Δεκέμβρη τοῦ 1971 στὴν ἀπομόνωση τῶν Στρατιωτικῶν φυλακῶν στὸ Μπογιάτι.

inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 3/5/2017 - 00:04



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Filippo Maria Pontani
(Letta nel disco da Gian Maria Volonté)

" Ogni tuo gesto è un ingenuo trasporto d'amore, una goffa preghiera di essere amato, e la spavalderia di prima s'è dileguata. Ti cade la forchetta, ti cade il cucchiaio, e d'un tratto arrossisci come un bambino, mi porgi il regalo tenuto da parte per il mio ritorno: un foglio spiegazzato, coperto da una calligrafia minutissima. "Alekos! Cos'è?" "La poesia che preferisco, Viaggio. Te l'ho dedicata, guarda: c'è il tuo nome ora per titolo." Poi me la traduci con quella voce che sventra l'anima. (...) Qui ti interrompi, mi spieghi che il viaggio è la vita, che la nave sei tu, una nave che non ha mai gettato l'ancora, che non la getterà mai, né l'ancora degli affetti, né l'ancora dei desideri, né l'ancora di un meritato riposo.Perchè non ti rassegnerai mai, non ti stancherai mai di inseguire il sogno. E se ti chiedessi che sogno non sapresti rispondermi: oggi è un sogno cui dai nome libertà, domani potrebb'essere un sogno cui dare nome verità; non conta che siano o non siano obiettivi reali, conta rincorrerne il miraggio, la luce." - Da Un uomo di Oriana Fallaci.
VIAGGIO

Alla mia amata Oriana Fallaci

Viaggio per inesplorate acque su una nave
che, come milioni di altre simili, peregrina
per oceani e mari
su rotte regolari
E altre ancora
(molte, davvero molte anche queste)
gettano l'ancora nei porti.

Per anni ho caricato questa nave
Con tutto quello che mi davano
e che prendevo con enorme gioia
E poi
(lo ricordo come fosse oggi)
la dipingevo a tinte sgargianti
e stavo attento
che non si macchiasse in nessun punto
La volevo bella per il mio viaggio
E dopo avere atteso tanto -proprio tanto
Giunse alla fine il momento di salpare
E salpai...

(Nave io e capitano
ed equipaggio per trovarti
fammi a pezzi
ma non farmi sanguinare il corpo)

Quando mi trovai in mare aperto
onde immense mi travolsero
e mi straziarono per rivelarmi
amare verità che ignoravo
Verità che dovevo imparare
Nell'abbraccio dell'oceano
con un lungo furente fragore
la solitudine
divenne per me faro del pensiero
indicando strade nuove

Il tempo passava e io
iniziavo a tracciare la rotta
ma non come mi avevano insegnato al porto
(anche se la mia nave mi sembrava diversa allora)
Così il mio viaggio
ora lo vedevo diverso
senza più pensare a porti e commerci
Il carico mi appariva ormai superfluo
Ma continuavo a viaggiare
conoscendo il valore della nave
conoscendo il valore della merce

E continuo ancora il viaggio
che scricchiolino incessantemente le giunzioni
sperando che non si spezzino
perché sono legni marci da anni
(secoli dovrei dire)
verniciati di recente ma senza
una forza nuova che li tenga uniti
la rotta sempre contro il tempo
nella stiva solo zavorra
Zavorra che mi dissero
merce preziosa, come quella
che di solito si compra nei porti
Ma se dicessi che mi hanno ingannato
non sarei onesto
osservo la bussola
senza sosta
con accanto la mappa
su cui studio la rotta
lontano dai porti che segnalano il passaggio

Quando poi succede che splendano
(che istanti difficili!)
all'orizzonte i porti della terra
l'equipaggio guarda le luci
(luci sirene
che promettono molto
che anche il cuore e la carne pretendono)
sempre aspettando che dica
al timoniere di far virare la nave
E attraccare almeno un poco
Mentre l'ora trascorre e io
osservo silenzioso la carta
tutt'intorno cresce il tumulto
Proposte subdole
vestite con idee
idee vendute che vogliono sempre
aornare l'inazione con le parole
e minacce
che vogliono passare per consigli
e promesse
che tentano la bestia e la risvegliano...
Quelle sono ore difficili
Perché da ognuna di loro
Dipende l'intero viaggio...

E continuo ancora il viaggio
Desideri radicati nell'anima
sono diventati bussola per la mia nave
la mia mappa
altrettanto misteriosa
Ci sono ore in cui credo
che sia stata fatta
per chi non voglia approdare in nessun porto
e altre ore in cui confido
che il viaggio avvenga perché
su questa carta bisogna trovare
qualche cosa che manca
Così vado alla ricerca
guardando la mappa la bussola il cielo
in cielo, rintracciare segnali
nuove prove che dimostrino
che la bussola non sbaglia nel segnare
Non stupirti, questo non significa
che io abbia dei dubbi sulla mia bussola
E' solo un'abitudine- una vecchia abitudine
che per secoli accompagnava l'anima
questa compagna
preziosa per i tempi bui
quando c'erano soltanto i semi nell'anima
degli amori che ora sono fioriti

E vado alla ricerca
Guardando la mappa la bussola il cielo
Le onde immense sembra che cerchino
di fare il gioco di chi vuole
che attracchi da qualche parte per un po'
E' ognuna
di quelle onde un Golgota
e pensa
che la tempesta imperversa ininterrotta
Ma mentre aumenta
temo sempre più
che la spaventosa furia del mare
mi conduca ad avvistare
porti là sulla costa
porti che la mia mappa non indica
Sono ostacoli e momenti difficili
l'abbiamo detto
l'equipaggio comincerà a ribollire
quando quei porti appariranno sulla costa

E continuo il viaggio
alla ricerca ancora
pur sapendo di essere
nell'infinito del tempo un istante
nell'abisso dello spazio un puntino

E continuo il viaggio
anche se sono tenebra
e tutto attorno a me è tenebra
e la tempesta lo rende più spaventoso

E continuo il viaggio
e mi basta
che io tenebra
abbia amato la luce.

Questa poesia è stata scritta nel dicembre del 1971, in isolamento nel Carcere Militare di Bogiati. [1]
[1] Trad. RV

inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 3/5/2017 - 00:14


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org