Lingua   

28-03-1997

La Fame di Camilla
Lingua: Italiano



Carne e sale
mi fa male
ho una scheggia dentro il cuore

Vuoi da bere
Resta ancora un po’
succhiami le vene

Guardo il mare
nero come quando sanguina una nave

Temo il mare
mobile follia
di una nave che scompare

Mentre sanguino
ancora miele
dalle mie vene
scorre un fiume che non fermerò
ho il cuore immobile
e nelle vene
ricordi che non ricordo

Respirare piano
aspettare il domani
ti rende più forte

Ma ignorare il dolore
non è il modo migliore
per diventare più forte

Ma ignorare il dolore
non è il modo migliore
per diventare felice

Ora gravito
intorno al suo ventre
ancora miele
che mi uccide ma non mi fermerò
ho il cuore immobile
malato ancora semplicemente
stanco di me

Sanguino
ancora miele
dalle mie vene
scorre un fiume che non fermerò
ho il cuore immobile
malato e ancora semplice
confuso e ancora troppo semplice


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org