Lingua   

Soldatì

Luciano Ravasio


Lingua: Italiano (Lombardo Bergamasco)


Ti può interessare anche...

Capitano, non voglio l’acqua
(anonimo)
Argjentina
(Luigi Maieron)
The Butcher's Tale (Western Front 1914)
(Zombies)


Parole e musica di Luciano Ravasio (1950-), cantautore originario di Presezzo, Bergamo.
In una sua raccolta del 2015 intitolata “Bèrghem TomTom”.
Testo trovato sul sito dell'autore

“La guerra...sarà una scampagnata”
i siòre i predicàa
e nóter a m’ partìa co ü pis söl stòmech,
ma me schersàa e m’cantàa.
Tre giorni di strada ferrata ed altri due
di lungo cammino
si dorme a ciel sereno
ma che fu triste il mio destino...
Tapum, tapum, sentìe trunà ‘l canù
e tempestà i mitraglie
che guèra disperada, póer Gioàn,
che stragi sö l’Isonzo e che bataglie.
L’ vé ciàr... ghe arde a la sò foto e via a l’asalto:
“Avanti, Savoia!”
Per lur la nòsta éta
l’è adóma öna fòia.
E töte i sire lé la varda i stèle
la prega i sancc del paradìs
perchè ‘l Signùr a l’ ferme i guere
per fàm turnà al paìs, al mé paìs.
E só scampàt, só ché tra i mé muntagne
i pracc adèss i è in fiùr,
bïe l’aqua di surtide e di fontane
e turne a fà l’amùr.
‘N di cimiteri, söi trincee l’è spuntàt l’erba,
la crèss sura ol sangh di soldatì, di alpini
massàcc innocenti a vint’agn.
Ma in del mé cör i è èrte amò i feride
gh’è öna spina per ogni mé compàgn
che i éra zùegn pacìfech, generùs
e i è mórcc come eroi sö la crus...

inviata da Bernart Bartleby - 14/3/2017 - 21:53



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Luciano Ravasio.
SOLDATINI

“La guerra sarà una scampagnata”
i ricchi predicavano
e noi partivamo con un peso sullo stomaco,
ma scherzavamo e cantavamo.
Tre giorni di strada ferrata ed altri due
di lungo cammino
si dorme a ciel sereno
ma che fu triste il mio destino...
Tapum, tapum, sentivo tuonare il cannone
e tempestare le mitraglie
che guerra disperata, povero Giovanni,
che stragi sull’Isonzo e che battaglie.
Spunta l’alba... guardo la sua foto e via all’assalto:
“Avanti, Savoia!”
Per loro la nostra vita
è solo una foglia.
E tutte le sere lei guarda le stelle
prega i santi del paradiso
perché il Signore fermi le guerre
per farmi tornare al paese.
E sono scampato, sono qui tra i miei monti
i prati adesso sono in fiore,
bevo l’acqua delle sorgenti e delle fontane
e ritorno a far l’amore.
Nei cimiteri, sulle trincee è spuntata l’erba
cresce sopra il sangue dei soldatini, degli alpini
ammazzati innocenti a vent’anni.
Ma nel mio cuore sono ancora aperte le ferite
c’è una spina per ognuno dei miei compagni
che erano giovani pacifici, generosi
e sono morti da eroi sulla croce...

inviata da Bernart Bartleby - 14/3/2017 - 21:54


Mi tocca far presente che il nome di Luciano Ravasio ricorre anche in una recente compilation di Radio Padania Libera... Ciò non toglie che le sue canzoni che sto contribuendo sono tutte rigorosamente CCG "DOCG".

D'altra parte in quella stessa raccolta compare anche il nome di Luigi Maieron, anche lui ben presente sulle CCG...

Spero almeno che RPL li abbia avvertiti...

Bernart Bartleby - 14/3/2017 - 22:05


la canzone è la terza traccia dell'album Berghem TomTom del 2015

Luciano Ravasio - 1/8/2017 - 17:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org