Lingua   

Cavaddu cecu de la minera

Domenico Modugno


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Don't Kill the Whale
(Yes)
La povertà, figlio
(Manlio Massole)
Homeless Blues
(Willie "Long Time" Smith)


1954
45 giri: Cavaddu cecu de la minera/Ventu de sciroccu
Modugno siciliano

È una canzone che parla di un cavallo, appunto si intitola ‟Cavallo cieco della miniera”. La storia è questa, la storia riguarda i cavalli che lavoravano anticamente nelle miniere in Sicilia, nelle miniere di zolfo, perché, in quei tempi, tiravano i carrelli i cavalli. Oggi è diverso, ci sono altri mezzi. E siccome stavano molto tempo sotto le miniere, i cavalli diventavano ciechi. E in Sicilia, anticamente, c’era questa festa tragica, che si chiamava appunto ‟La Pasqua dei cavalli”, ed era il padrone stesso del cavallo che lo portava su, al sole, e con un gesto tragico e pietoso lo eliminava.
wikipedia
«A Peppì, iuh, come si stanco, Peppì, iih-ah, beddo, auh.»

Cavaddu, cavaddu cecu de la minera
ca tiri, tiri cento carrelli chini ’e grauni
e nginucchiuni tu ti nni vai.

«Ah beddo, ah, ih-uh.»

Cavaddu, cavaddu cecu de la minera,
nienti tie vidi, tuttu canusci,
passu pe passu, passanu l’anni.
Quandu si vecchio, tie torna allu suli,
a chiddu suli ca nu vidi cchiui.
E, nchiana, nchiana, nchiana, nchiana
centu metri, mille metri, allu suli.
Nu mare de luce, l’addori de l’erba,
e ti ricordi quando eri forte,
ca galoppavi, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa…

Aah-aah-aah.

Cavaddu, cavaddu cecu de la minera,
mo’ sinti vecchio, vecchio e malato,
abbandunato, cerchi la manu de l’omu.

«Peppì, comu si vecchio, Peppì, troppo vecchio.»

E sienti na cosa d’in costa a na ricchia,
na cosa fridda intra na manu, na manu ca trema,
e sienti ‹MBAM!›.

L’omu te guarda e t’incarizza,
ma tie nu sienti,
tie galoppi, galoppi, galoppi, galoppi,
galoppi, galoppi, galoppi, galoppi,
galoppi, galoppi, galoppi, galoppi…

inviata da dq82 - 4/2/2017 - 16:50



Lingua: Italiano

Versione italiana da lyricstranslate.com
CAVALLO CIECO DELLA MINIERA

«A Peppì, iuh, come sei stanco, Peppì, iih-ah, bello, auh.»

Cavallo, cavallo cieco della miniera
che tiri, tiri cento carrelli pieni di carboni
e inginocchioni tu te ne vai.

«Ah bello, ah, ih-uh.»

Cavallo, cavallo cieco della miniera,
non vedi niente, conosci tutto,
passo passo, passano gli anni.
Quando sei vecchio, torni al sole,
a quel sole che non vedi più.
E, sali, sali, sali, sali
cento metri, mille metri, verso il sole.
Un mare di luce, l’odore dell’erba,
e ti ricordi di quando eri forte,
e galoppavi, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa, galoppa, galoppa, galoppa,
galoppa…

Aah-aah-aah.

Cavallo, cavallo cieco della miniera,
ora sei vecchio, vecchio e malato,
abbandonato, cerchi la mano dell’uomo.

«Peppì, come sei vecchio, Peppì, troppo vecchio.»

E senti una cosa accostata a un orecchio,
una cosa fredda dentro una mano, una mano che trema,
e senti ‹MBAM!›.

L’uomo di guarda e ti accarezza,
ma tu non senti,
tu galoppi, galoppi, galoppi, galoppi,
galoppi, galoppi, galoppi, galoppi,
galoppi, galoppi, galoppi, galoppi…

inviata da dq82 - 4/2/2017 - 16:51


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org