Lingua   

Ribelle

Roberto Furia
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

E' l'alba cupa del dieci aprile
(Anton Virgilio Savona)
Dopo tre giorni di strada asfaltata
(anonimo)
Vercallo
(Gasparazzo)


[1971]
Testo di Capello-Cenci
Musica di Cenci-Saxi

Il testo è stato trascritto all'ascolto. [RV]
Ribelle che vivi alla macchia
coll'alba già tinta di rosso,
ribelle, tu vedi il mattino
ma forse un tramonto non c'è.

Ribelle che vivi alla macchia
tu vivi tra l'ansia e il dolore,
e speri in un giorno d'amore...
Ribelle, sai dirmi perché?

Partigiano, hai lasciato la tua gioventù
nella notte senza stelle, nella libertà!

Ribelle, i tuoi occhi son tristi
pensando alla guerra di tanti,
il mondo è spietato, va avanti,
la pace un bel giorno verrà.

Ribelle che vivi alla macchia
coll'alba già tinta di rosso,
ribelle, tu vedi il mattino
ma forse un tramonto non c'è.

Ribelle che vivi alla macchia
tu vivi tra l'ansia e il dolore,
e speri in un giorno d'amore...
Ribelle, sai dirti perché?

Partigiano, hai lasciato la tua gioventù
nella notte senza stelle, nella libertà!

Ribelle, i tuoi occhi son tristi
pensando alla guerra di tanti,
il mondo è spietato, va avanti,
la pace un bel giorno verrà!

inviata da Riccardo Venturi - 27/2/2007 - 02:39



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org