Lingua   

It Ain't Necessarily So

George Gershwin


Lingua: Inglese (South Carolina Afro-American)


Ti può interessare anche...

E così sia
(Punkreas)
72 Virgins
(Hallows Eve)
Memorial to Lidice, H. 296
(Bohuslav Martinů)


[1935]
Testo di Ira Gershwin
Lyrics by Ira Gershwin

Musica di George Gershwin
Music by George Gershwin

Dall'opera Porgy and Bess
From the musical opera Porgy and Bess

Interpretata originariamente da John W. Bubbles nel personaggio di Sportin' Life
First performed on stage by John W. Bubbles as Sportin' Life

George e Ira Gershwin, 1935.
George e Ira Gershwin, 1935.


Nell'opera Porgy and Bess (1935), la più famosa musicata da George Gershwin con il libretto scritto da DuBose Heyward (l'autore del racconto Porgy [1925], poi adattato per le scene nel 1927 dalla moglie Dorothy) e dal fratello maggiore di George, Ira Gershwin, la canzone It Ain't Necessarily So occupa un posto del tutto particolare. Scritta propriamente da Ira Gershwin, è una delle poche confutazioni punto per punto delle più famose storie, o storielle, della Bibbia; cosa ancor più degna di nota, dato che i fratelli Gershwin si chiamavano in realtà Jacob (George) e Israel (Ira) Gershowitz, ed erano di famiglia ebraica (di origine ucraina, per la precisione). Non solo: in tutti gli ultrabigotti Stati Uniti d'America, trovare un testo del genere, e in più in un'autentica icona dell'operistica moderna com'è Porgy and Bess, celebre in tutto il mondo, è semplicemente unico e inaudito. Affidata al personaggio di Sportin' Life, uno spacciatore di droga di colore, It Ain't Necessarily So può essere sintetizzata in due parole: “Ok, d'accordo, sono tutte baggianate”; e, in un paese dove sulla Bibbia si fa ogni cosa, l'effetto fu dirompente. Per completare il quadro, si deve aggiungere che gli ebrei Gershowitz adattarono per la frase-ritornello la melodia per la benedizione aliyah, בָּרְכוּ אֶת-יְיָ הַמְבֹרָךְ [barkhu et adonay hamvorakh] che si effettua in sinagoga prima della lettura della Torah. Il ruolo di Sportin' Life fu creato appositamente per il cabarettista e ballerino John W. Bubbles, che fu maestro di tip-tap di Fred Astaire; ma, in seguito, il ruolo e la canzone furono interpretati da personaggi come Cab Calloway e Sammy Davis Jr. (senza contare che, in proprio e staccata dall'opera, la canzone è stata interpretata, tra gli altri, da Aretha Franklin, Bobby Darin, Paul Robeson, Louis Armstrong e Ella Fitzgerald, ed è stata coverata in chiave rock dagli Honeycombs, dai Moody Blues, da Ray Thomas e dai Bronski Beat).



George e Ira Gershwin avevano, sicuramente e notoriamente, idee assai scettiche sulla religione; in Porgy and Bess scelsero un modo decisamente particolare per esprimerle, affidandole volutamente ad un personaggio di colore (a fare da contraltare alla ben nota “spiritualità” negra) che parla e canta nel dialetto afroamericano della Carolina del Sud (una performance linguistica notevole per un ebreo ucraino!). Da specificare però che, nell'opera, il personaggio di Sportin' Life è decisamente il "cattivo", e che, quindi, alle sue ironiche parole nei confronti delle storie bibliche può essere attribuito un valore negativo. Questione, naturalmente, di punti di vista: pur rispettando la complicata storia d'amore di Porgy e Bess, ho scelto di "estrapolare" questa canzone dalla sua stessa vicenda, così come ha fatto la UAAR proponendola nel suo Canzoniere (oltre a decine di artisti americani e di tutto il mondo). E poiché siamo sì "antiwar", ma anche decisamente "proUAAR", una testimonianza del genere proveniente da Bibbioland non poteva essere elusa, certi come siamo che ogni canzone contro qualsiasi forma di storiella "religiosa" sia, automaticamente, contro la guerra anche se cantata da un pessimo soggetto che spaccia cocaina (happy dust, come si dice nell'opera) che dice, peraltro, cose assai ragionevoli. E, proprio di questi tempi, hanno un valore. [AT-XXI]
It ain't necessarily so,
It ain't necessarily so -
De t'ings dat yo' li'ble
To read in de Bible -
It ain't necessarily so.

Li'l David was small, but - oh my!
Li'l David was small, but - oh my!
He fought big Goliath
Who lay down an' dieth -
Li'l David was small, but - oh my!...

Oh Jonah, he lived in de whale,
Oh Jonah, he lived in de whale -
Fo' he made his home in
Dat fish's abdomen -
Oh Jonah, he lived in de whale. .

In ain't necessarily so,
It ain't necessarily so.
Dey tell all you chillun
De debble's a villun
But 'tain't necessarily so.

To get into hebben,
Don't snap fo' a sebben -
Live clean! Don't have fault!
Oh, I takes dat gospel
Whenever it's pos'ple -
But wid a grain of salt!

Methus'lah live nine hundred years,
Methus'lah live nine hundred years -
But who calls dat livin'
When no gal'll give in
To no man what's nine hundred years?

I'm preachin' dis sermon to show
It ain't nessa, ain't nessa,
Ain't nessa, ain't nessa,
Ain't necessarily so!

inviata da L'Anonimo Toscano del XXI Secolo - 25/1/2017 - 00:40




Lingua: Inglese (South Carolina Afro-American)

La canzone così come interpretata completamente in scena
Testo ripreso da The Mudcat Café
The full lyrics of the song as performed on stage
Reproduced from The Mudcat Café


Performed by Paul Robeson
IT AIN'T NECESSARILY SO

Sportin' Life:
It ain't necessarily so,

All:
It ain't necessarily so.

Sportin' Life:
De t'ings dat yo li'ble
To read in de Bible -
It ain't necessarily so.

Li'l' David was small, but oh my!

All:
Li'l' David was small, but oh my!

Sportin' Life:
He fought Big Goliath
Who lay down and dieth -
Li'l' David was small, but oh my!
Wadoo!

Ensemble:
Wadoo!

Sportin' Life:
Zim bam boddle-oo!

Ensemble:
Zim bam boddle-oo!

Sportin' Life:
Hoodle ah da waah da!

Ensemble:
Hoodle ah da waah da!

Sportin' Life:
Scatty way!

Ensemble:
Scatty wah!

Sportin' Life:
Yeah!
Oh Jonah, he lived in de whale

All:
Oh Jonah, he lived in de whale.

Sportin' Life:
Fo' he made his home in
Dat fish's abdomen -
Oh Jonah, he lived in de whale.

L'il' Moses was found in a stream

All:
L'il' Moses was found in a stream

Sportin' Life:
He floated on water
'Till Ole' Pharaoh's daughter
She fished him, she says from dat stream.

Wadoo!

Ensemble:
Wadoo!

Sportin' Life:
Zim bam boddle-oo!

Ensemble:
Zim bam boddle-oo!

Sportin' Life:
Hoodle ah da waah da!

Ensemble:
Hoodle ah da waah da!

Sportin' Life:
Scatty way!

Ensemble:
Scatty wah!

Sportin' Life:
Yeah!
It ain't necessarily so

All:
It ain't necessarily so

Sportin' Life:
Dey tell all you chillun
De Debble's a villun
But 'tain't necessarily so.

To get into Hebben
Don't snap fo' a sebben -
Live clean! Don' have no fault!
Oh, I takes dat gospel
Whenever it's pos'ple -
But wid a grain of salt!

Methus'lah lived nine hundred years,

All:
Methus'lah lived nine hundred years,

Sportin' Life:
But who calls dat livin'
When no gal'll give in
To no man what's nine hundred years?

I'm preachin' dis sermon to show
It ain't nessa, ain't nessa,
Ain't nessa, ain't nessa -

All:
It ain't necessarily so!

inviata da L'Anonimo Toscano del XXI Secolo - 25/1/2017 - 01:10




Lingua: Italiano

Traduzione italiana dell'Anonimo Toscano del XXI Secolo
25-1-17 01:46
NON E' PER FORZA COSI'

Non è per forza così,
non è per forza così,
le cose che ti tocca
di legger nella Bibbia
non sono per forza così.

David era piccino, ma mioddìo!
David era piccino, ma mioddìo!
Si batté col grosso Golia
che fu steso a terra e morì -
David era piccino, ma mioddìo...!

Oh, Giona stava dentro la balena,
Oh, Giona stava dentro la balena -
Perché si era fatto la casa
nel ventre di quel pesce,
Oh, Giona stava dentro la balena..

Non è per forza così,
non è per forza così,
dicono a tutti voi bimbi
che il Diavolo è cattivo,
ma non è per forza così.

Per andare in paradiso
non far gli scongiuri – [1]
vivi onesto e senza colpe!
Oh, io seguo il vangelo
ogni volta che posso,
ma con un po' di cervello! [2]

Matusalemme visse novecento anni,
Matusalemme visse novecento anni -
E la chiameresti vita
se nessuna ragazza andrebbe
con uno che ha novecento anni?

E sto facendo 'sta predica per dimostrare
che non è per forza,
che non è per forza, non è per forza,
non è per forza così!
[1] Nella pagina del Mudcat Café si spiega la complicata origine dell'espressione originale, to snap for a seven (“schioccare le dita per un sette”), derivata dal gioco dei craps in cui tale gesto era una superstizione o uno scongiuro da parte del giocatore perché facesse la puntata massima (sette, appunto). In pratica: per andare in paradiso, non contare sulla superstizione e sulla fortuna.

[2] L'espressione inglese, with a grain of salt riproduce esattamente il latino cum grano salis, ma in una traduzione del genere non me la sono sentita di metterci il motto latino...

25/1/2017 - 01:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org