Lingua   

Cento strade

Michele Anelli
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Io non dimentico
(ResistenzaLibera)
Radio Aut
(Del Sangre)
A Peppino Impastato a Vittorio Arrigoni e a tutti i rivoluzionari
(Giacomo Sferlazzo)


[2016]
Album : Giorni usati

Michele-Anelli-Giorni-Usati-2016-Vinile-lp2

Ogni giorno ci vogliono convincere che quello che abbiamo è abbastanza. In realtà sono briciole. Ci riducono gli spazi, ci mettono in coda, ci raccontano solo mezze verità. Non vogliamo una strada da percorrere, ma cento. Non vogliamo limiti ai nostri sogni. Citare Peppino Impastato è una voluta carezza ad un uomo libero. Ribaltare.
E oggi mi alzo e canto con le tue parole
di quello che racconti e che
vorresti poi avere
Di cento strade per giocare
liberi di sbagliare
Cento strade e sarebbe già
una rivoluzione
Ribaltare le occasioni
smetterla di essere buoni
Afferrare un pensiero
e renderlo vivo
E oggi mi alzo e canto delle tue paure
di quello che racconti e che vuoi modificare

Di cento passi per cambiare
“con il cuore sospeso nel sole” [*]
Cento passi e sarebbe già una rivoluzione
Ribaltare le occasioni
smetterla di essere buoni
Afferrare un pensiero
è renderlo vivo
Ci verremo a prendere tutto quello che
ci avete tolto. Ancora. Ora.
Bruceremo tutto quello che
ci potrà fermare ora. Ora. Ancora.
Cento strade per giocare,
cento passi per cambiare. Ancora. Ora.
Cento case da occupare,
cento canti da imparare. Ora. Ancora.
[*] da una poesia di Peppino Impastato

inviata da adriana - 26/12/2016 - 11:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org