Lingua   

Da u sangue à l'omi

Dopu cena
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

A fiaccula di a vita
(Canta u Populu Corsu)
Missaghju
(Canta u Populu Corsu)


2013
L'Odissea
Odissea
Hè cum'è ditu mossu ver di u celu mutatu
U nostru campanile pare fieru suldatu
Ma s'e cercu una goïa, risponde lu silenziu
Avaranu li mei toccu lu so licenziu

Pare campu di guerra quella vechja piazzetta
È ne possu discorre n'aghju vistu saetta
Croce stese è nucente perse in l'infinitu
Sembia mortu u paese l'ochji à guaru è culpitu

è d'un sangue traditu ind'una tarra ingorda
S'inflaronu parolle chi nimu s'arricorda

È lu valdu cummossu ci rinvia una voce
U ghjargalu sguilla ind'un passu veloce
Porta lagni è turmenti quant'è generazione
Partute à le battaglia fendu nasce canzone

Noi ne fuimu tanti à suvità le mosse
ln punta à l'ufficiali bianchi cum'è le osse
À l'ascosu ogni tanti di li zirli di carra
Quella di u Sacrifiziu abandunatu ln tarra

È d'un sangue traditu anu betu a fiumara
Mi ne scappa una rima, o cul'ella hè amara

U ribombu d'un cantu à cutravvi lu core
Pare tuccà lu celu intintu di timore
Chi le guerre ùn so compie tantu è più l'inghjustizia
Cù le so strade vile prufumate à scimizia

S'è lu seculu manda altru portabandera
Noi n'u l'aldilà cantaremu la spera
Cù l'ombre passe è leste d'una storia mucata
Spechji d'una fuletta mancu più tramandata

È d'un sangue traditu nasceranu li fiati
D'omi quessa hè sicura è mai piu suldati.

inviata da Dq82 - 10/12/2016 - 16:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org