Lingua   

Highway 61 Revisited

Bob Dylan


Lingua: Inglese

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

I Ain't Marching Anymore
(Phil Ochs)
Vietnam
(Bruce Springsteen)
Story Of Isaac
(Leonard Cohen)


(1965)
Parole e musica di Bob Dylan
dall'album "Highway 61 Revisited"
Altri interpreti: Johnny Winter, PJ Harvey

Highway 61 Revisited
Bob Dylan – voce, chitarra, armonica, pianoforte, sirena della polizia
Mike Bloomfield – chitarra
Al Kooper – organo, pianoforte
Paul Griffin – pianoforte, organo, piano elettrico
Charlie McCoy – chitarra
Harvey Goldstein – basso
Bobby Gregg – batteria
Frank Owens – pianoforte
Russ Savakus – basso



Endless Highway - quadro di Bob Dylan
Endless Highway - quadro di Bob Dylan


Highway 61 Revisited è la canzone che dà il titolo all'album che è generalmente considerato il capolavoro di Dylan negli anni '60, il secondo capitolo della “trilogia elettrica” iniziata con Bringing it all Back Home e continuata con Blonde on Blonde, che lo consacrerà definitivamente come un protagonista della musica popolare americana, capace di spaziare dal folk al rock al blues.

Crossroad 61Il blues è importante, sia perché al vocabolario blues si rifanno molte canzoni dell'album, sia perché l'album stesso prende il nome dalla Highway 61, la strada che partendo dal confine con il Canada attraversa il Minnesota passando proprio per Duluth, la città natale di Dylan, poi attraversa tutti gli States da nord a sud seguendo il corso del Mississipi fino al delta dove il blues ha le sue radici e termina a New Orleans, Louisiana. La strada era già all'epoca detta la “blues highway” ed era già stata nominata in varie canzoni come Highway Blues di Roosevelt Sykes (1932) o 61 Highway di Mississippi Fred McDowell (1964). Secondo la leggenda, è all'incrocio della Highway 61 con la 49 che Robert Johnson avrebbe venduto l'anima al diavolo in cambio della capacità di suonare il blues come nessun altro al mondo.

Quindi per Dylan il titolo dell'album e della canzone rappresentava un viaggio alle radici della musica americana. Non però una operazione filologica, ma una radicale reinterpretazione che rivisita sotto una nuova luce (ecco perché la canzone si intitola Highway 61 revisited) e stravolge i temi classici, il mito americano della strada come simbolo di libertà e di riscatto.

Al contrario, nella canzone la Highway 61 diventa lo scenario di ogni genere di tragedie, misfatti, traffici illeciti e cospirazioni.

Nella prima strofa Dylan racconta a modo suo il sacrificio di Isacco. La storia di Abramo e Isacco è centrale nella cultura ebraica e, come in Story Of Isaac, la canzone di qualche anno dopo dell'altro grande cantante di cultura ebraica, Leonard Cohen, diventa un potente simbolo della generazione dei padri che sacrifica i figli sull'altare della guerra del Vietnam. Forse oggi questa interpretazione ci può apparire forzata, ma all'epoca era chiarissimo a tutti il significato del sacrificio. Nello stesso anno Phil Ochs lo diceva in modo molto più esplicito: “It's always the old to lead us to the war / It's always the young to fall”. Dylan sceglie invece la strada della metafora biblica, trasposta però nella realtà contemporanea con Dio e Abramo che dialogano in slang, Dio che apostrofa Abramo con il nomignolo “Abe” e Abramo che si rivolge a Dio chiamandolo “Man”!

Nella seconda strofa un poveraccio si vede negare dall'assistenza sociale persino i vestiti, e viene invece spedito… sulla Highway 61. Nella terza strofa la Highway 61 diventa il posto dove nascondere un'improbabile refurtiva che comprende un migliaio di lacci per le scarpe rossi, bianchi e blu, come la bandiera americana, e un centinaio di telefoni che non squillano. Nella quarta strofa la strada diventa lo sfondo di una surreale e tormentata storia famigliare, mentre nella strofa conclusiva troviamo due personaggi archetipici: il giocatore d'azzardo vagabondo (protagonista di una famosa canzone tradizionale, conosciuta anche come “The Rovin' Gambler”, “Roaming Gambler” ecc.) e l'impresario che discutono di dove far scoppiare la terza guerra mondiale. E naturalmente dove potrebbe svolgersi la terza guerra mondiale se non sulla Highway 61?

Musicalmente la canzone è un blues elettrico. La trovata più originale è che in alcuni punti strategici Dylan invece dell'armonica suona una specie di fischietto della polizia (siren whistle), accreditato sull'album come "police car". Sembra che il fischietto fosse stato portato da Sam Lay, il batterista delle sessioni dell'album, o da Al Kooper, che se ne servì per controllare il lavoro in studio, o ancora da qualcun altro che facendo uso di droghe se ne andava in un angolo e si metteva a suonarlo. Il suono del fischietto ha il compito di creare nell'ascoltare un senso di suspense per il modo in cui si concluderà ogni storiella; per esempio alla terza strofa, lo stacco avviene proprio mentre Louie tenta di trovare una soluzione per le stringhe e i telefoni di Mack.

Dylan mette le persone davanti uno specchio, costringendole a fare i conti con gli aspetti che preferirebbero ignorare sulla loro strada. Ai bordi delle strade si trova anche la spazzatura, e fare finta di non vederla non risolve il problema. Descrivendo la Highway 61 come un nascondiglio, un luogo tagliato fuori dalla società e senza regole dove tutto è permesso, Dylan crea un posto dove ognuno di noi può immaginare gli scenari più orribili e grotteschi.

La canzone introduce un nuovo tipo di mito della strada. Un mito sensibilmente diverso dall'approccio classico, per certi versi il suo opposto. Mette in ridicolo la nostra tendenza a creare dei piccoli mondi ideali e personali e ci spinge a guardare le cose in maniera differente affrontando i problemi invece di fuggire.

fonti: Highway 61 - the river road
Wikipedia
Oh God said to Abraham, “Kill me a son”
Abe says, “Man, you must be puttin’ me on”
God say, “No.” Abe say, “What?”
God say, “You can do what you want Abe, but
The next time you see me comin’ you better run”
Well Abe says, “Where do you want this killin’ done?”
God says, “Out on Highway 61”

Well Georgia Sam he had a bloody nose
Welfare Department they wouldn’t give him no clothes
He asked poor Howard where can I go
Howard said there’s only one place I know
Sam said tell me quick man I got to run
Ol’ Howard just pointed with his gun
And said that way down on Highway 61

Well Mack the Finger said to Louie the King
I got forty red, white and blue shoestrings
And a thousand telephones that don’t ring
Do you know where I can get rid of these things
And Louie the King said let me think for a minute son
And he said yes I think it can be easily done
Just take everything down to Highway 61

Now the fifth daughter on the twelfth night
Told the first father that things weren’t right
My complexion she said is much too white
He said come here and step into the light, he says hmm you’re right
Let me tell the second mother this has been done
But the second mother was with the seventh son
And they were both out on Highway 61

Now the rovin’ gambler he was very bored
He was tryin’ to create a next world war
He found a promoter who nearly fell off the floor
He said I never engaged in this kind of thing before
But yes I think it can be very easily done
We’ll just put some bleachers out in the sun
And have it on Highway 61

inviata da Lorenzo Masetti - 5/11/2016 - 16:48



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Michele Murino, un po' rivista
HIGHWAY 61 RIVISITATA

Oh, Dio disse ad Abramo "Uccidimi un figlio"
Abe disse "Amico, mi prendi in giro?"
Dio disse "No", Abe disse "Cosa?"
Dio disse "Puoi fare come vuoi Abe ma
la prossima volta che mi vedi arrivare sarà meglio che teli"
Allora Abe dice "Dove vuoi che avvenga questo sacrificio?"
Dio dice "Sulla Highway 61"

Georgia Sam aveva il naso sanguinante
quelli dell'assistenza sociale non volevano dargli dei vestiti
Chiese al povero Howard dove andare
e Howard disse "c'è solo un posto che conosco"
Sam disse "Svelto dimmelo che devo filare"
Il vecchio Howard puntò il fucile
e disse "Da quella parte sulla Highway 61"

Mack the Finger disse a Louie the King
"Ho quaranta lacci per scarpe rossi bianchi e blu
e mille telefoni che non suonano
Sai dirmi dove posso sbarazzarmi di 'sta roba?"
E Louie the King disse "Lasciami riflettere un attimo figliolo"
E poi disse "Sì, penso che si può fare facilmente
Porta tutto quanto sulla Highway 61"

Ora, la quinta figlia della dodicesima notte
disse al primo padre che le cose non andavano bene
"La mia carnagione è troppo chiara"
Lui disse "Vieni qui alla luce... Mmm... Hai ragione
Lascia che dica alla seconda madre come stanno le cose"
Ma la seconda madre era con il settimo figlio
ed erano tutti e due sulla Highway 61

Ora il giocatore vagabondo era davvero annoiato
Stava cercando di causare una nuova guerra mondiale
Trovò un promotore che quasi cadde steso
Disse "Non ho mai organizzato una cosa del genere
Ma credo che si può fare facilmente
Metteremo solo posti allo scoperto al sole
e la facciamo sulla Highway 61"

5/11/2016 - 17:37


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org