Lingua   

Deutschland, Deutschland über dieses (Neue deutsche Nationalhymne)

anonimo


Lingua: Tedesco


Ti può interessare anche...

L'exécution du général
(Alberto Savinio)
Inno di Mameli (2002)
(Enrico Peyretti)
Emili Guanyavents i Jané: Els segadors
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[1900]
Parodia di autore anonimo del "Das Lied der Deutschen" composto nel 1841 da August Heinrich Hoffmann von Fallersleben su di una precedente melodia di Joseph Haydn.
Testo pubblicato sul “Der wahre Jacob”, rivista satirica socialista fondata nel 1879 e pubblicata fino all'avvento del nazismo.
Testo trovato su Hymne Auf Deutschland - Deutschlandhymne Aus Dem Deutschlandlied



Sulle pagine del “Der wahre Jacob” ci si faceva beffe dei Kaiser e si criticava la politica imperiale, il militarismo ed il colonialismo tedesco che proprio in quegli anni stavano mettendo a ferro e fuoco i territori africani corrispondenti all'attuale Namibia, una vera e propria palestra per l'immane guerra mondiale che di lì a poco sarebbe scoppiata ed un laboratorio per le tecniche di sterminio che sarebbero state utilizzate anche più tardi. Fu proprio nella Deutsch-Südwestafrika, l'Africa Tedesca del Sud-Ovest, che alcuni eugenisti tedeschi condussero i primi esperimenti su cavie umane ‎volti a stabilire l’inferiorità razziale degli indigeni… Uno di questi “scienziati” si chiamava Eugen ‎Fischer (nomen omen), che fu più tardi uno dei padri dell’“Aktion T4”, il programma nazista per l’eliminazione ‎dei diversamente abili, e che ebbe tra i suoi allievi più promettenti un certo Josef Mengele, quello ‎che i prigionieri ebrei internati ad Auschwitz chiamarono l’“Angelo della Morte”…‎
Deutschland, Deutschland über dieses
geht kein Land doch auf der Welt;
und weh' jedem, der noch künftig
frech sich in den Weg uns stellt.
Unserer Rache Flammenfackel
dann den Erdenrund erhellt,
bis wir kurz und klein gehauen
alles, alles in der Welt.

Deutsch allein ist wahre Sitte,
deutsch nur wirkliche Kultur;
alle anderen Nationen
sind ja doch Barbaren nur.
Englishman, Franzos' und Russe,
Jingo - falsch und wetterwend'sch,
gierig, grausam - mit dem Deutschen
erst beginnt der wahre Mensch.

Doch wird Deutschland uns zu enge,
wo es keinem mehr gefällt.
Wozu hat man auch Soldaten,
und wozu das viele Geld?
Quatscht nicht von den alten Grenzen,
Maas und Memel, Etsch und Belt:
Uns gehört des Rechtes wegen,
Längstens schon die ganze Welt.

Darum laßt uns Flotten bauen
über alles in der Welt,
Laßt uns stechen, laßt uns hauen,
was uns in die Klauen fällt.
Wenn nur der chines'sche Drache
blutend erst am Boden liegt,
Dann wird England, Rußland, Frankreich
und die neue Welt bekriegt.

Wenn erst vom Chinesenkuchen
wir das beste Stück errafft,
wird sogleich der deutsche Krieger
nach Amerika geschafft.
Und noch binnen vierzehn Tagen
stecken wir Columbia ein -
Ja - denn Deutschland muß noch ville,
ville, ville größer sein.

Deutsches Recht und deutsche Freiheit,
ach, was schert uns solcher Tand;
drüber lachen wir, die neuen
Deutschen mit der Eisenhand.
Nein, im Glanze der Kanonen
blühe künftig nur die Welt,
bis All - Deutschland mächtig krachend
einst in Schutt und Trümmer fällt.

inviata da Bernart Bartleby - 7/10/2016 - 22:08


Non sono molte in Rete le notizie su questa parodia dell'inno che fu anche nazista... Potete, o perfidi, controllare che il sottoscritto, non conoscendo il tedesco, non abbia preso un bel granchio?
Grazie
Saluzzi

Bernart Bartleby - 7/10/2016 - 22:10



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Mazzocchi

mi sembra che la caustica conclusione sgombri da ogni dubbio
GERMANIA, GERMANIA, SOPRA QUESTA
(NUOVO INNO NAZIONALE TEDESCO)

Germania, Germania, sopra questa
non c’è nessun altro paese al mondo;
e guai a quello, che ancora in futuro
ci intralcerà insolentemente il passo.
La fiaccola della nostra vendetta
rischiarerà allora il globo,
finché noi avremo fracassato
tutto, tutto nel mondo.

Solo tedesco è il vero buon costume,
solo tedesca la vera cultura;
tutte le altre nazioni
sono solo barbari.
L’inglese, francese e russo,
patriottardo - falso e lunatico,
avido, crudele - col tedesco
soltanto comincia il vero uomo.

Ma la Germania ci diventa troppo stretta,
dove a nessuno più va bene.
E perché si hanno anche soldati,
e perché il tanto denaro?
Non si ciancia dei vecchi confini,
Mosa e Memel, Adige e Belt:
Ci appartiene per diritto,
ben più in là il mondo intero.

Perciò lasciateci costruire flotte
sopra tutto nel mondo,
lasciateci infilzare, lasciateci colpire,
quel che ci cade negli artigli.
Non appena il drago cinese
sanguinando giacerà a terra,
si farà guerra a Inghilterra, Russia, Francia
ed al nuovo mondo.

Non appena della torta cinese
si sarà arraffato il pezzo migliore,
subito il guerriero tedesco sarà
spedito in America.
E ancora entro quattordici giorni
ci intascheremo la Colombia -
Sì - perché la Germania deve essere ancor molto,
molto, molto più grande.

Giustizia tedesca e libertà tedesca,
ah, che importa a noi di queste cianfrusaglie;
ci ridiamo sopra noi, i nuovi
tedeschi con la mano di ferro.
No, nello splendore dei cannoni
soltanto fiorisca il mondo futuro,
finché la Pan-Germania con un grande schianto
un giorno cadrà in macerie e detriti.

inviata da Francesco Mazzocchi - 30/1/2019 - 15:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org