Lingua   

Parchman Farm Blues

Bukka White
Lingua: Inglese

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

A Santa Maria Magiòr
(Alberto D'Amico)
Peace
(Jimmy Cliff)
Big Nose George
(The Self Help Group)


[1940]
Parole e musica di Booker T. Washington "Bukka" White (1909-1977), uno dei più grandi chitarristi e cantanti Delta blues di sempre.



Presente in molte raccolte, a cominciare da “Mississippi Blues” del 1963.
Coverizzata da moltissimi artisti, come Mose Allison (che ne cambiò anche parte del testo), Georgie Fame, John Mayall, Johnny Winter e gli Hot Tuna.

Mississippi Blues

La storia di Bukka White è molto simile a quella di Leadbelly ed altri noti od oscuri bluesman neri della prima metà del secolo scorso.
Nel 1937 Bukka White venne arrestato e condannato per uno scontro a fuoco in cui c’era scappato il morto. Venne imprigionato nel Mississippi State Penitentiary di Parchman, la famigerata “Parchman Farm”, una fattoria agricola dove i prigionieri, nella stragrande maggioranza neri, erano costretti ai lavori forzati e alle Chain Gang, un sistema che non era altro che la prosecuzione, sotto mentite spoglie, dello schiavismo ufficialmente abrogato all’indomani della Guerra Civile...
Come Leadbelly alcuni anni prima, rinchiuso per gli stessi motivi nell’altrettanto terribile Angola Prison Farm della Louisiana, anche Bukka White venne visitato ed apprezzato dai Lomax, i celebri ricercatori folklorici, che ne registrarono alcuni brani, tra i quali il suo più famoso, “Shake 'em On Down”.
Quando nel 1940 venne rilasciato, Bukka White era già una celebrità e venne subito chiamato a registrare a Chicago dal produttore Lester Melrose...
Poi Bukka White e gli altri grandi bluesman caddero nel dimenticatoio, fino al folk revival dei primi anni 60 quando molti artisti, fra i quali Bob Dylan, cominciarono a riproporre (saccheggiare!) le loro canzoni.
Judge gimme me life this mo’nin’
Down on Parchman Farm
Judge gimme me life this mo’nin’
Down on Parchman Farm
I wouldn't hate it so bad
But I left my wife in mou’nin’

Four years, goodbye wife
Oh you have done gone
Ooh, goodbye wife
Oh you have done gone
But I hope someday
You will hear my lonesome song, yeah

Oh you, listen you men
I don't mean no harm
Oh-oh listen you men
I don't mean no harm
If you wanna do good
You better stay off old Parchman Farm, yeah

We go to work in the mo’nin’
Just a-dawn of day
We go to work in the mo’nin’
Just a-dawn of day
Just at the settin' of the sun
That's when da work is done, yeah

Ooh, I'm down on old Parchman Farm
I sho' wanna go back home, yeah
I'm down on the old Parchman Farm
But I sho' wanna go back home, yeah
But I hope someday I will over come.

inviata da Bernart Bartleby - 31/5/2016 - 22:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org