Lingua   

Prouvinço clandestino

Lou Dalfin


Lingua: Occitano


Ti può interessare anche...

Terra 1209
(Lou Dalfin)
Li penjats
(Lou Dalfin)
Lo negat
(Lou Dalfin)


[2016]

Album : Musica endemica

lou dalfin musica endemica 1
L’ai savù dal panatier
l’aoutre journ al Palasais
Lou tendent tut ourfantà
boù la mico sut lou bras
Coumo aveis vist la Madono
dins la bouto del Fernet
“Tu sas pas la bono novo!
Troubarem pas pus i bihet!”

Ah lou diaou! Ven a Coni Manu Chao
I avarè mai de gent que à la fiero di garoun!
Ah lou diaou! Ven a Coni Manu Chao
En plaso Virginio per la rivoulusioun!

Talu service tout que brando
es pariat lou grand bourdel
Sus lou cause de la Grando
Souflerè lou vent rebel
Boù l’aihudo de la caiso
De risparmi e d’hi ousitans
Que an ruscà coumo de paoure
Bounoumas per sounar dran

La Boulivio piemounteiso
À despiegà soun coulours
Clandestin de la Begudo
Toupamaros de Caulimour
Soun calà de la Val Mairo
De la Lango, de Caralh
Che Guevara per na sero
E dema tuchi al trabalh

Prouvinço clandestino
Tranquilo, chambio gaire
Fasarem coumo i paires
Murirem de boun sentour
Isi val pas la rabio
La vita es na salino
Laisen cristais de sabio
I soenh que s’fa vapour

Pus degun, mac pus la luno
Que sourì blancho ilamount
Sus i portis las boutegas
Bancas, gueisas e misoun
Lou silençi de la plaso
Es brisat d’n choucatoun
Plouro qu’à perdù vituro,
sòuts, amics e counhiçioun.

inviata da adriana - 10/5/2016 - 18:09



Lingua: Italiano

Versione italiana da YouTube
PROVINCIA CLANDESTINA


L’ho saputo l’altro giorno
L’altro giorno a Palazzasco
Il tenente tutto preso
Con il pane sotto il braccio
Come avesse visto la Madonna
Nella bottiglia del Fernet
“tu non sai la novità!
Non troveremo più i biglietti!”

Al diavolo! Viene a Cuneo Manu Chao
Ci sarà più gente che alla fiera del marrone
Al diavolo! Viene a Cuneo Manu Chao
In piazza Virginio per la rivoluzione!

Talu sercives che si dà da fare,
è partito il gran casino
sopra l’altopiano della Granda
soffierà il vento ribelle
con l’aiuto della Cassa di Risparmio
e degli occitani
che han bisticciato come dei poveri cristi
per suonare prima

la Bolivia piemontese
ha già spiegato i suoi colori,
clandestini di Beguda
Tupamaros di Cavallermaggiore
Son scesi dalla Val Maira
Dalla Langa, da Caraglio
Che Guevara per una sera
E domani tutti al lavoro

Provincia Clandestina
Tranquillo, non cambia niente,
faremo come i padri
moriremo in pace
qui non vale la rabbia
la vita è una salina
lascia cristalli di sabbia
i sogni che si fan vapore

più nessuono solo più la luna
che sorride bianca lassù
sotto i portici i negozi
banche, chiese e case
il silenzio della piazza
è rotto da un ubriacone
piange che ha perso la macchina
soldi amici e cognizione

10/5/2016 - 18:13


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org