Lingua   

Il nous faut regarder

Jacques Brel


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Perlimpinpin
(Barbara)
Bruxelles
(Jacques Brel)
Памятник
(Vladimir Semënovič Vysotskij / Владимир Семёнович Высоцкий)


[1954]
Parole e musica di Jacques Brel
Nel suo album d’esordio, intitolato “Jacques Brel et ses chansons”

Jacques Brel et ses chansons

“Bisogna guardare oltre il concerto dei singhiozzi e delle lacrime e delle grida di rabbia degli uomini che hanno paura… Più forte dei bambini che raccontano le guerre e più forte dei grandi che ce le hanno fatte fare.”
Derrière la saleté
S'étalant devant nous
Derrière les yeux plissés
Et les visages mous
Au-delà de ces mains
Ouvertes ou fermées
Qui se tendent en vain
Ou qui sont poings levés
Plus loin que les frontières
Qui sont de barbelés
Plus loin que la misère
Il nous faut regarder.

Il nous faut regarder
Ce qu'il y a de beau
Le ciel gris ou bleuté
Les filles au bord de l'eau
L'ami qu'on sait fidèle
Le soleil de demain
Le vol d'une hirondelle
Le bateau qui revient
L'ami qu'on sait fidèle
Le soleil de demain
Le vol d'une hirondelle
Le bateau qui revient.

Par-delà le concert
Des sanglots et des pleurs
Et des cris de colère
Des hommes qui ont peur
Par-delà le vacarme
Des rues et des chantiers
Des sirènes d'alarme
Des jurons de charretier
Plus fort que les enfants
Qui racontent les guerres
Et plus fort que les grands
Qui nous les ont fait faire.

Il nous faut écouter
L'oiseau au fond des bois
Le murmure de l'été
Le sang qui monte en soi
Les berceuses des mères
Les prières des enfants
Et le bruit de la terre
Qui s'endort doucement
Les berceuses des mères
Les prières des enfants
Et le bruit de la terre
Qui s'endort doucement.

inviata da Bernart Bartleby - 4/4/2016 - 11:42



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Daniela Catino da Musica e Memoria, con un minimo intervento di Bernart Bartleby.
BISOGNA GUARDARE

Dietro la sporcizia
che si espone a noi
dietro gli occhi corrugati
ed i volti dolenti
al di là di queste mani
aperte o chiuse
che si tendono invano
o che sono pugni alzati
Più lontano delle frontiere
che sono fili spinati
più lontano della miseria
bisogna guardare

Bisogna guardare
ciò che c'è di bello
il cielo grigio o azzurrato
le ragazze sulla riva dell'acqua
l'amico che sappiamo fedele
il sole di domani
il volo di una rondine
la nave che torna

Oltre il concerto
dei singhiozzi e dei pianti
e delle grida di collera
degli uomini che hanno paura
Oltre il chiasso
delle strade e dei cantieri
delle sirene d'allarme
delle bestemmie dei carrettieri
Più forte dei bambini
che raccontano le guerre
e più forte dei grandi
che ce le hanno fatte fare

Bisogna ascoltare
l'uccello in fondo ai boschi
il mormorio dell'estate
il sangue che circola in noi stessi
Le ninnananne delle madri
le preghiere dei bambini
e il brulichio della terra
che si addormenta dolcemente

inviata da Bernart Bartleby - 4/4/2016 - 11:42



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org