Lingua   

Ballata triste

Nada
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'ultima festa
(Nada)
Sulle rive del fiume
(Nada)
Brides for Sale
(Sonita Alizadeh)


(2015)
Dal disco "L’amore devi seguirlo" (2016)

Ballata triste


“Ballata triste” racconta una storia di ordinaria violenza domestica.

“Mi sono sorpresa anch’io a trattare un tema come il femminicidio. Non ci sarei mai riuscita se mi fossi messa lì a scriverne a tavolino. Questo disco racconta la nostra vita in mezzo a una vita che non è vita, dice dell’ingiustizia infinita che dilaga. È un grido di protesta”.
Intervista a Nada
Era una giornata
nata per andare
come sempre a lavorare
ma poi una parola tira l’altra e la storia
si macchia di qualcosa che era da venire
e una parola tira l’altra e diventan pietre
che saltano sui muri e si mettono di traverso

È così che comincia la discussione
la discussione precipita in un disastro
e il tavolo vola e poi si rompe un piatto
lei grida e i denti mordono i santi
E il sangue corre alla testa non si può fermare
i figli sono a scuola, nessuno può sentire

Che amore che amore finito così
tra le pareti di una stanza e una miseria prepotente
amore che amore finito così
tra una spinta una caduta un pugno e una ferita

Le ore le ore le ore senza parlare
nessuno la va a cercare
che cosa succede
le ore le ore che passano nel dolore
nessuno che va a cercare
nessuno che va a vedere

Lei l’han trovata
con una mano
sulla porta
e una sul cuore
sul cuore che si è spaccato
quando l’ha colpita
perché
nessuno
l’ha fermato?

Le ore le ore le ore senza parlare
nessuno la va a cercare
che cosa succede
le ore le ore che passano nel dolore
nessuno che va a cercare
nessuno che va a vedere

31/3/2016 - 22:33


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org