Lingua   

Palazzinari

Il muro del canto
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Cristo de legno
(Il muro del canto)
Malarazza
(Roy Paci)
Ginocchi rossi
(Il muro del canto)


[2013]
Testo di Alessandro Pieravanti
Musica de Il Muro del Canto
Nell’album intitolato “Ancora ridi”

Ancora Ridi
Nella Roma de oggi c’è una strana malattia, pe' via de li palazzi che crescono in periferia.

Fino a un anno fa campagna, co’ pecore e contadini e mo fondamenta de cemento, pe' aregge li condomini. Nun se limitano ad arsà 'sti giganti de mattoni, ma fanno strade e vicoletti, 'ndo s’affacciano i portoni.

Creano come cittadine, 'ndo ce 'nzeppano la gente, ma sò solo dormitori, je pijasse un accidente. I palazzi tutti uguali sò prodotti industriali, rimpiangi i tempi a Garbatella nelle case popolari. Se te compri un bilocale, ner conto niente te ce resta, pe' cinquanta metri quadri, j'hai dato 'n occhio della testa.

Er venditore, vecchia vorpe, t’ha detto un sacco de cazzate: «Supermercati, metro e bar li vedrai prima dell’estate!». Mo sò quasi un paro d'anni che stai lì ar palazzone, l'unica attività che hai visto nasce è quella della prostituzione.

Dici: «È un servizio pure quello, impegnato ner sociale, ma io voglio fà la spesa, non voglio un rapporto sessuale!». Però sotto casa c'è il giardino recintato, dove puoi portare Fido: «Ma mi fijo la cacca la fa a casa, potevi fà un asilo nido!».

Se t'affacci dar barcone, vedi che de cantieri è ancora pieno, c'è 'n esercito de gru che pare un insediamento alieno. Ma er peggio viè la mattina presto, quanno voresti annà a lavorà, ma da 'sto quartiere novo, come ce arivi alla città?

Questi mica che hanno potenziato le strade de collegamento, mo ce s'abita in tremila, mica semo un par de cento! Ma hai voja a bestemmià tutti li santi che ricordi e voresti dije ar venditore: «Aridateme li sordi! Che me frega se ar palazzo c’ho addirittura due ascensori, ma er quartiere è tutto grigio, senza vita, né colori?».

Nun poi fà artro che dormì e sognà de tanto tempo fa, co' i sanpietrini, li nasoni era un piacere passeggià. Belli i tempi quanno Roma era dell’imperatori leggendari, mo purtroppo 'sta città è solo dei palazzinari.

inviata da dq82 - 5/3/2016 - 10:52


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org