Lingua   

Lost

Mike 3rd
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Walls Between Us
(Mike 3rd)
Forward Joe Soap's Army
(anonimo)
Lloyd George’s Beer
(Ernie Mayne)


2015
The War Is Not Over
The War Is Not Over


Il 24 maggio del 1915 l’Italia entrava in quella che ancora oggi, ad un secolo di distanza, viene ricordata come “La Grande Guerra”. Esattamente il 24 maggio di 100 anni dopo il polistrumentista veneto Mike 3rd commemora l’evento con un grande concept-album, 21 tracce per complessive due ore di musica circa, nel quale quei sanguinosi episodi rivivono attraverso questi brani concatenati l’uno all’altro in un coinvolgente turbinio di eventi sonori. Del resto, come tutti noi ricordiamo per quello che abbiamo studiato a scuola, le regioni del Triveneto furono al centro di alcune tra le battaglie più sanguinose, per via della loro vicinanza con i territori dell’Impero Austro-Ungarico. Per questo motivo l’opera di Mike 3rd ha potuto usufruire del patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Carmignano di Brenta, in provincia di Padova.

Mike 3rd, a soli sette mesi di distanza dal suo debutto come solista con In the woods, ricorda e celebra i caduti di tutte le guerre e lo fa con un album davvero particolare, non solo per la realizzazione ma anche per la struttura, grazie all’aiuto di un manipolo di musicisti di livello assoluto. Undici brani che si alternano a dieci intermezzi strumentali, definiti “march”, ovvero la realtà, nella sua crudezza “guerresca” che si avvicenda con il ricordo, il desiderio, le aspirazioni a che questi dipinti non trovino più paesaggi di morte dai quali trarre ispirazione, in uno schema che “si ispira ai celebri Quadri di un'esposizione di Mussorgsky e alle battaglie pacifiste di John Lennon e Yoko Ono”.

Raccontare la guerra non è mai operazione semplice: farlo attraverso la musica può risultare decisamente complesso e comunque necessita di molto spazio per riuscire ad esprimere tutta la gamma di sensazioni che un fatto così traumatico può trasmettere. The war is not over riesce a mantenere, lungo tutto il suo percorso una estrema delicatezza, quasi una sorta di rispetto verso un argomento così sensibile, e lo fa attraverso la dinamica dei brani. L’enfasi, quando necessaria, si esprime attraverso sonorità aspre e taglienti, la riflessione utilizza registri più lievi e melodici; le “marce”, dieci in tutto, sono lì a ricordare di cosa si parla, a segnare, a scandire come altrettanti paletti lo sviluppo della narrazione.

Ovviamente, considerando l’argomento, il parallelo con un album epocale quale The Wall viene quasi spontaneo, anche se in effetti, oltre ad alcuni punti di contatto musicali, ci sono in verità sostanziali differenze: laddove il lavoro di Waters risente, come ovvio, del coinvolgimento personale, quello di Mike 3rd risulta essere un lavoro più distaccato, più emozionale e meno emotivo, caratterizzato da una riverenza che toglie spazio al rimpianto ed allo struggimento personale. The war is not over risulta essere un album dalla grande dinamica e dai suoni davvero centrati, capace di alternare passaggi quasi psichedelici a vere e proprie “tirate” hard rock; si respira un’aria, come dire, “analogica” e non “digitale”, complice forse l’atmosfera vintage che la strumentazione utilizzata riesce a ricreare. Il cantato lascia spesso spazio a lunghi fraseggi strumentali in cui la chitarra, vera e propria protagonista del lavoro, assume quasi il ruolo di “voce” solista attraverso i numerosi timbri che riesce a proporre. Nel contempo va notato quanto la base strumentale sia ricca, nei suoni e nelle ritmiche, contribuendo ad arrangiamenti bilanciati ma ricchissimi di variazioni.

Se le atrocità della guerra immediatamente ispirano in tutti noi concetti come violenza, deflagrazione, distruzione, le sonorità che Mike 3rd sceglie per esprimere queste sensazioni sono l’esatto opposto: delicate, rarefatte e, soprattutto, estremamente raffinate. Innanzitutto ci troviamo di fronte a un album chitarristico: questo strumento è principe in tutti i costrutti armonici e melodici delle singole tracce e infonde in esse un'enorme gamma di colori. C’è un incedere quasi funky nella meravigliosa Night with a thousand furry animals, nella quale a un cantato intriso di blues fa da contraltare un arrangiamento per archi struggente e melanconico che ci porta sui territori del progressive rock. C’è invece davvero molto di pinkfloydiano nel cantato di In the twilight – Part I, che inevitabilmente spinge l’ascoltatore a un parallelismo: anche la band di Waters e Gilmour, infatti, aveva scritto un monumentale concept-album sugli orrori della guerra, anche se in quel caso la fonte di ispirazione non era la Prima ma la Seconda Guerra Mondiale (e in particolare la battaglia di Anzio, nella quale il bassista ancora bambino aveva perso il padre).

Semplicemente meravigliosa è Lost, a cavallo tra i languori dei francesi Air e le più recenti espressioni del neo-prog. A fare da trait-d’union tra i brani cantati, dieci intermezzi strumentali (intitolati March e numerati progressivamente), di lunghezza variabile ma mediamente brevi, affidati a intrecci di chitarre dal gusto molto post-rock (si potrebbe pensare a certi lavori di Jim O’ Rourke). Un’opera intensa, struggente, commovente, nella quale il polistrumentista veneto offre il meglio di sé, coadiuvato da un esercito di ospiti illustri: due nomi su tutti Tony Levin e Pat Mastellotto (e non hanno certo bisogno di ulteriori commenti!), ma anche Benny Greb, Iarin Munari, Alberto Stocco, Andrea Tombesi, Roberta Canzian, Filippo Galvanelli e Sofia Borgo. Straordinaria, infine, la limpidezza sonora offerta dalla produzione di Ronan Chris Murphy. Chi avrebbe mai immaginato che una tragedia come la 1a Guerra Mondiale potesse esse raccontata con tanta delicatezza? Un disco di gran classe e di inconsueta raffinatezza.

lisolachenoncera.it
distorsioni.net

Aggiungo un'ultima nota alle recensioni di distorsioni e L'Isolachenonc'era, edè prettamente grafica: copertina in B/N, scarna, che illustra una serie di lapidi, ricorda molto un cimitero militare, ma è un particolare che fa la differenza, che si raccorda più di ogni altra immagine al titolo, ed è qulla lapide in basso a destra che manca, come a dire "La guerra non è finita", ci saranno altre persone da seppellire...


March I - In the Twilight (feat. Tony Levin) - March II - Black Sun - March III - Night With a Thousand Furry Animals (feat. Benny Greb) - March IV - Lost - March V - In the Twilight Part II - March VI - Cold and Fake Part I (feat. Benny Greb) - Cold and Fake Part II - March VII - Pacific Revolution - March VIII - In the Light (feat. Tony Levin) - March IX - Walls Between Us - March X - Peace (feat. Pat Mastelotto)

Flowers lost in the desert
like whispers in the dirt
Snow falls hard you don’t know
the war is not over yet
Pure life lost on mother earth, on mother earth
Pure life lost on mother earth, on mother earth

Is there a dragon where you are?
Hurricanes in the sky
Step by step you don’t know
There is no race after death
Innocent life lost on mother earth, on mother earth
Pure life lost on mother earth, on mother earth

Then I’m gonna close my eyes
To see you flying in the air
Don’t put your faith in the future because
The war is not over yet
One more life lost on mother earth, on mother earth
Pure life lost on mother earth, on mother earth

A loud noise hurts my ears
Same old picture in my mind
Hundreds of years sadly passed
But the war is not over yet
Poor lives lost on mother earth, on mother earth
Pure life lost on mother earth, on mother earth

inviata da dq82 - 29/2/2016 - 11:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org