Lingua   

Hitler Ain't Dead

Bill Frederick
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Celebration
(Fred Stanton)
From Jenin
(Fred Stanton)
The New Recruit
(Michael Nesmith)


[1965]
Parole e musica di Bill Frederick, sul quale poche informazioni sono reperibili in Rete.
Nei primi anni 60 era un giovane studente in chimica ed obiettore di coscienza al servizio militare in Vietnam.
Contribuì alcune sue canzoni su Broadside Magazine. Si veda anche Just Another Day
Questa fu pubblicata sul # 61 del 15 agosto 1965.
Nel 1967 le canzoni di Bill Frederick vennero raccolte nel disco intitolato “Hey, Hey… LBJ! Songs of the U.S. Anti-War Movement”

Hey, Hey… LBJ!

Veemente attacco al presidente Lyndon Johnson (LBJ), succeduto a Kennedy dopo il suo assassinio e responsabile del definitivo coinvolgimento degli USA nella guerra, già più che fredda, in Indocina.
Nella canzone Lyndon Johnson - che proprio nel 1965 ordinava i primi bombardamenti a tappeto sul nord Vietnam - viene descritto come se fosse una reincarnazione di Hitler o, meglio, il Führer in persona, che non è morto a Berlino ma si è trasferito a Washington e ora siede alla Casa Bianca, e parla non più tedesco con accento bavarese ma americano con marcata inflessione texana…
Lyndon says it's fine and grand
To see the flag of our country in a foreign land
The people applaud, the mandate is clear
Didn't Germany die to the sound of a cheer?
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, that’s the rumor I hear.

Gas in the Jungle, gas on the street
Shot by a soldier or a cop on the beat
Saigon to Selma to City Hall
With his hand on the dollar & his back to the wall
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, he Just talks with a drawl.

There's an army marchin' in the world today
Fightin' civilized wars in a civilized way
Christian & pure, fresh & clean
Washed by the priests with Listerine
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, he just joined the Marines.

Dance to the tune of a civilized hate
Just a few more Reds to exterminate
Business, labor & Congress agree
Just like they used to in Germany
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, it just smells that way.

Just a few more countries we have to invade
A few more dollars that have to be made
A few more people that have to be sprayed
Then we'll all drink Freedom Lemonade
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, he's Just a little decayed.

There's people marchin' in the world tonight
Ain't scared of a jail, ain't scared of a fight
With bamboo spears & antique guns
Singin' freedom songs to the sound of a drum, sayin'
Hitler ain't dead, Hitler ain't dead
Hitler ain't dead, but his time has come.

inviata da Bernart Bartleby - 26/2/2016 - 13:44



Lingua: Italiano

Versione italiana di Marco Tutino

Tratto dall'LP Vietnam Ieri e oggi - canzoni e ballate a cura del comitato Vietnam di Milano. Traduzione e adattamento di Marco Tutino

Vietnam

Questa traduzione, non essendo disponibile la versione originale (non si conosceva nemmeno il titolo originale) era inserita come canzone a se stante dal 6/1/2010.
Viene qui integrata ed eliminata
Nixon ci ha detto che è bello e grande
mettere piede e bandiera in terra straniera
la gente applaude, il mandato è chiaro
forse che la Germania agì in altro modo

Hitler è vivo, Hitler è vivo
questa è la voce che ho udito

Il gas nella giungla, il gas nella strada
sparato da un soldato o da un poliziotto
da Saigon a Selma alla City Hall
con la mano sul dollaro e le spalle coperte

Hitler è vivo, Hitler è vivo
ma parla con un'altra voce

C'è un grande esercito che sta marciando
combatte guerre per bene in un modo civile
Cristiano e puro, fresco e pulito
benedetto dai preti e dal Signore

Hitler è vivo, Hitler è vivo
ed ora ha raggiunto i marines

La loro violenza è una violenza educata
restano ancora dei rossi da sterminare
affari e Congresso sono tutti d'accordo
proprio come hanno fatto un tempo in Germania

Hitler è vivo, Hitler è vivo
ma adesso ha un altro odore

Ci resta ancora qualche paese
e pochi dollari abbiamo ancora da fare
uno o due popoli da sterminare
e poi potremo parlare di libertà

Hitler è vivo, Hitler è vivo
è solo un po' meno bravo

C'è un grande popoplo che marcia stanotte
non teme più la galera, non teme la guerra
con lance di bambù e fucili antiquati
canta la libertà dicendo così:

Hitler è vivo, Hitler è vivo
ma adesso è giunta la sua ora

inviata da Dq82 (originariamente 6/1/2010) - 27/10/2016 - 08:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org