Lingua   

Adieu minette

Renaud


Lingua: Francese



[1977]
Paroles et musique: Renaud Séchan
Parole e musica: Renaud Séchan
Album: Laisse béton

laisbetb


Dunque, quando è sortita questa canzone di Renaud (che vedo molto presente in questo sito…e ti pareva!) ero parecchio, parecchio più giovane; beh, comunque non una ragazzina perché la canzone è del 1977 e avevo trentasette anni e faceva un po’ senso allora che una seria avvocatessa ascoltasse gente tipo Renaud, che allora non era roba da brave ragazze. Però devo dire che me ne fregavo molto pure allora, e figuriamoci ora che sono una nonnina. Aveva scritto questa canzonaccia, Renaud, con una bella arietta da ballabile, anzi da lento, di quelle cose che si ballano appiccicati alle feste, zumpappà, zumpappà, e parlava di un amore tra un proletario, o sottoproletario, della Courneuve e una ragazza ricca, dell’alta borghesia parigina. In pratica parlava di se stesso, perché Renaud alla Courneuve, che è una borgata della banlieue, c’era cresciuto per davvero. Insomma, va a finire che certe differenze di ceto dovevano venire fuori, con Renaud e i suoi amici che ne approfittano per qualche scorribanda un po’ vendicativa, diciamola così; ma, mi direte, e cosa c’entra con le “Canzoni contro la guerra”? Beh, un po’ c’entra, perché l’antimilitarista Renaud non rinuncia neppure qui, raccontando questa strampalata storia d’amore, a tirare ceffoni qua e là (gli amici della ragazza “stronzi quasi come dei militari”, e soprattutto il finale, quando viene mandato a fare il servizio militare dietro l’angolo –in Nuova Caledonia!-, dicendo che, in fondo, la “grande famiglia” dell’esercito è assai peggio della famiglia straborghese della ragazza). Forse, chissà, saranno “appigli” un po’ fragili, però anche da questo si vede bene che cos’era Renaud. E poi ci avevo voglia di metterla questa canzone, non vi sembra un buon motivo? Saluti cari, avv. Jeanne Auban Colvieil da Arles (Francia). PS: Io le note non ce le ho messe, tanto lo sapete tutti, no, cosa sono Deauville e Neuilly….?
Sous tes cheveux beaucoup trop blonds
Décolorés ça va de soi
T'avais une cervelle de pigeon
Mais j'aimais ça mais j'aimais ça

Au fond de tes grand yeux si bleus
Trop maquillés ça va de soi
T'avais que'que chose de prétentieux
Que j'aimais pas que j'aimais pas

J'avais la tignasse en bataille
Et les yeux délavés
Je t'ai culbutée dans la paille
T'as pris ton pied

Adieu fillette
Nous n'étions pas du même camp
Adieu minette
Bonjour à tes parents

Tu m'as invité à Deauville
Dans ta résidence secondaire
Je m'suis fait chier comme un débile
Dans cette galère dans cette galère

Tu m'as présenté tes copains
Presqu'aussi cons qu'des militaires
C'était des vrais Républicains
Buveurs de bière buveurs de bière

Le grand type qui s'croyait malin
En m'traitant d'anarchiste
Je r'grette pas d'y avoir mis un pain
Avant qu'on s'quitte

Adieu fillette
Nous n'étions pas du même camp
Adieu minette
Bonjour à tes parents

Mais quand t'es rentrée à Paname
Super fière de ton bronzage
T'as pas voulu poser tes rames
Sur le rivage c'est une image

Tu m'as téléphoné cent fois
Pour que j'passe te voir à Neuilly
Dans ton pavillon près du bois
Et j'ai dit oui et j'ai dit oui

J'suis v'nu un soir à ta surboum
Avec 23 d'mes potes
On a piétiné tes loukoums
Avec nos bottes

Adieu fillette
Nous n'étions pas du même camp
Adieu minette
Bonjour à tes parents

Faut pas en vouloir aux mariolles
Y z'ont pas eu d'éducation
À la Courneuve y'a pas d'école
Y'a qu'des prisons et du béton

D'ailleurs y z'ont pas tout cassé
Y z'ont chouravé qu'l'argentrie
Ton pote qu'y f'sait du karaté
Qu'est-ce qu'on y'a mis qu'est-ce qu'on y'a mis

Ton père j'l'ai traité d'enfoiré
Excuse-moi auprès de lui
Si j'avais su que c'était vrai
J'y aurai redit

Adieu fillette
Nous n'étions pas du même camp
Adieu minette
Bonjour à tes parents

Maintenant j'ai plus envie d'causer
Tu devrais déjà avoir compris
Qu'on est pas né du même côté
D'la bourgeoisie d'la bougeoisie

Arrête une minute de chialer
Tu vois quand même que j't'oublie pas
Je t'téléphone en PCV
De Nouméa de Nouméa

Ça fait trois s'maines que j'suis bidasse
L'armée c'est une grande famille
La tienne était moins dégueulasse
Follement la quille

Adieu fillette
Nous n'étions pas du même camp
Adieu minette
Bonjour à tes parents

inviata da Avv. Jeanne Auban Colvieil, Arles (France) - 11/2/2016 - 09:12



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano di Jeanne Auban Colvieil
11.II.16

La Courneuve.
La Courneuve.
ADDIO MICETTA

Sotto i tuoi capelli biondi esagerati,
decolorati, va da sé,
avevi un cervello di gallina
ma io lo amavo, ma io lo amavo

In fondo ai tuoi occhioni azzurri
troppo truccati, va da sé
avevi qualcosa di pretenzioso
che non amavo, che non amavo

Io avevo capellacci da battaglia
e gli occhi slavati,
t’ho scopata sulla paglia,
tu ci hai preso gusto

Addio ragazzina
non eravamo bene assortiti
addio micetta
salutami i tuoi

Mi hai invitato a Deauville
nella tua seconda casa
mi son scassato come un imbecille
in quel postaccio da delirio

Mi hai presentato i tuoi amici
stronzi quasi come dei militari
erano dei veri francesi coi valori laici,
bevitori di birra, bevitori di birra

E quel tipo grosso che si credeva un ganzo
perché mi trattava da anarchico
peccato che non l’ho preso a manate
prima di lasciarci

Addio ragazzina
non eravamo bene assortiti
addio micetta
salutami i tuoi

Ma quando sei tornata a Parigi
super fiera della tua abbronzatura
non hai voluto mettere
i remi in barca, è un’immagine

Mi hai telefonato cento volte
per farmi venire a farti visita a Neuilly
nella tua casa di campagna vicino al bosco
e ho detto sì, ho detto sì

Una sera sono venuto al tuo megaparty
con ventitré amiconi miei,
s’è pesticciato i tuoi lukum
con gli stivali

Addio ragazzina
non eravamo bene assortiti
addio micetta
salutami i tuoi

Non bisogna prendersela con quei ragazzacci,
non hanno avuto un’educazione,
alla Courneuve non c’è la scuola,
solo prigioni e cemento

Del resto non hanno spaccato tutto,
hanno fregato solo l’argenteria,
al tuo amico che faceva karatè
quante gli se n’è date, quante gli se n’è date

A tuo padre gli ho dato di stronzo idiota,
scusati con lui da parte mia
se avessi saputo che era vero
glielo avrei ridetto

Addio ragazzina
non eravamo bene assortiti
addio micetta
salutami i tuoi

Ora non mi va più di chiacchierare
dovresti già aver capito
che non siamo nati dalla stessa parte
della borghesia della borghesia

Smetti un minuto di frignare
lo vedi che in fondo non ti scordo,
telefono con chiamata a carico
da Nouméa da Nouméa

Da tre settimane sono soldato,
l’esercito è una grande famiglia
la tua era meno di merda,
quanti all’alba?

Addio ragazzina
non eravamo bene assortiti
addio micetta
salutami i tuoi

inviata da Jeanne Auban Colvieil, Arles (France) - 11/2/2016 - 09:14


Grazie avvocato, molto bella, anche la traduzione.
Lei sarà anche una "nonnina" ma ci va ancora giù dura...
Saluti

Bernart Bartleby - 11/2/2016 - 11:01


Grazie grazie a lei sig. Bernart! Mi fa piacere, perché quando mi metto a scrivere qualcosa in italiano, ho sempre un po' la paura che sia parecchio annacquato...! Quanto all'essere nonnina, ohimè, l'età è quella ma forse sono destinata a fare come quel vecchio personaggio dei fumetti che in francese si chiama Tartine Mariol e in italiano, credo Nonna Abelarda! Anzi...potrebbe essere mio nome "alternativo" qua dentro, suonerebbe bene!?! Ora lo provo!

Tartine Mariol

Avv. Nonna Abelarda / Tartine Mariol (aka Jeanne Auban Colvieil) - 11/2/2016 - 11:40


Ma è meraviglioso! Tartine Mariol!!!!! E a pensarci bene, debbo dire, mi somiglia pure abbastanza!!!!!!!!

Nonna Abelarda Colvieil - 11/2/2016 - 13:12



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org