Lingua   

Mamma, non mi mandà fori la sera

Caterina Bueno


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

The Pill
(Loretta Lynn)
Bunch of Damned Whores
(Ted Egan)


Antichi stornelli delle donne raccoglitrici di erbe per le bestie e da intreccio (sala, sarello, biodo, cannuccia,…) nel Padule (arcaica variante maschile per palude) di Fucecchio, tra le province di Pistoia (dove si trova Lamporecchio) e Firenze (dov’è la villa medicea di Stabbia a Cerreto Guidi). Siccome alcune di queste erbe venivano comunemente usate per il rivestimento di fiaschi e damigiane, la “fornacina” della seconda strofa può credo riferirsi ad una fabbrica di vetri.



Nel repertorio di Caterina Bueno, per esempio in una registrazione originale a Roselle nel 1965, pubblicata anni dopo dalla FLOG di Firenze nella raccolta “Toscana 1: Grosseto – Siena” (1980). Poi anche in “Eran tre falciatori” del 1973.

Eran tre falciatori
Mamma, non mi mandà fori la sera
son piccolina e nun mi so' badare
c'è i giovinotti fori di maniera
noiosi mi vorrebbero baciare

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe' nun ti vedé
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe' nun ti guardà

Mamma, non mi mandà alla fornacina
ce l'hanno costruiti tre cancelli
quello di mezzo ci passa il padrone
quelli alla proda i giovinotti belli

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe' nun ti vedé
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe' nun ti guardà

Mamma, non mi mandà a Lamporecchio
perché ce n'è di Stabbia e del Padule
mi dican le cosine in un orecchio
le man voglian tené sotto al grembiule

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe' nun ti vedé
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe' nun ti guardà

Mamma, non mi mandà fori la sera
so' piccolina e nun mi so' badare
se putacaso trovo un militare
o mamma mi potrebbe rovinare

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe' nun ti vedé
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe' nun ti guardà

O mamma, mamma nun la rigirare
col dirmi “devi fare, 'un devi fare”
nun me lo dire più “lavora bimba”
so' piccolina e là gioco alla donna

E quando vedo te
io chiudo gli occhi pe' nun ti vedé
e quando ti vedo là
io chiudo gli occhi pe' nun ti guardà

inviata da Bernart Bartleby - 8/1/2016 - 14:14



Lingua: Inglese

Traduzione inglese trovata su Italy World Club
MOM, DO NOT SEND ME OUT IN THE EVENING

Mom, do not send me out in the evening
I am a young girl and I cannot beware
There are young men outside
boring, they would like to kiss me.

And when I see you,
I close my eyes not to see you
and when I see you there
I close my eyes not to look at you.

Mom, do not send me to the kiln
there they built three gates:
the middle one is for the master
those at the sides for handsome young men.

And when I see you,
I close my eyes not to see you
and when I see you there
I close my eyes not to look at you.

Mom, do not send me to Lamporecchio
because there are men from Stabbia and Padule
they tell me things in my ear
their hands they want to place under my apron.

And when I see you,
I close my eyes not to see you
and when I see you there
I close my eyes not to look at you.

Mom, do not send me outside in the evening
I am a young girl and I cannot beware
say by chance I find an army man
O Mom, he could be ruin me.

And when I see you,
I close my eyes not to see you
and when I see you there
I close my eyes not to look at you.

O mother, mother to not be boring
by saying: "You must, you must not. "
Do not say any more: "Work, girl!"
I am a young girl and there I play to be a woman.

And when I see you,
I close my eyes not to see you
and when I see you there
I close my eyes not to look at you.

inviata da Bernart Bartleby - 8/1/2016 - 14:25


Il disco della FLOG pubblicato nel 1980 è quello con la registrazione di una veglia tenutasi nel 1965 a Roselle nella casa di Morbello Vergari (1920-1989), scrittore e poeta ed amico della Bueno.

Bernart Bartleby - 8/1/2016 - 14:36


belle assaie

krzyś - 9/1/2016 - 01:48


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org