Lingua   

A carta nera

Voce Ventu
Lingua: Corso


Ti può interessare anche...

A serva
(Voce Ventu)
Chjaruscuru
(Canta u Populu Corsu)
L’emigratu
(Voce Ventu)


In “Rughju di Vita” (2005), album d’esordio del gruppo corso formatosi nel 1995

Rughju di Vita

La carta nera consegnata dai gendarmi era quella con cui lo stato maggiore dell’esercito comunicava la morte in guerra di qualche padre, o figlio, o fratello…



“Tempi di bughju sò quelli di e guerre, induva voglia sia. In li nostri paesi, cum'altrò, tante pene, tamanti stracciacori quand'ella ghjunghjia a nutiziaccia d'un giuvanottu mortu. Pudessela l'astutizia supranà u scimughjine di l'omi.” (Commento di Amicu-pastore su Dailymotion)
Era tempu di carta nera
Purtata da lu gendarme
Ne ghjunghjia mane è sera
Ind’è li babbi è li mamme
Ne ghjunghjia mane è sera
Ind’è li babbi è li mamme

Quelle campane à murtoriu
Si n’era intesu parlà
E vultendu di duloriu
Si sò messe à risunà
E vultendu di duloriu
Si sò messe à risunà

Chjucchittendu sempre in capu
Segnu di maladizione
Parchì avia persu babbu
O fratellu o figliulone
Parchì avia persu babbu
O fratellu o figliulone

U si fuss’elle mai intese
Quì è cula in ogni poghju
O quant’elle ci anu offese
Qu’elle campane murtoriu
O quant’elle ci anu offese
Qu’elle campane murtoriu

Era tempu di carta nera.

inviata da Bernart Bartleby - 8/10/2015 - 10:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org