Lingua   

Barone

anonimo


Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)


Ti può interessare anche...

A lu Savoia
(anonimo)
Tarantattan
(Aioresis)


Canzone forse ottocentesca - che ritrovo anche con il titolo de “Lu tristu furese” - originaria del Salento, precisamente di Corigliano d’Otranto.
Testo trovato su La Terra del Rimorso



In questa versione (ma ancor più in “Lu tristu furese” che segue) è evidente tutta la rabbia e l’insofferenza per una condizione di miseria in cui il contadino (il “forese”, o “furese”) è costretto, senza via di scampo, dalla sudditanza ai ricchi e ai potenti, i cosiddetti “baroni”, termine che indica non tanto, letteralmente, il più basso dei titoli feudali, piuttosto il signore, il proprietario, colui che esercita il potere assoluto ed incontrastato nella sua area di influenza.
Probabilmente il canto ironizza anche (amaramente) sul fatto che i ricchi e i potenti si auto-attribuivano, si compravano, si regalavano e si scambiavano l’un l’altro i titoli (più o meno) nobiliari che accrescevano il loro prestigio sociale, e al contadino, condannato a non poter essere altro che un cafone per tutta la vita, la cosa doveva certo apparire come un’ulteriore beffa, l’ennesimo insulto…
L’addhu giurnu pensandu pensandu
pijai la zappa e scij caminandu

Barone di qua barone di là
lu vecchiu forese barone si fa.

Poi la sira quando me coiju
a dhu me tocca a le rape senza oiju

Barone di qua barone di là
lu vecchiu forese barone si fa.

Vui no sapiti ce m’aggiu pensatu
cu vindu la zappa e cu partu surdatu

Barone di qua barone di là
lu vecchiu forese barone si fa.

E se lu corpu me vene a favore
me vindu la zappa e me fazzu barone

Barone di qua barone di là
lu vecchiu forese barone si fa.

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2015 - 14:37




Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)

Altra versione, come cantata – in varie declinazioni – da diversi gruppi salentini, come Aranee, Xanti Yaca, Le Mosche, i Solsettima…
LU TRISTU FURESE

Ci gge beddhu lu sonnu alla mmane
quannu lu tata me chiama bbau fore,

quannu visciu ca è picca lu pane
mamma cci toja me sentu allu core,

alla sira quannu me ccoju
a ddhu me tocca alle foje senz'oiu.

Tuttu lu giurnu zzappannu zzappannu
me vinnu la zappa e me ne vau girannu,

e ci la zappa me vaje a favore
me vinnu la pala e me fazzu barone.

Barone di qua barone di là
lu tristu furese barone si fa.

Barone di qua barone di là
lu tristu furese barone si fa.

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2015 - 14:38




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della prima versione, da La Terra del Rimorso
BARONE

L’altro giorno pensando pensando
presi la zappa e andai camminando

Barone di qua barone di là
il vecchio contadino barone si fa.

Poi a sera quando rincaso
Cosa mi tocca? Rape senza olio.

Barone di qua barone di là
il vecchio contadino barone si fa.

Voi non sapete che cosa ho pensato
di vendere la zappa e partire soldato

Barone di qua barone di là
il vecchio contadino barone si fa.

E se mi viene bene
Mi vendo la zappa e divento barone

Barone di qua barone di là
il vecchio contadino barone si fa.

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2015 - 14:50


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org