Lingua   

Ave Maria no Morro

Trio de Ouro
Lingua: Portoghese

Lista delle versioni e commenti



[1942]
Parole e musica di Herivelto de Oliveira Martins (1912-1992), compositore, cantante, musicista ed attore brasiliano.
Interpretata dal Trio de Ouro, fondato dallo stesso Martins nel 1937, insieme all’orchestra di Otaviano Romeiro Monteiro, detto Fon-Fon (1908-1951), compositore, polistrumentista e direttore.



Una delle più famose canzoni brasiliane di sempre, interpretata da una miriade di artisti locali e latinoamericani e di ogni angolo della Terra, compresi gli italiani Mino Reitano, Fausto Leali, Andrea Boccelli e Zucchero.

Barracão de zinco
Sem telhado, sem pintura
Lá no morro
Barracão é bangalô

Lá não existe
Felicidade de arranha-céu
Pois quem mora lá no morro
Já vive pertinho do céu

Tem alvorada, tem passarada
Alvorecer
Sinfonia de pardais
Anunciando o anoitecer

E o morro inteiro no fim do dia
Reza uma prece ave Maria
E o morro inteiro no fim do dia
Reza uma prece ave Maria

Ave Maria
Ave
E quando o morro escurece
Elevo a Deus uma prece
Ave Maria.

inviata da Bernart Bartleby - 17/6/2015 - 14:14


krzyś - 18/6/2015 - 21:37




Lingua: Italiano

La versione italiana cantata da Zucchero
AVE MARIA

C’è lassù fra i boschi
un minuscolo paese
un omino piccolo così...

Vive felice come incantato
come estasiato
come se abbracciasse il mondo
fra le nuvole lassù.

Io ti ricordo arcobaleno acceso in cielo
e nell’aria sento udire
la tua voce fin da quaggiù.

Ora fatata della preghiera
che vien dal bosco io la conosco
scende dal cielo
come un incanto un'armonia.

Ave Maria... Ave Maria...
quando il giorno muore canto
e canto d’amore

Ave Maria...
Scende dal cielo
color del pianto un'armonia
Ave Maria... Ave Maria...
quando il giorno muore canto e canto d’amore
Ave Maria... Ave Maria...

18/6/2015 - 23:17


La versione di Zucchero - oltre a far cagare e cariare i denti al contempo - non c'entra proprio una beata minchia con il significato dell'originale. Per questo mi ero guardato bene dal proporla, giusto per non insozzare inutilmente la pagina e fare torto ad Herivelto Martins...

Bernart Bartleby - 22/6/2015 - 08:51


ha ragione bartleby. la versione di Zucchero va bene per cantare 'ma non ci incastra niente con il significato originale che parla della vita nella favela.

gianni - - 30/1/2016 - 18:12


Ma fatevi una bella autobiopsicoanalisi una volta per tutte, se non cagerete le cagate per tutta 'na vita.
O 'na clistere, avete provato mai?

Ciau

krzyś - 31/1/2016 - 02:59




Lingua: Finlandese

Versione finlandese / Finnish version / Version finnoise / Versão finlandesa / Suomenkielinen versio: Juha Vainio

KELLOJEN KUTSU

Ypöyksin mies kulkee
ja hän seuraa puron uomaa,
joka johtaa
hänet laaksoon vehreään.

Jäi kylät suuret,
on täällä juuret,
ken niitä pystyis kitkemään.
Sen vihdoin huomaa,
miks täältä koskaan hän lähtikään.

Jo näkyy pellot,
jo kauas soivat nuo malmikellot,
viestin toivat, että kotiin
jo tulla voivat nyt eksyneet.

Ja ensimmäinen kun huivipäinen
jo juoksee vastaan kuin äiti lastaan,
niin yksinäinen sen syliin sulkee
ja pyyhkii kyyneleen.

Ave Maria,
ave Maria.
Rakkaat taas toisensa kohtaa,
kellot kun yhteen näin johtaa.
Ave Maria.

inviata da Juha Rämö - 20/10/2018 - 12:08



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org