Lingua   

Noi siam poveri romagnoli

anonimo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Li braghini rifüdati
(Gruppo Padano di Piadena)
אין שאַפּ, אָדער די סװעט־שאַפּ
(Moris Roznfeld [Morris Rosenfeld] / מאָריס ראָזנפֿעלד)
Il trenino che parte e va
(Caterina Bueno)


[Seconda metà dell’800]
Canzone di autore anonimo, intonata da operai italiani partecipanti nel 1877 a Saint-Imier al congresso della “Fédération jurassienne”, la sezione svizzera dell’Internazionale anarchica e antiautoritaria, ispirata alle idee libertarie di Bakunin.
Testo del ritornello trovato nell’articolo “La chanson anarchiste dans la France de la belle époque”, a cura Gaetano Manfredonia, pubblicato nella Revue Française d'Histoire des Idées Politiques, 2007/2 (n°26).
Riscontrata per intero su Il Deposito, come tratta dal volume “Canti socialisti e comunisti”, a cura di Leoncarlo Settimelli e Laura Falavolti, 1976.
Noi siam poveri romagnoli
ma siam tutti d'un sentimento
moriremo di fame e stento
ma vogliam l'emancipazion

O borghesi prepotenti
É finita, è finita la cuccagna
I plebei della Romagna
Sono stanchi, sono stanchi di soffrir

Sono stanchi di soffrire
e ben presto lo mostreranno
quando l'armi impugneranno
e giustizia si faran

O borghesi prepotenti
É finita, è finita la cuccagna
I plebei della Romagna
Sono stanchi, sono stanchi di soffrir

Avanti, avanti o giovanotti
la bandiera rossa è spiegata
e quando l'ora sia suonata
combattiamo come un sol uom

O borghesi prepotenti
É finita, è finita la cuccagna
I plebei della Romagna
Sono stanchi, sono stanchi di soffrir

inviata da Bernart Bartleby - 16/6/2015 - 11:28



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org