Lingua   

Luís Veiga Leitão: Cagliari – Ria

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Portoghese


Ti può interessare anche...

Πρωινό άστρο
(Yannis Ritsos / Γιάννης Ρίτσος)
Ειρήνη
(Yannis Ritsos / Γιάννης Ρίτσος)
Η Κυρά των Αμπελιών
(Yannis Ritsos / Γιάννης Ρίτσος)


Cari ragazzi, chiedo ospitalità agli Extra per i versi che un poeta portoghese, nei suoi giorni d’esilio, volle dedicare alla mia amata Cagliari.

Luís Veiga Leitão (1912-1987) era un poeta portoghese. Subì la prigione e l’esilio a causa della sua opposizione alla dittatura dello Estado Novo. In carcere, con il solo ausilio della memoria, compose la raccolta Noite de pedra (1955).

Trascrivo da Poemas do último século antes do homem (Porto, 1979, pag. 117), una raccolta di poesie della resistenza di autori portoghesi e di autori stranieri tradotti da poeti portoghesi. [Si osservi che il titolo riprende quello del poemetto di Ghiannis Ritsos L’ultimo secolo prima dell’uomo (Ἡ τελευταία π.Α. ἑκατονταετία, 1942, di cui v. la bella traduzione del Pontani nello «Specchio» mondadoriano Prima dell’uomo, 1972).]
 Luís Veiga Leitão
Salina Todo o mar
numa pequenina pedra

Todos os mares
mortos ou vivos
numa pirâmide
Crua
toda a luz
num grão de sal

Corpo e sono de barco podre
riscam no chão neutro e quente
o esquife e a mortalha
de cadáver ausente

Descarnada mão
pesca na lama
migalha que resta
do mar que é pão

Cruz de braços abertos
Foice e martelo no muro
rente ao fluxo do mar

inviata da Leonardo Licheri - 1/6/2015 - 10:20




Lingua: Italiano

Versione italiana di L.L.

[28-31 maggio 2015]
CAGLIARI – FOCE

Salina Tutto il mare
in una piccola pietra

Tutti i mari
vivi o morti
in una piramide
Cruda
tutta la luce
in un granello di sale

Corpo e sonno di barca infradiciata
raschiano sulla terra neutra e calda
la bara e il sudario
di cadavere assente

Scarnata mano
pesca nel fango
il poco che resta
del mare che è pane

Croce di braccia aperte
Falce e martello sul muro
rasente al flutto del mare

inviata da Leonardo Licheri - 1/6/2015 - 10:25




Lingua: Sardo

Tentativo di traduzione in sardo campidanese di L.L.

[31 maggio-1° giugno 2015]
CASTEDDU – FOXI

Salina Tottu su mari
ind’una perda piticca

Tottus is maris
bius o mortus
ind’una piramidi
Crua
totta sa luxi
ind’unu granu ’e sali

Corpus e sonnu de barca purdiada
raschiant in sa terra neutra e callenti
sa lettèra e su lenzolu
de cadavere stesiau

Manu siccada
piscat in su fangu
su pagu chi restat
de su mari chi est pani

Gruxi de brazzus obertus
Farci e marteddu in su muru
accanta a su flussu ’e su mari

inviata da Leonardo Licheri - 1/6/2015 - 10:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org