Lingua   

Cantu pi’ diri

Rosa Balistreri


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Quannu moru
(Rosa Balistreri)
Unu, du’ e tri
(Rosa Balistreri)
Nta la Vicaria
(Rosa Balistreri)


Canzone inedita scritta da Lillo Catania, già coautore di Quannu moru, il testamento artistico e spirituale di Rosa Balistreri, e autore della meno nota Chi m’insunnai (Viaggiu o ‘nfernu).
Testo trovato sul libro di Nicolò La Perna “Rosa Balistreri - Rusidda... a Licatisa”, dove si afferma che la canzone fu eseguita e registrata dal vivo durante un concerto a Cianciana, provincia di Agrigento, in data imprecisata.

Si a milli, a milli m’hannu cunnannata
a milli, a milli s’annu a vriugnari,
nun cantu pi tri sordi o pi’ piaciri,
iu cantu picchì haiu soccu diri.

A li picciotti di tuttu lu munnu
ci dicu di ìmpignarisi ad amari,
e l’omu farsu avitilu a scansari
picchì è chiddu ca voli sfruttari.

A cu di tempi antichi va parlannu,
diciticcillu ca c’era schiavismu
li ricchi n’un niscivanu da tana
a travagghiari i figli di buttana.

Si a milli, a milli m’hannu cunnannata
a milli, a milli s’annu a vriugnari,
nun cantu pi tri sordi o pi’ piaciri,
iu cantu picchì haju soccu diri.

E dicu a tutti i fimmini du munnu:
“Facitivilla bona la famiglia,
tinitivi pulita la cuscenza
tincitila di rosa a vostra vita.

A chiddi ca vi parlanu di Diu
diciticcillu ca vui ci criditi,
ma ‘u ‘ne lu stissu Diu di patruna
ma chiddu di la genti senza luna.”

Si sti’ paroli nun ti dannu paci
e abbruscianu la menti e la sustanza
miseria ni sta terra ci ‘ne tanta,
picchì critichi la vuci mia chi canta?

inviata da Bernart Bartleby - 9/4/2015 - 00:19



Lingua: Italiano

Traduzione italiana a cura di Nicolò La Perna
CANTO PER DIRE

Se a mille, a mille m’hanno condannata
a mille, a mille devono vergognarsi.
Non canto per tre soldi o per piacere,
io canto perché ho tanto da dire.

Ai ragazzi di tutto il mondo
io dico di impegnarsi nell'amore,
e l’uomo falso cercate di scansare
perché è quello che vuole sfruttare.

A chi dei tempi antichi va parlando,
diteglielo che c’era schiavismo.
I ricchi non uscivano dalla tana
a lavorare, i figli di puttana.

Se a mille, a mille m’hanno condannata
a mille, a mille devono vergognarsi.
Non canto per tre soldi o per piacere,
io canto perché ho di che dire.

E dico a tutte le donne del mondo:
“Fatevi una buona famiglia,
tenete pulita la coscienza,
tingete di rosa la vostra vita.

A quelli che vi parlano di Dio
diteglielo che voi ci credete,
ma non è lo stesso Dio dei padroni
ma quello della gente senza luna.”

Se queste parole non ti danno pace
e bruciano la mente e la sostanza
miseria nella terra ce n’è tanta.
perché critichi la voce mia che canta?

inviata da Bernart Bartleby - 9/4/2015 - 00:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org